Padoan, la Ue e la fine dell'austerità

Se Bruxelles accettasse la richiesta italiana di rinviare il pareggio di bilancio al 2016, significherebbe la fine del rigore tedesco

Pier Carlo Padoan, ministro dell'Economia – Credits: Andreas Solaro/AFP

Marco Cobianchi

-

Lo si può interpretare così: il ministro “amerikano” Pier Carlo Padoan contro il ministro romano Fabrizio Saccomanni. Il Def del 2013 contro quello del 2014. Tradotto: il pareggio di bilancio dello Stato non ci sarà nel 2015, come previsto dal governo Letta, ma nel 2016 a causa di "eventi eccezionali", ha detto Padoan alla Camera e al Senato. L’”evento” consiste nella decisione del governo di pagare, quest'anno, altri 13 miliardi di debiti della pubblica amministrazione alle imprese che hanno lavorato per lo Stato e ancora non hanno visto i loro soldi. Questo farà aumentare sia il deficit sia il debito, ha spiegato il ministro, rendendo impossibile rispettare gli impegni presi da Letta-Saccomanni.

Per questo Padoan ha rivolto a Bruxelles la richiesta di rivedere i patti : richiesta che deve essere accettata dalla Commissione la quale ora deve rispondere. Una risposta "pesante" perché, in caso di parere positivo, e difficilmente potrà essere altrimenti, ammetterà che gli accordi stipulati con un Paese membro possono essere violati a fronte di un evento che per nessun altro Paese è considerato "eccezionale". Pagare le fatture delle aziende alle quali viene commissionato un lavoro pubblico è, infatti, "normale" in tutti i Paesi del mondo. Se la Commissione accettase il concetto di "eccezionale" riferito al pagamento dei debiti, si tratterebbe, di fatto, del via libera europeo a un allentamento del regime di austerità che strangola l'Europa fin dall'inizio della crisi.

Tuttavia quella del rinvio del pareggio di bilancio era già, in qualche modo, anticipato dal Def stesso. A pagina 2 del primo tomo (in tutto sono 5) si legge, infatti, che "il posticipo al 2016 del conseguimento dell'obiettivo di pareggio di bilancio non configura una violazione dei regolamenti europei e appare in linea con quanto previsto dalla normativa nazionale di recepimento delle disposizioni dettate a livello europeo". Il riferimento del Def è all'articolo 81 della Costituzione che, modificato, afferma che "Lo Stato assicura l'equilibrio tra le entrate e le spese del proprio bilancio, tenendo conto delle fasi avverse e delle fasi favorevoli del ciclo economico. Il ricorso all'indebitamento (ed è esattamente il caso previsto da Padoan nel suo discorso alle Camere) è consentito solo al fine di considerare gli effetti del ciclo  economico e, previa autorizzazione delle Camere adottata a maggioranza assoluta dei rispettivi componenti, al verificarsi di eventi eccezionali".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La lettera di Padoan alla Ue

Ecco lo scambio con cui il ministro dell'Economia informa il vice presidente della Commissione Europea che l'Italia rimanderà il pareggio di bilancio di un anno

Renzi contro la Ue: i 3 temi sul tavolo

Via libera alle riforme e allentamento dei vincoli di bilancio. I difficili obiettivi del premier nel vertice di Bruxelles

Commenti