Quattro segreti per investire come i miliardari

Quali strategie usano i trader di maggior successo per decidere cosa comprare e quando vendere

Un trader al lavoro alla Borsa di New York (John Moore/Getty Images)

Stefania Medetti

-

Per fare i soldi, ci vogliono i soldi. Ma ci vuole anche una strategia per farli e Business Insider ne svela quattro, prendendo esempio dalle mosse degli investitori che hanno costruito una fortuna miliardaria con le mosse giuste. In 24 degli ultimi trent’anni, Warren Buffett ha battuto le performance di S&P 500, portando a casa un 18% medio all’anno. La sua strategia è particolarmente semplice: l’oracolo di Omaha, infatti, si concentra su società caratterizzate da un robusto flusso di cassa e si assicura che queste aziende non siano a rischio di obsolescenza tecnologica. Le compagnie assicurative sono l’esempio perfetto di questo modo di procedere ed è per questa ragione che, nella prima parte della sua carriera, Buffett si è dedicato quasi esclusivamente a loro. Ultimamente, il miliardario sta esplorando nuovi settori come la tv con DirectTv o la salute, con l’acquisizione di quote del fornitore di servizi per dialisi DaVita HealthCare. Quanto alla durata dell’acquisto, Buffett è convinto che la tempistica migliore sia “per sempre”. I suoi migliori investimenti, infatti, durano nel tempo: metà del suo patrimonio è investito in Wells Fargo, Coca-Cola, Ibm e American Express. 

Seth Klarman, alla guida del bostoniano Baupost Group, è noto per la capacità di selezionare gli investimenti giusti e per la sua proverbiale pazienza. Infatti, metà del suo patrimonio è parcheggiato in contanti, in attesa del momento giusto. Uno dei temi a lui cari è il concetto di “margine d’errore” e acquista solo azioni di aziende che non corrono il rischio di perdere di valore. Klarman ama andare contro corrente e fa particolare attenzione a quelle realtà che stanno attraversando un periodo negativo, come BP dopo l’incidente del Golfo del Messico, convinto che si sarebbe rimessa finanziariamente in forma. Un altro esempio è l’assicurazione American International Group: Klarman è passato all’azione dopo che era evidente che non sarebbe finita in bancarotta.

Con la sua Bridgewater Associates, Ray Dalio gestisce asset per 120 miliardi di dollari. La sua strategia si basa su una chiara e particolare visione delle forze macroeconomiche che muovono azioni, obbligazioni e beni. E’ solo dopo aver messo a fuoco lo scenario che Dalio cerca occasioni di investimento che incontrino la sua visione delle cose. In pratica: Dalio non ascolta tv, commenti ed esperti, ma si affida alla sua percezione dell’andamento globale dell’economia. Al capo opposto della barricata, c’è Paul Tudor Jones, esponente dell’acquisto mordi e fuggi. Secondo Jones, le occasioni sono disponibili per brevi finestre di tempo ed è per questa ragione che approfitta di grandi eventi, come un cambiamento delle politiche della Fed. La sua strategia è agile e attenta a minimizzare le perdite. Jones, inoltre, non si concentra solo sulle azioni, ma anche su altre opportunità come i contratti di opzione. 

© Riproduzione Riservata

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965