PIL: cosa sono i 12 nuovi indicatori

Misurano il benessere equo e sostenibile e soprattutto l’impatto delle politiche su queste tematiche

ministero_economia_finanze

La sede del ministero dell'Economia e delle Finanze in via XX settembre a Roma – Credits: ANSA/CLAUDIO ONORATI

Massimo Morici

-

Pil, inflazione, disavanzo e debito. L'attuale governo e quelli futuri dovranno tenere in considerazione anche altri altri indicatori, introdotti con un decreto ministeriale che è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il 15 novembre.

Misurano il benessere equo e sostenibile e soprattutto l'impatto delle politiche su tali indicatori. Nella nota ufficiale, il Mef le definisce "un faro sulla qualità delle politiche e sui loro effetti nella vita dei cittadini".

"Sono 12 e non 50 per evitare che potessero risultare dispersivi" ha spiegato Federico Giammusso, dirigente generale del Tesoro molto ascoltato a Palazzo Chigi: è anche consulente per la macroeconomia del ministro Padoan. In via sperimentale, nell'ultimo Def sono stati già introdotti 4 indicatori.

Nel Documento del prossimo anno la lista sarà arricchita "per arrivare presto a comprendere i 12 indicatori" prosegue il Mef nella nota. Di seguito un sunto della Relazione illustrativa presentata lo scorso giugno alla Camera dal Comitato per gli indicatori di benessere equo e sostenibile dell'Istat che ha selezionato i 12 indicatori da considerare nel DEF.

Reddito medio disponibile aggiustato pro capite

Incluso in via sperimentale nel Def 2017, permette di stimare l'ammontare complessivo del reddito disponibile per le persone residenti in Italia, compreso il valore dei servizi in natura.

Indice di diseguaglianza del reddito disponibile

Anche questo parametro è stato incluso in via sperimentale nel Def 2017. Fornisce un'informazione sulla distanza tra il reddito dei più ricchi e i più poveri e tiene conto della diversa composizione familiare (bambini e adulti o le economie di scala che si realizzano con la coabitazione).

Indice di povertà assoluta

Rappresenta la percentuale delle persone che non riescono ad acquistare un determinato insieme di beni e servizi essenziali.

Speranza di vita in buona salute alla nascita

Consente di valutare la "qualità della sopravvivenza", aspetto rilevante "nell'attuale fase della transizione demografica e sanitaria, caratterizzata dall'invecchiamento della popolazione e dalla diffusione di patologie cronico-degenerative".

Eccesso di peso

Fa riferimento alla classificazione dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) dell'Indice di massa corporea, che consente di identificare le persone in sovrappeso o obese. L'eccesso di peso rappresenta un importante fattore di rischio per la salute e quindi per la spesa sanitaria di un paese.

Uscita precoce dal sistema di istruzione e formazione

L'indicatore è una misura target di Europa 2020 per ridurre la quota di abbandoni al di sotto del 10 per cento. Ridurre la quota di persone che abbandona la scuola è essenziale "per aumentare il livello di competenze della popolazione e ridurre il rischio di esclusione sociale".

Tasso di mancata partecipazione al lavoro

Questo indicatore è il terzo incluso in via sperimentale nel Def 2017 e oltre al tasso generale sarà fornita anche la scomposizione del valore per genere. Esprime una misura dell'offerta di lavoro insoddisfatta più ampia rispetto al tasso di disoccupazione: coglie, infatti, quella parte di popolazione inattiva che si dichiara disponibile a lavorare "pur non avendo cercato lavoro nelle 4 settimane che precedono l'intervista".

Donne e figli

Il governo ha deciso di includere tra i 12 indicatori quello che misura il rapporto tra tasso di occupazione delle donne di 25-49 anni con figli in età prescolare e delle donne senza figli. L'indicatore "è una misura indiretta dell'adeguatezza dei servizi di welfare tesi alla conciliazione degli impegni casa - lavoro". 

Indice di criminalità predatoria

Calcola il numero di vittime di furti in abitazione, borseggi e rapine per 1.000 abitanti ed è uno dei principali indicatori della sicurezza dei cittadini.

Indice di efficienza della giustizia civile

Misura indirettamente l'efficienza della giustizia civile, "condizione essenziale per il corretto funzionamento del sistema economico, quanto per la fiducia dei cittadini nelle istituzioni". Tiene conto dei procedimenti civili (primo e secondo grado) al netto dell'attività del Giudice tutelare e dell'Accertamento tecnico preventivo in materia di previdenza.

Emissioni di CO2 e altri gas clima alteranti

L'indicatore di inquinamento atmosferico è il quarto incluso in via sperimentale nel Def 2017. Misura le tonnellate di CO2 (anidride carbonica) equivalente emesse su base annua da attività agricole, urbane e industriali per abitante, ma non considera l'effetto compensativo legato alla presenza di boschi.

Indice di abusivismo edilizio

Misura il numero di costruzioni abusive per 100 costruzioni autorizzate dai Comuni. "Da un corretto equilibrio nel rapporto di forza fra interessi pubblici e privati dipendono sensibilimente, infatti, il benesse collettivo e la coesione delle comunità locali".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Crescita del Pil nel secondo trimestre del 2017: la maggiore dal 2011

L'aumento è stato dello 0,4%, l'1,5% in un anno. Il Ministro dell'Economia Padoan: ora investimenti, giovani e lotta alla povertà

Fmi: il Pil italiano cresce un pochino di più

Stime del Fondo monetario a + 1,3% per il 2017, all'1% nel 2018. Perdono slancio gli Usa e il Regno Unito post Brexit

Lottomatica, nel 2016 generati 2,3 miliardi di euro di Pil

Presentato il rapporto di comunità dell'azienda, che ha contribuito con 1,3 miliardi di euro al fisco e creato oltre 28 mila posti di lavoro

Gli effetti di un aumento del Pil sul nostro reddito

Le differenze in termini di capacità di spesa dipendono dal sesso, dall'età e dal lavoro svolto

Pil a +0,9% a dicembre, meglio del previsto

L'andamento trimestrale è superiore alle stime del Governo (+0,8%) e se confermato a marzo sarebbe il miglior dato dal 2010

Commenti