Numeri

Perché la disoccupazione scende (e forse scenderà ancora)

Incoraggianti i dati di dicembre (più 93mila occupati) che non incorporano ancora gli effetti degli sgravi fiscali e del contratto a tutele crescenti

Marco Cobianchi

-

Cala la dosoccupazione a dicembre. Ed è buon segno. Non solo per il numero assoluto di persone che hanno trovato un posto di lavoro, 93mila tra novembre e dicembre, non solo per la percentuale di senza lavoro, che passa da 13,3 a 12,9% e non solo perché cala anche significativamente il tasso di giovani senza lavoro, dal 43 al 42%, ma soprattutto prchè i dati non incorporano gli effetti degli sgravi fiscali sui nuovi assunti e nemmeno gli effetti del nuovo contratto a tutele crescenti che, a oggi, ancora non è disponibile per le imprese.

Quindi sembra giustificato l’entusiasmo sia del premier Matteo Renzi, anche perché il numero degli occupati sale a 22 milioni e 422mila, valori simili a quelli di settembre 2014 e anche perché, come sottolinea, le persone che hanno trovato un posto di lavoro in tutto il 2014 sono state 109mila.

Nel grafico il confronto tra i dati sulla disoccupazione mensile tra il 2013 e il 2014. I dati all'interno di ogni singola colonna rappresenta il dato sul tasso della disoccupazione giovanile, quelli all'esterno quelli sulla disoccupazione totale.

© Riproduzione Riservata

Commenti