Non solo Brexit: tutti i problemi della Ue

Una maggiore integrazione dell’Eurozona potrebbe avere come effetto un'intensificazione delle tendenze populiste in Repubblica Ceca, Polonia e Ungheria

Unione Europea

Una crepa nel logo dell'Unione Europea - 10 ottobre 2017 – Credits: iStock - Cil868

Stefania Medetti

-

L’Unione Europea potrebbe trovarsi a fare i conti con una nuova rottura, scrive BloombergCome nel caso del Regno Unito con la Brexit, infatti, un insieme di insofferenze culturali e scelte politiche miopi sta alimentando a Est la voglia di voltare le spalle a Bruxelles.

Movimenti antiteci

Mentre la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron spingono per una più forte integrazione dell’Eurozona, i populisti autoritari dell’ex blocco sovietico in Repubblica Ceca, Polonia e Ungheria si muovono in direzione opposta, sostenendo temi come la libertà politica e la sovranità nazionale. 

Repubblica Ceca: appuntamento alle urne

Stando ai sondaggi, le elezioni del prossimo 20 e 21 ottobre vedono in vantaggio il miliardario populista Andrej Babis che promette di far funzionare il governo come le sue aziende e di rimandare a casa gli immigrati provenienti dal Medio Oriente. Il candidato, pur essendo consapevole dei rischi economici di una potenziale secessione, è uno strenuo oppositore dell’integrazione europea e dell’influenza di Bruxelles nell’Est Europeo.

Cosa succede in Polonia

Babis non è un caso isolato. Sulla scena politica, infatti, c’è anche il polacco Jaroslaw Kaczynski, fondatore e presidente del partito conservatore Diritto e Giustizia che ha vinto le elezioni nel 2015. Semplice parlamentare, Kaczynski è considerato di fatto il leader e la figura più potente del paese, perennemente in guerra con l’Unione Europea da un punto di vista istituzionale (dopo il voto britannico ha auspicato la restituzione dei poteri da parte di Bruxelles) e personale. Kaczynski, per esempio, ha cercato di impedire al connazionale Donald Tusk di assumere la carica di presidente del Consiglio Europeo.

L’opposizione dell’Ungheria

Dopo la riforma della giustizia varata la scorsa estate che assegna al Ministro della Giustizia il potere di nominare i candidati della corte suprema e di fatto cancella l’autonomia della magistratura, il primo ministro Viktor Orban potrebbe incassare una nuova vittoria alle elezioni che si terranno il prossimo anno. Nel frattempo, fomenta l’insofferenza nei confronti di Bruxelles sostenendo - fra l'altro - che l’Unione Europea, d’accordo con il finanziere di origini ungheresi George Soros, intende rimuovere le barriere anti-migranti posizionate dall’Ungheria lungo il confine meridionale del paese e pagare gli immigrati per entrare in Europa.

L'ombra di Trump

Se ce ne fosse stato bisogno, la Brexit ha dimostrato ai leader dei paesi dell’Est quali siano i potenziali costi economici di affidare al voto dei cittadini la decisione di un allontanamento dal blocco europeo. Ma sono propri i tentativi di un rafforzamento dell’integrazione europea e dei suoi valori umanitari e democratici che potrebbero mettere in rotta di collisione le due metà d’Europa. Dopo l'elezione del presidente americano Donald Trump, infatti, l'Unione Europea sente più forte la necessità di difendere posizioni umanitarie.

L’effetto Macron

Durante la campagna elettorale, Macron ha lamentato il doppio standard di paesi come la Polonia e l’Ungheria che infrangono le regole europee e incassano i benefici economici dell’appartenenza. Adesso, il presidente francese auspica una maggiore integrazione della zona euro, cosa che potrebbe inquietare i paesi orientali che sono fuori dall’unione monetaria.

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Macron, Gentiloni e l'asse Italia-Francia

Sul tavolo dell'incontro tra i due leader il dossier Fincantieri-Stx, lo sblocco della Tav e la politica europea

Brexit, marzo 2019: fine della libera circolazione dei cittadini Ue

Lo ha annunciato Theresa May, smentendo il ministro degli Esteri che, nei giorni scorsi, aveva detto che non ci sarebbe stato alcun cambiamento

Brexit, un anno dopo: chi ci guadagna e chi no

Grandi vantaggi per gli speculatori, mentre i cittadini normali soffrono per una contrazione dei salari che si accompagna a un'impennata dell'inflazione

Commenti