Economia

Minibot: cosa sono, chi li vuole (e chi no)

Sono il primo passo per portare l'Italia fuori dalla zona Euro o uno strumento valido per saldare i debiti delle PA?

Denaro contanti

Barbara Massaro

-

Soluzione al problema del debito o strumento finanziario illegale? E' la domanda che da giorni gira attorno ai minibot, i titoli di Stato di piccolo taglio privi di scadenza e con un prezzo deciso dal mercato presentati dalla Lega come soluzione per sanare i debiti dello Stato verso aziende e privati.

Cosa sono i minibot

I minibot sono dei buoni ordinari del Tesoro di piccolo taglio equivalenti a 5, 10, 20, 50 e 100 euro e verrebbero stampati fisicamente e sarebbero del tutto simili a delle banconote. Privi di tasso di interesse e senza scadenza, verrebbero utilizzati per qualsiasi bene o servizio legato allo Stato, dalle tasse alle partecipate alla benzina ai biglietti dei treni.

A cosa servono i minibot

Come i normali Bot servono a pagare i debiti che la pubblica amministrazione ha contratto con gli imprenditori che avevano deciso di investire nei titoli di Stato.

L'introduzione dei minibot come strumento per saldare i debiti della PA fa parte del contratto di governo ed è uno dei cavalli di battaglia (più discussi) della Lega.

Il motivo è presto detto: questi buoni ordinari del tesoro, a differenza dei bot regolari, non sono immateriali, ma assomigliano piuttosto a una vera moneta cartacea. Quello che confonde gli analisti è che non si capisce se si tratti di uno strumento che consente un debito sul debito oppure qualcosa che in realtà sia il primo passo di una nuova moneta alternativa all'Euro.

Secondo il Presidente della Bce Mario Draghi "O sono moneta, e quindi sono illegali, o sono debito, e quindi aumentano il debito pubblico. Nient’altro".

Cosa è successo in Parlamento

E' da tempo che il tema dei minibot (che potrebbero avere tagli anche da 5,10,20 o 50 euro) è allo studio nella politica economica gialloverde e lo scorso 28 maggio la Camera ha approvato una mozione sull'accelerazione del pagamento dei debiti commerciali della pubblica amministrazione.

In questo senso Montecitorio ha impegnato il governo a pagare le aziende fornitrici anche attraverso "La cartolarizzazione dei crediti fiscali, anche attraverso strumenti quali titoli di Stato di piccolo taglio".

Ed ecco perché si è tornati a parlare di minibot. Secondo i sostenitori di questo strumento di pagamento grazie ai minibot si può procedere a una cartolarizzazione del credito che rimetta in modo l'economia.

Perché a molti non piacciono

Coloro che, invece, non ritengono i titoli di Stato di piccolo taglio utili a questo scopo pensano che pagare un debito creando un altro debito non abbia senso e sia del tutto controproducente.

E se quindi la vera ragion d'essere dei minibot non è quella di saldare i debiti delle PA, cosa si nasconde dietro a questo progetto?

Molti analisti vedono all'orizzonte l'ipotesi di avviare la cosiddetta Italiexit, ovvero l'uscita dell'Italia della zona Euro.

I minibot, infatti, sono passività dello Stato senza scadenza e senza tasso d'interesse e questa è una delle condizioni che ogni moneta deve avere, la seconda è la sua friubilità.

Un cittadino che paga in minibot dovrebbe avere la certezza che quel titolo di Stato venga accettato come strumento di pagamento e per essere accettato colui che lo accetta dovrà sapere di poterlo a sua volta utilizzare per i suoi pagamenti.

Se questo circuito fosse avviato (magari con la spinta di una legge che obblighi le imprese e gli esercizi commerciali a utlizzare minibot) si andrebbe a mettere, di fatto, in circolazione una moneta alternativa all'euro.

Cosa ha detto Salvini

Quest'ultimo aspetto è stato smentito categoricamente dal vice premier Salvini che ha tagliato corto dicendo: "Le monete alternative le usiamo al Monopoli. Però qua c’è emergenza di pagare i debiti della pubblica amministrazione nei confronti di famiglie e imprenditori. Sono decine di miliardi di euro che già sono debito dello Stato, quindi in che forma restituirli è tutto da valutare e ci stiamo ragionando".

Restituire un debito creando altro debito, però, non convince tutti. Se ad esempio un minibot emesso dallo Stato venisse accettato per pagare le tasse di fatto il contribuente pagherebbe un debito con un altro debito quindi lo Stato starebbe scambiando una passività con un'altra passività.

Anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti ha parlato di minibot concludendo: "Tutte le soluzioni nuove sono contestate, non dico che siano la Bibbia, ma sono una proposta per accelerare i pagamenti, una delle possibilità, una delle soluzioni: ma la strada maestra è quella della crescita".


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Titoli di Stato italiani: perché sarà un autunno caldo

A settembre e ottobre tre agenzie di rating rivedranno il giudizio sull'Italia. Moody's minaccia una bocciatura che potrebbe scatenare le vendite di Btp

Brexit: le conseguenze su valute, azioni e titoli di Stato

Gli investitori cercano riparo nei beni rifugio: oro, dollari, Bund e Treasuries. Sale lo spread

Titoli di stato, quei Bot sempre più avari

Dopo l'ultima asta, i Buoni del Tesoro semestrali rendono poco più di mezzo punto su base annua. Per guadagnare di più, bisogna allungare le scadenze, aumentando però anche il rischio

Titoli di stato: che fare con lo spread in discesa

Il differenziale Btp/Bund è sotto controllo e, per alcuni analisti, può arrivare a 250 punti. C'è ancora fiducia sui Buoni del Tesoro, ma è bene non esagerare

Commenti

Cookie Policy Privacy Policy
© 2018 panorama s.r.l (gruppo La Verità Srl) - Via Montenapoleone, 9 20121 Milano (MI) - riproduzione riservata - P.IVA 10518230965