biotestamento
Economia

Manovra-bis 2017, le misure

Sostituzione dei voucher, nuove regole perl'iva e gli studi di settore. Cosa prevede la “mini-finanziaria” correttiva del governo. Dopo la Camera, ok anche dal Senato

Cambio di regole sull'iva, superamento degli studi di settore, nuovi contratti per il lavoro occasionale e maggiore tassazione (forse) per i colossi del web.

Sono tante le misure contenute nella manovra-bis, un pacchetto di provvedimenti di bilancio e fiscali che il Parlamento ha dunque approvato a colpi di fiducia (ottenuta mercoledì 31 maggio alla Camera, e giovedì 15 giugno al Senato).

Ecco, di seguito una panoramica sui contenuti della manovra-bis, che vale nel complesso 3,4 miliardi di euro.

LEGGI ANCHE: La manovra-bis al via, la versione inziale
LEGGI ANCHE: Le incognite della manovra economica

Lavoro occasionale: i nuovi contratti

E' una norma che ha poco a che fare con il bilancio dello Stato ma è stata inserita comunque nella manovra-bis durante l'iter parlamentare. Si tratta del provvedimento che istituisce nuovi contratti di lavoro semplificati per le assunzioni occasionali, che prima venivano remunerate coi voucher (aboliti nel marzo scorso). I nuovi contratti saranno destinati alle micro-imprese con meno di 5 addetti. Per pagare le colf e le badanti che fanno prestazioni saltuarie, invece, le famiglie potranno usare un nuovo libretto di lavoro telematico.

Web tax

Da tempo si parla di web tax per far pagare le imposte ai colossi di internet, per esempio alle multinazionali del commercio elettronico che vendono prodotti e hanno una stabile organizzazione in Italia ma hanno la residenza fiscale altrove. Con la manovra-bis non verrà introdotta una vera e propria web tax (prima ci vuole il via libera dell'Europa) ma verrà avviato comunque un meccanismo di cooperazione fiscale rafforzata tra i colossi di internet e l'Agenzia delle Entrate.

Tassa Airbnb

I portali web come Airbnb che operano in qualità di intermediari per gli affitti brevi dovranno fare per la prima volta da esattori, cioè applicare alla fonte un prelievo del 21% (cedolare secca) sul canone incassato dai proprietari.

Iva
Non ci saranno per il momento aumenti dell'iva, che scatteranno probabilmente nel 2018. Verranno però introdotte nuove regole per il pagamento dell'imposta sul valore aggiunto, con l'estensione dello split payment e del reverse charge. Si tratta di un sistema di versamento dell'iva che fa ricadere l'onere di versare il dovuto su chi compra un bene e non su chi lo vende (come avviene nella maggioranza dei casi). L'obiettivo è prevenire le frodi fiscali che con questo meccanismo, a quanto pare, sono più difficili da attuare


Studi di settore, nuove regole
 
La manovra-bis sancisce il superamento degli studi di settore, che verranno rimpiazzati da un indice di affidabilità fiscale che premia i contribuenti più “ligi al dovere”.


Fondi pensione esclusi dal bail-in

La liquidità dei fondi pensione sarà più sicura e verrà esclusa dalle procedure del bail-in, le norme europee che fanno ricadere sui clienti di una banca gli effetti dei fallimenti di un istituto di credito.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti