Manager: chi sono i 50 ceo più sexy del mondo

Leadership, ma non solo. Ecco chi deve la propria fortuna anche a un certo non so che

Jamie Dimon, ceo JPMorgan Chase Chairman durante un’udienza nel giugno scorso a Capitol Hill, Washington (Saul Loeb/Afp/GettyImages)

Stefania Medetti

-

Potere, eleganza, portamento e comportamento. Sono il denominatore comune dei cinquanta membri della lista dei ceo più sexy del mondo stilata da Business Insider . Giovani, ma non necessariamente, come Gregg Steinhafel, 56enne ceo della catena di punti vendita Target la cui carriera è partita dal negozio del nonno a Milwaukee fino ad arrivare al vertice di una catena dove è possibile comprare di tutto, da abbigliamento a elettronica, passando per giocattoli e prodotti per la salute. Ha 37 anni, invece, lo svedese Karl-Johan Persson , ceo di H&M dal 2009, classificato da Business Insider al 48° posto. Già nell’elenco di Cnn Money dei 40 sotto i 40 anni da tenere d’occhio, il manager in realtà gioca in casa, visto che l’insegna di abbigliamento è stata fondata dal nonno.

Non poteva mancare Richard Branson, in 45esima posizione. Il manager è noto per aver fondato otto diverse società il cui fatturato si misura in miliardi di dollari, partendo nel 1970 da Virgin , nato come servizio di vendita di dischi e cresciuto fino a diventrare un’etichetta discografica per artisti come i Sex Pistols e i Rolling Stones. Arianna Huffington, fondatrice Huffington Post, ha 61 anni e si posiziona al 41° posto. Il sito nato nel 2005 per raccogliere news e commenti è cresciuto fino a diventare un successo planetario . Arianna Huffington, in particolare, ha vinto un Premio Pulitzer e ha pubblicato 13 libri. Katrine Markoff non ha ancora compiuto 40 anni e la sua Vosges Haut-Chocolat è oggi sinonimo di cioccolato esperienziale, ricco com’è di sollecitazioni. Markoff, infatti, invita le persone a esplorare le diverse culture, gli artisti e la tradizione.

In classifica, al 37° posto, c’è anche David Karp, 26enne fondatore del blog da 800 milioni di dollari Tumblr , genio ribelle che ha lasciato il liceo all’eta di 15 anni e, un anno più tardi, era direttore tecnologico di una società chiamata UrbanBaby. Si considera nemico degli appuntamenti, tranne che per quanto riguarda i meeting di lavoro. A dimostrazione del suo sex appeal, il giovane manager ha posato per una campagna di J.Crew lo scorso autunno. Fascino orientale per Kazuo Hirai, ceo di Sony dalla primavera dello scorso anno, posizionato al 31° posto e impegnato nel compito di riportare Sony al centro della competizione per quanto riguarda immagini digitali, giochi e mobile. Ammette di essere ossessionato dai videogiochi.

Guida la danese Bang & Olufsen , Tue Mantoni, 23° secondo la classifica. Il giovane manager (ha 37 anni) ha dichiarato a Fast Company che se non fosse seduto sulla poltrona di presidente e amministratore delegato di B&O, avrebbe perseguito una carriera nell’ambito sportivo: ha concluso la Maratona di New York in 2 ore e 55. Ventunesima, Marissa Mayer, ceo di Yahoo! e più giovane donna ad essere entrata nella classifica delle 50 donne più potenti del business stilata da Fortune . Sempre protagonista dei titoli dei giornali, Mayer ha recentemente incassato le critiche dopo la sua decisione di mettere fine al telelavoro.

Al sedicesimo posto, c’è Dylan Lauren, figlia di Ralph Lauren, alla guida di Dylan’s Candy Bar , catena di negozi di caramelle, con punti vendita a New York, Long Island, Houston, un business goloso ispirato alla “Fabbrica del Cioccolato di Willy Wonka”. Decimo, Jamie Dimon, ceo di JPMorgan Chase, noto come il “banchiere preferito di Obama”, dopo che il manager 56enne ha contribuito ad aiutare il Governo durante la crisi finanziaria. Dimon ha anche il favore della stampa che l’ha più volte indicato, a vario titolo , fra i migliori ceo d’America. Nel 2011, ha portato a casa 23 milioni di dollari.

Non poteva mancare Pete Cashmore, non ancora trentenne, imprenditore di origini scozzesi e fondatore di Mashable , figura anche nell’elenco delle cento persone più influenti del mondo secondo Time . Terzo, Jack Dorsey, fondatore di Twitter e ceo di Square , la società di pagamento mobile. Nativo di St Louis, in Missouri, ha concepito l’idea di Twitter quando era uno studente della New York University.

Al vertice della classifica, c’è Ben Rattray, fondatore di Change.org , un sito che promuove il cambiamento sociale attraverso le petizioni. Fondato nel 2007, è stato definito dal Washington Post come “uno fra i canali più influenti per l’attivismo”. Change.org ha avuto un tale successo che è già economicamente in attivo. Nonostante ciò, Rattray – secondo quanto riferisce SF Gate – mantiene uno stile di vita sobrio: diviede un appartamento con tre amici e guida una Toyota Camry del 1996.

L’elenco completo è su Business Insider .

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Wall Street: ecco le 25 donne più potenti

Contano nelle banche d’affari o hanno dato vita a fondi di investimento di successo

Commenti