Lavoro

Stop alle aperture domenicali, quanti posti sono a rischio

Federdistribuzione parla di 40mila possibili tagli. Ma le chiusure potrebbero essere più morbide del previsto

PER SHOPPING DOMENICALE PAM APRE LAVORO PER SOLI STUDENTI

Andrea Telara

-

Il ministro del lavoro e dello Sviluppo Economico, Lugi Di Maio, è intenzionato a far partire le nuove regole già prima dell’inizio del 2019. Ma, alla fine,  l’annunciato stop alle aperture domenicali dei negozi potrebbe essere un po’ più morbido del previsto. L’idea di Di Maio è introdurre un sistema di turni in base al quale, in ogni giornata festiva, resta aperto a rotazione il 25% degli esercizi commerciali. 

Si tratta dunque di una soluzione un po’ più soft di quella prospettata in due differenti proposte di legge, una della Lega e un’altra del Movimento 5stelle, che puntano a limitare le aperture nei giorni festivi a non più di una al mese.  Qualunque sia a soluzione scelta, c’è un’associazione di categoria che ha già manifestato la sua contrarietà al provvedimento della maggioranza giallo-verde e si è messa a fare i conti. 

Uno su dieci a rischio

Si tratta di Federdistribuzione, la sigla delle grandi catene di supermarket e centri commerciali che ha stimato una perdita potenziale di 40-50mila posti di lavoro, nel caso in cui i negozi fossero costretti a chiudere alla domenica o nei festivi. Da dove escono questi numeri? La stima deriva dal fatto che oggi, nella grande distribuzione, lavorano nel complesso 450mila persone. Fatta eccezione per i sabati, ormai le domeniche  sono i giorni della settimana in cui si spende di più nei supermercati e centri commerciali, con un peso di circa un decimo sul fatturato. 

Di conseguenza, secondo Federdistribuzione,quasi il 10% degli addetti del settore sta rischiando il proprio posto, a causa di un possibile dimagrimento degli organici. Si tratta appunto di un esercito di oltre 40mila persone anche se le stime sono fatte un po’ a spanne. Di sicuro, chi smetterà di lavorare alla domenica senza perdere il posto sarà contento. Anche se, va detto, il personale dei negozi è soltanto un piccolo spaccato degli italiani che prestano servizio durante i giorni festivi. 

Milioni in servizio 

Secondo le stime della Cgia (la confederazione degli artigiani di Mestre), i nostri connazionali che lavorano alla domenica sono infatti ben 4,7 milioni. I dipendenti del commercio rappresentano poco più di 580mila lavoratori mentre  ci sono oltre 200mila addetti dei trasporti, più di 680mila persone tra medici e infermieri e circa 330mila dipendenti pubblici, tra cui molti addetti delle forze dell’ordine. Tutti loro continueranno a lavorare anche nelle festività, negozi chiusi o aperti che siano. 

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Negozi, pro e contro dello stop alle aperture domenicali

In Parlamento Lega e 5Stelle vogliono mettere fine alla liberalizzazione degli orari degli esercizi commerciali. Ecco gli effetti che ha avuto sinora

Black Friday: negozi presi d'assalto dalla gente | video

Negozi, perché aprirne uno in Italia è più difficile che nel resto d’Europa

Secondo un'indagine della Commissione Ue a influire negativamente ci sono le troppe entità da contattare per avviare una pratica

Perché i negozi di elettronica devono cambiare pelle

L'avanzata dell'online da un lato, il fenomeno smart home dall'altro: per i retailer dell'hi-tech è giunto il momento di rinnovare l'esperienza d'acquisto

Apple Pay: come pagare nei negozi con l'iPhone - VIDEO

Abbiamo provato il nuovo sistema di pagamento di Apple in un bar di Milano. Ecco com'è andata

Moda: perché Instagram uccide il modello di business dei negozi

Ecco come la Generazione Z sta riscrivendo le regole di produzione e vendita

Perché Apple Pay è il metodo più sicuro per pagare nei negozi e online

Scarse probabilità di clonazione, protezione con l’impronta digitale e nessuna informazione diffusa in giro. Pagare con il cellulare è meglio

Commenti