Lavoro

Smart working, perché ancora non parte

Nelle aziende italiane crescono le sperimentazioni del cosiddetto lavoro agile. Ma esistono ancora molti ostacoli culturali

telelavoro

Andrea Telara

-

In inglese lo chiamano smart working, ed è un modo di lavorare “agile e intelligente”, basato sulla flessibilità degli orari e sull’orientamento ai risultati. In molte aziende lo sperimentano già da anni con progetti specifici, consentendo ai dipendenti di avere maggiore autonomia nella gestione della giornata e degli spazi di lavoro e di operare a distanza, anche da casa, quando ci sono particolari esigenze personali che impediscono di recarsi in ufficio.


Secondo i dati dell’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano, gli italiani che operano con queste modalità avanzate, pur avendo un contratto da dipendente, sono ormai più di 300mila, in crescita di ben il 14% tra il 2016 e il 2017.


Questione di cultura

Tuttavia, esiste ancora qualche ostacolo culturale che impedisce al lavoro agile di estendersi su larga scala.  OD&M Consulting, società controllata da Gi Group e specializzata nella consulenza sulla gestione delle risorse umane, ha condotto un’indagine da titolo “Smart Working: is your company smart?”, effettuata su un panel di 84 aziende del nostro paese.


Lo scopo  della ricerca era approfondire quali sono le ragioni per cui le imprese decidono di utilizzare lo smart working, quali i benefici ottengono e quali criticità incontrano nell’applicarlo. Dallo studio di  OD&M Consulting è emerso che le difficoltà maggiori sono per lo più di tipo culturale e in misura assai minore legate a fattori pratici come la disponibilità di dotazioni tecnologiche.


Molte aziende interpellate ritengono infatti che per l'estensione del lavoro agile sia importante diffondere una cultura aziendale basata sulla fiducia nell’impresa, sull’attitudine all’autonomia e alla responsabilità,  sulla predisposizione al cambiamento e all’utilizzo di strumenti digitali. Il tutto, ovviamente, deve essere accompagnato da un sistema di valutazione dei risultati attraverso opportuni Kpi (key performance indicator), indicatori chiave di performance.


Per sparne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Edison: l'energia diventa smart

Edison pensa al futuro e gioca d'anticipo

Lo smart working all'Enel e il "modello elettrici"

Dall'alternanza scuola-lavoro al patto fra pensionati e nuovi assunti: come è stata gestita la riduzione di 100 mila posti di lavoro senza scioperi

Lo Smart Working può incidere per 37 mld di euro sulle imprese italiane

La ricerca realizzata dall’Osservatorio Smart Working e i consigli alle aziende per muovere i primi passi verso un approccio “smart”

Telelavoro: cinque consigli per lavorare da casa

Legalità, giusta divisione delle spese, benefici e rischi per chi non è in ufficio

Perché i robot ci rubano il lavoro

L'automazione alle catene di montaggio aumenta le disuguaglianze: gli operai perdono il lavoro mentre i proprietari continuano ad arricchirsi

Sophia, il primo robot con cittadinanza

Federico Faggin: "I robot non avranno mai una coscienza"

Incontro con l'inventore del microprocessore, che spiega perché le macchine non potranno provare emozioni, né sottometterci

Robot collaborativi: come imparano a relazionarsi con gli uomini

Le nuove macchine si stanno preparando a diventare membri di un team a tutti gli effetti

Commenti