Scuola: riconoscimenti agli insegnanti meritevoli e addio alle supplenze

Venerdì arriva in consiglio dei ministri il progetto di trasformazione dell'istruzione del governo. I sindacati: nessun meccanismo di premio fuori dal quadro contrattuale

Il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, al Meeting di Comunione e Liberazione di Rimini, 25 agosto 2014. – Credits: ANSA/PASQUALE BOVE

Redazione

-

Venerdì in Consiglio dei Ministri arriverà l'idea della nuova scuola italiana del governo Renzi. Idea che prevede, in sostanza, di premiare il merito degli insegnanti e, soprattutto, di eliminare il precariato, con il superamento delle supplenze.

Al meeting di Rimini di Comunione e Liberazione, ieri il ministro dell'istruzione Stefania Giannini ha spiegato che alla "visione" del governo in fatto di istruzione, presentata il 29 agosto, seguirà poi un provvedimento cui si lavora da mesi. Il cui cardine sarà la cancellazione del concetto di precariato dalla vita degli insegnanti e, di riflesso anche da quella della scuola italiana.

Giannini non ha dato dettagli su come avverrà "il miracolo".
Ha spiegato che le supplenze devono essere riconsiderate in quanto già dall'inizio dell'anno scolastico si conoscono alla perfezione quali e dove sono i posti da sostituire stabilmente, "ma c'è un meccanismo perverso che ci trasciniamo da decenni che non ci consente di lavorare se non con l'organico di diritto e quindi di riempirlo attraverso le graduatorie". "I supplenti non saranno eliminati fisicamente - ha precisato con una battuta Giannini - e questo lo vedrete" nelle prossime settimane. Bisogna però "ragionare in termini di organico funzionale e non di organico di diritto. È l'uovo di Colombo che chi lavora nella scuola conosce da tempo, ma che nessun governo ha avuto il coraggio di affrontare direttamente perché significa prendere coscienza che le supplenze non fanno bene né a chi le fa né a chi le riceve".

La professione docente comprende l'insegnamento ma va anche oltre la didattica, occupandosi di compiti connessi all'aggiornamento dei docenti, alla formazione sulle Clil (insegnamento di una materia in lingua straniera), alla progettazione didattica per migliorare l'offerta formativa, all'utilizzo e funzionamento delle nuove tecnologie.

"Chi fa di più prende più soldi" è dunque l'idea di fondo del governo.

Resta da vedere come il principio diventerà prassi.

I sindacati
Pare certo che non verrà proposta tout court una tripartizione di qualifiche (tre gradi di carriera: insegnanti ordinari, esperti e senior) con un ripescaggio della cosiddetta legge Aprea. Anche perché questo proposito i sindacati hanno già messo le mani avanti. "Se rispondono a verità le indiscrezioni di un intervento sugli scatti e di un tentativo di introdurre elementi di meritocrazia al di fuori di un sistema contrattuale - ha anticipato il leader della Flc-Cgil, Mimmo Pantaleo - per noi è inaccettabile".

"Quando si punta sul lavoro e sulla professionalità bisogna pensare che lo strumento per valorizzare l'impegno è il contratto di lavoro, bisogna quindi puntare al rinnovo del contratto, bloccato da 8 anni" ha aggiunto il leader della Cisl scuola, Francesco Scrima. E d'accordo con lui si è detto pure il segretario della Uil scuola, Massimo Di Menna, secondo il quale se la riforma della scuola non prevedesse un impegno sul rinnovo del contratto "sarebbe molto negativo".

Autonomia scolastica e competenze degli studenti
A parte il personale della scuola, gli altri due grandi capitoli su cui il provvedimento del Governo si articolerà sono l'autonomia scolastica e programmi e competenze degli studenti. Nei giorni scorsi i contatti tra Giannini e Renzi sono stati molto fitti.

Il Piano è stato elaborato negli uffici del Miur sulla base di quanto preparato dai gruppi costituiti a viale Trastevere per fare una fotografia dell'esistente e avanzare possibili soluzioni; il premier ha poi valutato tra queste quelle "politicamente fattibili".

Venerdì saranno presentate dunque Linee-guida "operative" che non avranno tuttavia ripercussioni immediate sull'anno scolastico che sta per iniziare.

Dai primi giorni di settembre partirà una consultazione di forze politiche e sociali e sarà aperto un dibattito che andrà avanti per un paio di mesi. Poi il Governo tirerà le somme e procederà con i provvedimenti.

A differenza di quanto accaduto, talvolta, negli anni passati questo "pacchetto scuola" non dovrebbe essere una misura a costo zero, ma un intervento coperto da un cospicuo stanziamento di risorse. Nei giorni scorsi Renzi ha parlato di un miliardo da prevedere nella legge di stabilità. E "investire sull'istruzione in un momento di crisi profonda vuol dire preparare la svolta radicale dei prossimi anni" ha assicurato il ministro Giannini. (ANSA).

© Riproduzione Riservata

Commenti