Robot al lavoro: quanti posti di lavoro possono creare (e quanti far perdere)

Un rapporto del World Economic Forum ipotizza un saldo positivo entro il prossimo decennio

Robot

Robot al lavoro - 19 settembre 2018 – Credits: iStock - PhonlamaiPhoto

Stefania Medetti

-

Buone notizie per l'economia globale: l'aumento di macchine, robot e algoritmi in fabbrica e in ufficio creerà quasi il doppio di posti di lavoro rispetto a quelli che andranno perduti a causa dell’innovazione. E’ quanto emerge da uno studio del World Economic Forum che stima che, entro la metà del prossimo decennio, il progresso tecnologico sarà in grado di creare 133 milioni di posti di lavoro nel mondo, compensando dunque i 75 milioni che potrebbero andare persi. 

Un modello già visto nella storia

Lo riporta il Guardian che traccia un parallelo con altre epoche della storia economica trainate dall’innovazione. E’ il caso della rivoluzione industriale che, con l’avvento dei motori a vapore prima e dell’elettricità poi ha determinato una trasformazione del panorama lavorativo, ma anche la creazione di nuove professionalità che, con il tempo, hanno portato allo sviluppo della classe media

Un traguardo da conquistare

I risultati presentati sono emersi da un sondaggio condotto dal World Economic Forum presso dirigenti aziendali di venti nazioni che rappresentano un totale di cinque milioni di lavoratori. Klaus Schwab, presidente dell’organismo economico, ha tenuto a sottolineare che i guadagni occupazionali determinati dalla tecnologia non sono una conclusione scontata. Per arrivare a questo traguardo, infatti, saranno necessari maggiori investimenti in formazione e istruzione per aiutare i lavoratori ad adattarsi al cambiamento. 

Le reti di sicurezza necessarie

Il rapporto, infatti, ha rilevato che esistono sfide urgenti per la riqualificazione dei lavoratori e che, allo stesso tempo, sono necessarie reti di sicurezza per proteggere le figure professionali più esposte. I rischi dell’inazione, infatti, sono noti. I capi delle aziende interpellati hanno detto che più della metà delle attività lavorative esistenti oggi potrebbero essere eseguite dalle macchine entro il 2025. In particolare, i lavori più rischio hanno a che fare con l’amministrazione, la contabilità e l’inserimento dati.

Per saperne di più

- Il lavoro nel futuro: i robot saranno una minaccia o un’opportunità?

- Robot e intelligenza artificiale minacciano 66 milioni di posti di lavoro


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Così i robot salveranno la vecchia popolazione europea

L'invecchiamento della forza lavoro sta provocando un rallentamento della produttività che potrà essere compensato solo con le macchine

Auto che si guida da sola, come insegnare la sicurezza ai robot

Le vetture autonome usano la matematica, non l’istinto. La sfida è trovare regole comuni ed efficaci perché sappiano davvero rimpiazzarci al volante

E se l'Europa attribuisse una “personalità elettronica” ai robot?

Uno stato legale specifico renderebbe le macchine più sofisticate responsabili delle loro azioni

Commenti