Lavoro

Pensioni, quante sono quelle degli statali

Circa 2,8 milioni di assegni che costano oltre 66 miliardi l'anno. La spesa è in crescita ma il 18% guadagna meno di mille euro

dipendenti-pubblici

Andrea Telara

-

In totale sono 2.841.815 e costano allo stato italiano oltre 66 miliardi di euro all'anno. Sono le pensioni dei dipendenti pubblici, secondo le cifre da poco divulgate dall'Inps che, nel 2016, registra un incremento dello 0,8% nel numero dei trattamenti e del 2,1% nel costo a carico dello stato, rispetto all'anno precedente. L'importo medio dell'assegno è di 1.794,88 euro lordi mensili, compresa la tredicesima, che corrispondono a circa 1.500 euro netti. Non è poco, anche se va rilevato un aspetto: non tutti gli statali se la passano alla stessa maniera.

Pensioni 2017, le modifiche in arrivo


Circa il 18,2% delle pensioni pubbliche, infatti, ha un importo mensile inferiore ai 1.000 euro al mese, un altro 51,3% varia tra i 1.000 e 2mila euro mentre il 22,8% è compreso tra 2mila e 3mila euro. Infine, c'è una fetta di ex-statali a riposo che ricevono un assegno abbastanza generoso dai 3.000 euro mensili lordi in su (circa 2.100 euro netti).

Crescita continua

Aldilà dei diversi trattamenti percepiti, dalle statistiche dell'Inps emerge chiaramente un dato: da diversi anni a questa parte, l'importo delle pensioni degli statali cresce ininterrottamente. Tra il 2012 e il 2016, infatti, l'ammontare medio mensile dei trattamenti è salito da 1.738 a quasi 1.795 euro, cioè di circa il 3,3%, oltre due punti in più rispetto all'inflazione. Questo trend al rialzo si è verificato anche se diversi governi, da quello di Monti a quello di Renzi, hanno più volte bloccato (del tutto o in parte) l'indicizzazione degli assegni previdenziali all'aumento dei prezzi al consumo. Il che vuol dire che ogni anno, dal 2012 in poi, c'è stato un numero sempre maggiore di statali che si sono messi a riposo e con assegni via via  sempre più generosi rispetto ai loro colleghi che si sono ritirati prima. Il numero di assegni pagati dall'Inps agli ex dipendenti pubblici, infatti, è cresciuto di 53mila unità negli ultimi 4 anni, da oltre 2,78 milioni a poco più di 2,84 milioni.


Cos'è l'Ape, l'anticipo di pensione del governo Renzi


Anche in questo caso, però, occorre fare dei distinguo perché non tutte le categorie di statali hanno ricevuto lo stesso trattamento. I più fortunati sono stati i pensionati della sanità (per esempio i medici specialisti ospedalieri) la cui pensione media ammonta a 4.185 euro lordi (quasi 2.800 euro netti) ed è cresciuta di oltre il 4% negli ultimi 4 anni, 3 punti in più dell'inflazione. Non si può dire altrettanto degli ex-dipendenti degli enti centrali dello Stato che, sempre tra il 2012 e il 2016, hanno visto il loro assegno salire da 1.661 a 1.687 euro lordi mensili, con un aumento di appena 20 euro al mese.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Riforma delle pensioni in Grecia: i 5 punti principali

Tagli del 15-30% e tetto a 2.300 euro. Ecco la contestatissima legge previdenziale di Tsipras

Pensioni in prestito

Come sarà e come funzionerà il finanziamento che consente di mettersi a riposo a 63 anni anziché a 66

Pensioni e part-time agevolato: a chi conviene e a chi no

Parte dal 20 maggio la possibilità di fare orario ridotto senza perdere i contributi. Vantaggi e svantaggi di questa scelta

Su pensioni e lavoro è disgelo tra Governo e sindacati

Disponibilità al confronto da parte di entrambi. È quanto è emerso nell'incontro che ha gettato le basi per le riforme future

Pensioni minime, quanto costa aumentarle di 80 euro (o anche meno)

Il governo vuole alzare gli assegni Inps intorno ai 500 euro al mese. Ma sarà una misura che pesa sui conti pubblici

Pensioni 2017, le modifiche in arrivo

A riposo a 63 anni, agevolazioni per lavori usuranti e precoci. Con queste misure, la previdenza italiana cambierà di nuovo quest'anno.

Commenti