Lavoro

Pensioni, perché in Parlamento scattano dopo quattro anni

Con una sola legislatura deputati e senatori si assicurano un assegno di almeno mille euro al mese. Ma la rendita arriverà a 65 anni

Parlamento

Andrea Telara

-

Almeno mille euro al mese. E’ la pensione che si sono assicurata i deputati e senatori italiani, dopo aver portato a termine appena quattro anni e mezzo di legislatura. Proprio in questi giorni è scattata la soglia minima di permanenza a Montecitorio o a Palazzo Madama che consente agli eletti dal popolo italiano (600 di loro sono al primo mandato) di avere diritto a una rendita in vecchiaia.

A riposo a 65 anni

Ma perché i parlamentari impiegano così poco a maturare la pensione? In realtà va fatta una precisazione importante: il diritto ad avere una rendita non scatterà subito, neppure per quelli che non verranno rieletti alla fine del loro mandato, il cui termine è fissato per la primavera del 2018. Deputati e senatori avranno la pensione soltanto a 65 anni compiuti (o a 60, se hanno alle spalle più di 5 legislature).

Sono dunque finiti i tempi in cui esistevano dei vitalizi assai generosi, che consentivano ai parlamentari di avere subito una rendita di diverse migliaia di euro vita natural durante, anche dopo esser stati seduti per pochi giorni sugli scranni di una delle due Camere. Negli anni scorsi, infatti, le pensioni dei parlamentari sono state riformate.

In base ai contributi

Prima è stata spostata a 60-65 anni l’età in cui si può riscuotere la rendita. Inoltre, è stato introdotto il metodo contributivo per il calcolo degli assegni. Anche per i deputati e senatori, dunque, l’importo della pensione dipende dalla quantità di contributi (circa un terzo del loro stipendio) che hanno versato nel corso della loro carriera politica .

Poiché i parlamentari guadagnano molto, dunque, hanno anche una contribuzione previdenziale alta, che consente loro di avere almeno mille euro di pensione dopo soli 4-5 anni. Va detto però che il requisito dei 5 anni minimi di contribuzione non è un trattamento di favore ma è previsto anche per tutti gli altri lavoratori assunti dal 1996 in poi, che hanno la pensione calcolata con il metodo contributivo e secondo i criteri della riforma Dini. Soltanto chi ha iniziato la carriera prima del 1996 deve alle spalle avere almeno 20 anni di contributi per ottenere la pensione.


Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pensioni, perché in Parlamento scattano dopo quattro anni

Con una sola legislatura deputati e senatori si assicurano un assegno di almeno mille euro al mese. Ma la rendita arriverà a 65 anni

Pensioni, se i genitori pagano i contributi per i figli

La proposta di un economista per evitare che gli under 30 e 40 abbiano una rendita da fame

Pensioni 2018, cosa cambia per le donne

Dal prossimo anno l’età di uscita dal lavoro verrà fissata a 66 anni 7 mesi e uniformata a quella degli uomini

Pensioni e Ape: come funziona il prestito bancario

Un finanziamento da restituire in 20 anni. Ecco lo strumento che permette di andare in pensione fino a 3 anni e 7 mesi prima del previsto

Pensioni minime per i giovani: di cosa si parla

Si fa strada la proposta di istituire un assegno di almeno 650 euro al mese per chi ha iniziato la carriera dal 1996 e rischia di fare la fame in vecchiaia

Niente taglio alle pensioni d'oro dei sindacalisti: il governo contro Boeri

Ecco perché è stata bocciata la circolare Inps che negava il trattamento agevolato dei versamenti

Pensioni, clima, agricoltura in discussione al Parlamento Europeo

Immigrati: quanto pesa il loro contributo per le pensioni degli italiani

Secondo il presidente dell’Inps Tito Boeri, la chiusura delle frontiere per i prossimi 22 anni farebbe mancare circa 38 miliardi di contributi

Pensioni e Ape, perché l'assegno rischia di essere troppo basso

Chi avrebbe maturato mille euro di rendita a 66 anni, ritirandosi a 63 anni ne prenderà solo 700. Ecco il costo salato del riposo in anticipo

Commenti