Lavoro

Pensioni, cosa vogliono i sindacati dal governo

A riposo a 63 anni, ma anche Bonus Irpef per gli assegni previdenziali bassi e stessa tassazione degli stipendi. Le richieste a Renzi di Cgil, Cisl e Uil

++ Pensioni: Camusso,senza risposte ragionevole sciopero ++

Andrea Telara

-

Il summit ufficiale ci sarà martedì prossimo, 24 maggio. E' in questa data che si svolgerà un incontro tra governo e sindacati sul tema di politica economica più infuocato degli ultimi 5 anni: le pensioni e la possibilità di cambiare la Legge Fornero, cioè la riforma previdenziale approvata nel dicembre 2011 dal governo Monti, che ha innalzato a 66 anni suonati l'età di ritiro dal lavoro. Se la riforma Fornero non verrà ammorbidita accogliendo le richieste sindacali, Cgil e Uil proclameranno uno sciopero generale, mentre la segretaria della Cisl, Anna Maria Furlan, considera ancora prematuro parlare di un'agitazione.


A ben guardare, tra le richieste avanzate dalle tre maggiori sigle dei lavoratori, non c'è soltanto la modifica della legge Fornero. I sindacati hanno infatti preparato una vera e propria piattaforma di richieste al governo Renzi, tutte in materia di previdenza. Tra queste, c'è ovviamente anche un abbassamento dell'età pensionabile di almeno 3 anni, in deroga alle regole della Fornero. Tuttavia, a Cgil, Cisl e Uil non piace molto la soluzione ideata dal governo che, secondo quanto dichiarato finora anche dal premier, abbasserà l'età del pensionamento ma introdurrà comunque delle penalizzazioni per chi si ritira prima di aver compiuto i 66 anni e 7 mesi. Inoltre, i sindacati pretendono dal governo ulteriori impegni, soprattutto sul fronte fiscale. In primis, vogliono che il Bonus Irpef di 80 euro al mese non resti confinato ai lavoratori dipendenti ma venga esteso anche alle pensioni più basse. Poi, Cgil, Cisl e Uil vogliono una equiprazione tra stipendi e pensioni per quel che riguarda la no tax area, cioè il livello di reddito al di sotto della quale non si pagano imposte. Per i lavoratori dipendenti, la no tax area è infatti attualmente poco sopra gli 8mila euro annui mentre per i pensionati è al di sotto di questa soglia. E così, su un reddito di appena 10mila euro all'anno, un lavoratore subordinato si trova in tasca un importo netto di 785 euro mensili, contro i 700 euro percepiti invece da un pensionato con lo stesso imponibile.


Cos'è l'Ape, l'anticipo di pensione del governo Renzi


Altra richiesta dei sindacati è la separazione dell'assistenza dalla previdenza. Ciò significa porre a carico della fiscalità generale (ovvero delle tasse pagate da tutti i contribuenti) le prestazioni come gli assegni di invalidità e inabilità che vengono date a chi si trova in condizioni di disagio, coprendo invece le pensioni vere e proprie con i contributi versati dai lavoratori. Si tratta tuttavia di un'operazione complessa che difficilmente sarà messa in pratica. Anche per le altre rivendicazioni di Cgil, Cisl e Uil, però, non sembrano esserci grandi spazi di manovra. Soltanto per estendere il Bonus Irpef a chi ha una pensione minima, infatti, ci vorrebbero circa 3 miliardi di euro di spesa aggiuntiva.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pensioni e part-time agevolato: le cose da sapere

Il ministro del lavoro, Giuliano Poletti, ha emanato il decreto che consente ai lavoratori più anziani di fare l'orario ridotto, senza perdere contributi

Pensioni 2017, cosa potrebbe cambiare

Penalizzazioni per chi si ritira prima dei 66 anni, prestito previdenziale e meno tasse sui fondi integrativi. Le soluzioni studiate dal governo

Pensioni di reversibilità, perché sono salve (almeno per ora)

Con un emendamento al ddl povertà, l'esecutivo tranquillizza chi temeva un taglio agli assegni previdenziali delle vedove e dei vedovi

Riforma delle pensioni in Grecia: i 5 punti principali

Tagli del 15-30% e tetto a 2.300 euro. Ecco la contestatissima legge previdenziale di Tsipras

Pensioni in prestito

Come sarà e come funzionerà il finanziamento che consente di mettersi a riposo a 63 anni anziché a 66

Pensioni anticipate: cosa può cambiare dal 2017

A riposo a 63 anni e con un taglio dell'assegno di importo variabile. Ecco come il governo ammorbidirà la riforma Fornero

Pensioni e part-time agevolato: a chi conviene e a chi no

Parte dal 20 maggio la possibilità di fare orario ridotto senza perdere i contributi. Vantaggi e svantaggi di questa scelta

Commenti