pensione-lavoro
Lavoro

Pensione e lavoro: troppi stereotipi, poca conoscenza

I vecchi impediscono ai giovani di lavorare; gli immigrati tolgono opportunità agli italiani. La verità? Sappiamo poco e ci fidiamo delle ideologie

La domanda aleggia ormai da una decina d'anni, ovvero da quando ci si è resi conto che, alla lunga, il nostro sistema pensionistico non sarebbe stato in grado di erogare pensioni decenti, o perlomeno pari a quelle attuali, alla totalità dei futuri pensionati. La domanda è: siamo sicuri che mandare in pensione sempre più tardi i lavoratori anziani ancora occupati non finisca per penalizzare i giovani, che un'occupazione la cercano ma non la trovano, o la trovano solo a tempo determinato?

Il dubbio è stato sollevato più volte, specie in occasione delle riforme che hanno progressivamente spostato in avanti l'età della pensione, e l'hanno agganciata in modo pressoché automatico alla speranza di vita. Un percorso che ha inciso soprattutto sulle donne lavoratrici, che hanno progressivamente perso il diritto di andare in pensione prima dei lavoratori maschi.

Ma il massimo della tensione e del dubbio si è toccato nelle ultime settimane, quando l'Istat, che l'anno scorso aveva annunciato una (lieve) riduzione della speranza di vita (registrata nel 2015), ha invece confermato la tendenza all'aumento,e  che il picco, o l'anomalia, del 2015 era stata riassorbita, dando così il via libera a uno spostamento in avanti dell'età della pensione. Dal 2019, ha annunciato il governo, fatte salve alcune eccezioni (lavori usuranti), si andrà in pensione tutti quanti, uomini e donne, all'età di 67 anni, ovvero qualche mese dopo il limite attuale.

Peccato che nei medesimi giorni l'ultima rilevazione Istat sulle forze di lavoro, relativa al mese di settembre, annunciasse un calo dell'occupazione giovanile, un dato che non faceva che allungare l'elenco delle cattive notizie degli ultimi anni: l'occupazione giovanile ristagna, i nuovi posti di lavoro occupati dai giovani sono quasi sempre a termine, l'emigrazione dei giovani verso l'estero pare un fiume inarrestabile. Ecco perché, sempre più insistentemente, ci si chiede: "Ma siamo sicuri che a forza di trattenere al lavoro i vecchi, non stiamo creando un "tappo" che impedisce ai giovani di entrare sul mercato del lavoro?" "Non sarebbe meglio lasciare andare in pensione i vecchi e fare spazio ai giovani?"

Messa così, l'obiezione pare convincente. Molti economisti, tuttavia, pensano che sia un'obiezione sbagliata. In estrema sintesi, le controobiezioni sono tre.

  • Primo, nei Paesi in cui si va in pensione più tardi il tasso di occupazione dei giovani non è affatto più basso che negli altri, anzi mediamente è un po' più alto.
  • Secondo, se si ritarda l'innalzamento dell'età pensionabile diventerà inevitabile alzare i contributi sociali, una misura che potrebbe costare assai cara ai giovani stessi sotto forma di minore occupazione e buste paga più leggere.
  • Terzo, spesso i posti di lavoro lasciati liberi dagli anziani potrebbero semplicemente sparire (quante aziende hanno tutt'ora forza lavoro in eccesso!), o non essere facilmente ricopribili da lavoratori giovani, cui spesso mancano le conoscenze e l'esperienza dei lavoratori più anziani.

La prima obiezione è molto debole, perché dimostra solo che, da qualche parte, è stato possibile dare un lavoro a tutti, vecchi e giovani.

La seconda è molto forte, perché nessuno sa come tamponare la voragine che il mancato adeguamento dell'età pensionabile alla speranza di vita aprirebbe nei conti pubblici.

Ma l'obiezione veramente interessante è la terza, secondo cui anziani e giovani non sarebbero intercambiabili, in quanto dotati di competenze troppo diverse. Qui, per sapere come stanno veramente le cose, occorrerebbe una ricerca, molto approfondita e inevitabilmente più costosa delle poche indagini che finora si sono avvicinate a questa delicata questione.

È scontato che una parte dei posti occupati da anziani in prossimità della pensione non sono occupabili da giovani, o lo sarebbero solo dopo un più o meno lungo tirocinio, ma la questione cruciale non è "se" questo sia vero, ma "quanto" lo sia. Nessuno sa se i posti di questo tipo siano, poniamo, il 20 o l'80 per cento. Il che fa una differenza enorme.

Io tendo a pensare che siano parecchi, ma non siano la stragrande maggioranza, e che quindi un po' di vero ci sia nell'idea che - in qualche misura - i vecchi sottraggano posti di lavoro ai giovani. È possibile, in altre parole, che gli economisti sopravvalutino un po' il grado di segmentazione del mercato del lavoro, o i costi di strategie volte a rendere più comunicanti i vasi del sistema.

È questa, del resto, un'abitudine mentale contratta in anni e anni di battaglie per negare che gli immigrati portino via il posto di lavoro agli italiani. Anche in quel caso, nessuno sa con precisione in che misura i posti di lavoro occupati da stranieri riguardino lavori che gli italiani rifiuterebbero, o non accetterebbero alle medesime condizioni. E tuttavia colpisce quanto stereotipati siano gli esempi addotti per sostenere la tesi chei due mercati del lavoro non comunichino: muratori, braccianti impegnati nella raccolta del pomodoro, badanti, facchini, colf.

Raramente si pensa, ad esempio, all'esercito dei commessi, spesso alle dipendenze di medie e grandi aziende, ai dipendenti pubblici, ai portieri di albergo, agli addetti delle pompe di benzina, ai fattorini, per non parlare dell'arcipelago delle partite Iva. Tutte posizioni abbondantemente occupate, e spesso più che meritoriamente conquistate, da lavoratori stranieri, ma non certo invise ai lavoratori italiani, specie nel Mezzogiorno.

nsomma: certe affermazioni, un po' perentorie, sulla segmentazione del mercato del lavoro forse meriterebbero qualche analisi empirica in più. Quando si parla di vecchi e di giovani, ma anche quando si parla di italiani e di stranieri.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti