Lavoro

Opzione Donna, chi potrà andare in pensione a 58 anni

Il governo consentirà alle lavoratrici di mettersi a riposo con 35 anni di contributi, seppur con penalizzazioni. Incognite sulle coperture finanziarie

pensioni-manifestazione

Andrea Telara

-

In pensione a 58 anni, con 35 anni di contributi alle spalle. Ecco una finestra di uscita dal lavoro che nel 2019 potrebbe essere sfruttata da migliaia di lavoratrici italiane. Oltre a introdurre la tanto discussa quota 100, il governo sembra infatti intenzionato a rinnovare l’Opzione Donna, un sistema che consente alle esponenti del gentil sesso di  mettersi a riposo molto prima degli uomini, seppur con molte penalizzazioni. 

In vigore da anni

A ben guardare, l’esecutivo guidato da Giuseppe Conte non ha inventato nulla di nuovo.  L'Opzione Donna esiste infatti da diversi anni. E' stata introdotta dal governo Berlusconi nel 2004, come norma transitoria in vigore fino al 31 dicembre 2015 ed è stata confermata  successivamente di anno in anno, anche dopo la severissima riforma Fornero del 2018. 

Uscire dal lavoro così in anticipo, però, comporta un prezzo. Chi usufruisce dell’Opzione Donna riceverà infatti un assegno pensionistico calcolato interamente con il metodo contributivo, cioè in proporzione ai contributi versati nel corso di tutta la carriera e non con il più vantaggioso sistema retributivo, ovvero sulla base degli ultimi stipendi percepiti prima di mettersi a riposo. 

Forti penalizzazioni

E' difficile stimare a priori di quanto verrà tagliata la pensione a chi sceglie di congedarsi dal lavoro con l'Opzione Donna. Tutto dipende infatti dai percorsi di carriera di ogni singola lavoratrice, cioè dalla quantità di contributi che ha versato. In linea di massima, l'assegno Inps calcolato con il metodo contributivo è inferiore di almeno il 25% rispetto a quello che matura con il metodo retributivo.

 In rapporto agli ultimi stipendi, invece, la rendita pensionistica di chi sceglie l'Opzione Donna può essere inferiore anche del 30-40%. Chi ha una retribuzione di 1.500 euro mensili, per esempio, uscendo a 58 anni con 35 di contributi può ritrovarsi con una pensione inferiore a mille euro. Mettersi a riposo prima, dunque, può costare caro. Resta però da sciogliere il nodo delle coperture. Secondo Cesare Damiano, deputato del Pd che si è occupato a lungo di questioni previdenziali, le risorse per finanziare l’Opzione Donna non ci sono. Tempo qualche settimana e si vedrà se è vero o no.

Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

In pensione a 62 anni, chi potrà andarci e chi no

Gli avvantaggiati e gli esclusi dal nuovo sistema della quota 100 che entrerà in vigore nel 2019

Alberto Brambilla: "In pensione a quota 100, ma a 64 anni"

L’esperto, consulente del vicepremier Salvini, illustra la proposta per superare la legge Fornero

Pensioni e quota 100, perché si perde oltre il 20% dell’assegno

Dal 2019 sarà possibile ritirarsi a 62 anni con 38 anni di contributi. Ma bisognerà accontentarsi di una rendita più magra

Pensioni, perché ora il riscatto della laurea è di nuovo conveniente

Il governo prepara degli incentivi per chi vuol far conteggiare gli anni dell’università nell’anzianità di carriera

Pensioni, cosa cambia dal 2019

A riposo con 62 anni di età e 38 di carriera. Così il governo cambierà la previdenza

Pensioni e quota 100, chi resterà beffato dalla riforma

Dal 2019 lavoratori italiani potranno ritirarsi con 62 anni di età e 38 di contributi. Ma i nuovi requisiti lasceranno molti a bocca asciutta

Pensioni e quota 100, perché fanno aumentare il debito pubblico

Il presidente dell'Inps stima un onere di 100 miliardi di euro per le casse dello Stato con l'abbassamento a 62 anni dell'età di uscita dal lavoro

Pensioni, quanto costa ritirarsi a 62 anni

Il governo istituirà la quota 100 che consente di mettersi a riposo 5 anni prima del previsto, rinunciando però a qualche centinaia di euro al mese

Pensioni minime, perché non è giusto alzarle a 780 euro

Il Movimento 5 Stelle preme per alzare gli assegni Inps più bassi, con il rischio di fare regali a chi non ne ha bisogno

Pensioni: cosa sono la quota 100 e le altre idee di Lega e M5S

Le donne a riposo a 58 anni (col metodo contributivo) e tutti a 64 anni con 36 di contributi. Così Salvini e Di Maio vogliono cambiare la previdenza

Pensioni e quota 100, perché aiuteranno poco i giovani

Il governo abbassa l’età di ritiro dal lavoro. Ma non servirà per combattere la disoccupazione tra gli under 30

Pensioni di cittadinanza, di cosa stiamo parlando

La maggioranza vuole portare gli assegni Inps minimi a 780 euro mensili. Ma alzarli tutti costa troppo

Commenti