Ma quanto piace il lavoro flessibile!

Uno studio di YouGov per Deliveroo sul desiderio di bilanciare lavoro e vita. Ma servono garanzie e denaro sufficienti per le passioni personali

Deliveroo Ciclista

Un fattorino di Deliveroo a York, Regno Unito, 28 settembre 2016 – Credits: Istock/Teamjackson.

a cura di LABITALIA/ADNKRONOS

-

Piace il lavoro flessibile. Almeno stando a uno studio condotto dalla società di ricerche YouGov per Deliveroo su un campione di oltre 1.000 adulti.

Infatti, ben l’88% degli intervistati quando inizia una nuova attività ritiene prioritaria la possibilità di scegliere l’orario di lavoro. Immaginando di cercare lavoro, il 39% degli intervistati preferisce - potendo indicare più risposte - la possibilità di scegliere il proprio orario di lavoro, un altro 39% quella di richiedere orari flessibili o lavorare da remoto e il 36% di poter lavorare a tempo pieno per tutta la durata della carriera.

Sognando il lavoro ideale, il 57% lo immagina con un adeguato work-life balance, il 42% sufficiente a coprire il costo della vita (casa, cibo, bollette ecc.) e il 34% garanzia di tempo e denaro sufficienti per coltivare le passioni personali.

La ricerca YouGov per Deliveroo ha toccato anche il tema del rapporto tecnologia-lavoro. L’88% degli intervistati pensa che il mondo del lavoro stia cambiando grazie all’utilizzo della tecnologia, il 77% ritiene che l’innovazione tecnologica abbia creato nuovo lavoro, e il 65% ritiene che la tecnologia stia avendo un impatto positivo sul modo di lavorare. Per quanto riguarda il lavoro svolto durante gli studi, gli intervistati hanno lavorato full-time nel 42% dei casi, part-time nel 17%, occasionalmente nel 15% e con part-time multiplo nell’8%.

Tra gli studenti-lavoratori solamente il 22% ha indicato di aver trovato un lavoro flessibile compatibile con lo studio, il 17% avrebbe preferito un lavoro in grado di conciliarsi con la propria vita privata, mentre il 15% ha indicato di aver avuto bisogno di lavorare senza aver trovato la flessibilità che cercava.

"Questi risultati - ha commentato Matteo Sarzana, General Manager Deliveroo Italia - dimostrano che Deliveroo e altre piattaforme dell’on-demand economy stanno offrendo alle persone il tipo di lavoro flessibile che vogliono. Le persone vogliono guadagnare bene, ma cercano sempre di più anche altre cose, come l’equilibrio con la loro vita privata, la possibilità di scegliere il proprio orario e luogo di lavoro. Tutte le aziende, tecnologiche o tradizionali, hanno bisogno di adattare l’offerta di lavoro alle necessità dei lavoratori: flessibilità e sicurezza".

© Riproduzione Riservata
tag:

Commenti