Lavoro

Il ritorno dei voucher, le cose da sapere

Presto verranno reintrodotti i buoni lavoro per pagare le prestazioni occasionali. Ma con molti limiti

Voucher: Cgil in piazza, rispetto per lavoro e Carta

Andrea Telara

-

Dopo giorni di attesa e indiscrezioni, alla fine è arrivata la conferma ufficiale. Presto, con l'approvazione del Decreto Dignità,  torneranno  in Italia i tanto contestati voucher, i buoni-lavoro che servono a remunerare le prestazioni occasionali, come la raccolta dei frutti nella stagione estiva o la vendemmia in ottobre. 

Previsti dal contratto 

La reintroduzione dei voucher è uno dei provvedimenti contenuti nel contratto di governo, firmato nei mesi scorsi dai vertici di Lega e 5 Stelle. Dopo aver temporeggiato un po’, il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, nonché leader dell’M5S Luigi Di Maio ha aperto la strada al ritorno dei voucher, ma soltanto in alcuni settori dove ce n’è bisogno, cioè nell’agricoltura e nelle  strutture turistiche e del commercio con meno di 10 dipenenti, come gli alberghi e i ristoranti. Inoltre, i buoni-lavoro resteranno circoscritti a quelle categorie previste in origine dalla legge che li ha istituiti: i giovani studenti con meno di 25 anni, i pensionati e i disoccupati. 

7 euro e mezzo all’ora

Va ricordato che i voucher erano  dei buoni cartacei (o telematici nella loro versione “smaterializzata”) che valevano ciascuno 10 euro ed erano  in vendita nelle tabaccherie, negli uffici postali, in banca ma anche negli sportelli online dell'Inps. Fino all’anno scorso, se un datore di lavoro (in qualsiasi settore) aveva bisogno di una prestazione saltuaria, per esempio di un cameriere per servire al ristorante di tanto in tanto o di un giovane per sgombrare una cantina e un solaio, poteva  pagarlo almeno 10 euro lordi all'ora utilizzando appunto questi buoni. In base al tempo lavorato, il lavoratore riceveva i voucher a fine giornata, per poi incassarli attraverso gli stessi canali in cui erano venduti, cioè in banca, negli uffici postali o dai tabaccai.

Dei 10 euro lordi di valore previsto per ciascun voucher, 7,5 euro finivano in tasca al lavoratore, circa 50 centesimi (cioè il 5%) andavano all'Inail per l'assicurazione contro gli infortuni, una somma attorno a 1,3 euro (il 13%) era destinata ai contributi pensionistici mentre altri 50 centesimi erano rappresentati da una commissione sulla vendita applicata per gestire tutte le pratiche.

Il referendum della Cgil 

I buoni-lavoro, dunque, sono nati con  lo scopo di dare una copertura contributiva e contro gli infortuni a chi di solito lavora a spizzichi e bocconi. E servivano anche, almeno in teoria, per far emergere impieghi che spesso sono invece remunerati in nero, soprattutto quando vengono svolti dai giovani. 

Lo scorso anno, però, la Cgil ha promosso un referendum per abolire i voucher, accusandoli di essere uno strumento utilizzato da molti imprenditori disonesti, per mascherare lavoro in nero o sottopagato. In pratica, secondo il sindacato rosso, c’erano troppe aziende o commercianti che si tenevano un bel po’ di questi buoni nel cassetto, per rispolverarli nel caso di qualche controllo dell’Ispettorato del lavoro. Con questo escamotage, era possibile far credere che i dipendenti irregolari erano soltanto dei collaboratori occasionali, remunerati appunto con i voucher. 

L’intervento di Gentiloni

Per evitare il referendum della Cgil, che probabilmente sarebbe finito con una valanga di sì all’abolizione, nella primavera dell'anno scorso il governo Gentiloni ha deciso  di far sparire i voucher dalla circolazione, sostituendoli con dei contratti  pensati ad hoc per regolare le prestazioni occasionali. La decisione è stata però molto contestata, soprattutto in certi settori come appunto il commercio e l’agricoltura dove i lavoretti saltuari sono una costante. Per questo l’attuale maggioranza di governo sembra intenzionata a far resuscitare i voucher, seppur fissando un po’ di paletti. L'esecutivo dovrà però fare i conti con il sindacato guidato da Susanna Camusso che ha già annunciato  la raccolta delle firme per un nuovo referendum qualora i voucher vengano reintrodotti. 

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Voucher, tutti i danni della loro abolizione

Secondo i dati forniti da Confesercenti la nuova normativa avrebbe fatto sfumare almeno 500mila occasioni di lavoro

Nuovi voucher, ecco perché non funzionano

La nuova regolamentazione scoraggia gli utilizzatori a causa di procedure complesse e forti limitazioni nell’importo

Voucher, perché potrebbero rientrare nel decreto dignità

A chiedere la loro reintroduzione è un fronte ampio che va dalla Lega a Forza Italia. Contraria invece la Cgil

Come funziona Presto, il nuovo contratto al posto dei voucher

Un compenso di 8-9 euro e qualche vincolo sui compensi annui. Ecco come verranno pagate le prestazioni occasionali dopo l’abolizione dei buoni-lavoro

Voucher, oltre il lavoro: un "casus belli" per la crisi di governo

Il futuro dei buoni lavoro è al centro di una battaglia che potrebbe anche portare alla caduta dell'esecutivo

I nuovi contratti di lavoro al posto dei voucher

Assunzioni semplificate ma solo per le imprese con meno di 5 addetti. Ecco come saranno sostituiti i vecchi buoni per le prestazioni occasionali

Voucher, cosa cambia dopo l'abolizione

Liberalizzazione dei contratti a chiamata e carte prepagate per pagare le colf e le badanti. Cosa rimpiazzerà i buoni-lavoro

Voucher, perché cancellarli è stato un errore

Il governo ha preferito accontentare la Cgil. Ma rischia di lasciare senza tutele migliaia di lavori occasionali di pensionati e disoccupati

Al posto dei voucher: cosa fare

Senza i buoni-lavoro sono più difficili da remunerare le prestazioni occasionali. Con il lavoro a chiamata o altri contratti si può tentare di rimediare

Commenti