Lavoro

Garanzia Giovani, i posti disponibili

Il programma comunitario contro la disoccupazione tra gli under 29 ha raccolto 392mila adesioni. Ma le offerte di impiego scarseggiano

Andrea Telara

-

A Giarre, in provincia di Catania, cercano un analista programmatore e un addetto al marketing. Il contratto proposto per entrambe i profili è un semplice stage, retribuito con un rimborso spese. A Chieti, invece, c'è bisogno di un web master che sappia sviluppare dei progetti su internet, dalle campagne pubblicitarie alla realizzazione di siti. L'assunzione è a tempo determinato per 6 mesi e lo stipendio ammonta a 7.500 lordi su base annua, che corrispondono in media a poco meno di 600 euro netti al mese. Sono queste alcune delle offerte di assunzione presenti oggi nel portale della Garanzia Giovani, l'iniziativa promossa dall'Unione Europea e coordinata in Italia dal ministero del Lavoro, che ha lo scopo di combattere la disoccupazione tra i Neet (not in education, employment or training), cioè il nutrito esercito di italiani con meno di 29 anni che hanno terminato o interrotto gli studi e non hanno ancora un impiego.


Tutti i numeri del flop della Garanzia Giovani


Gli under 29 che si sono registrati finora alla Garanzia Giovani sono in totale 392.416 e corrispondono a circa 22% degli oltre 1,7 milioni di italiani classificati come Neet. A quasi 10 mesi dalla partenza del programma, però, ben pochi candidati possono dire di aver trovato uno spazio nel mercato del lavoro, fosse anche un semplice contratto di stage, un tirocinio o un'assunzione a tempo determinato. Le statistiche pubblicate dal ministero, infatti, parlano di poco più di 148mila giovani presi in carico (il 43% di tutti gli iscritti). Si tratta di candidati per i quali gli uffici che gestiscono il programma hanno semplicemente redatto un profilo ad hoc, in cui viene misurato il grado di difficoltà che questi giovani incontrano nel trovare un impiego. Le proposte vere e proprie di assunzione o training professionale, giunte a chi ha aderito al programma, sono invece appena 12.273 e corrispondono all'8,3% di tutti i candidati presi in carico e a meno del 4% degli iscritti alla Garanzia Giovani.


Garanzia Giovani, cos'è e chi può riceverla


Non va dimenticato, però, che le aziende aderenti al programma possono anche inserire spontaneamente delle offerte di lavoro sul portale della Garanzia Giovani, in attesa di ricevere dai Centri per l'Impiego le segnalazioni dei potenziali candidati. Secondo le statistiche del ministero, da maggio del 2014 sono state pubblicate sul web 30.345 inserzioni per un totale di 43.538 posti di lavoro. Al momento, le posizioni vacanti sono 5.808 e arrivano da quasi tutte le regioni d'Italia, per diversi profili professionali. Oltre alle offerte di Giarre e Chieti sopra ricordate, c'è per esempio un annuncio di lavoro a Montesilvano (Pescara) per la ricerca di un architetto da reclutare con un tirocinio semestrale. A Minturno (Latina) viene proposto un altro tirocinio di 6 mesi, questa volta in uno studio legale, per il disbrigo di incombenti pratiche forensi. Ad Acireale (Catania) c'è invece bisogno di un commesso per un negozio di compro oro mentre a Jesolo (Venezia) si cerca un addetto alle pulizie per le strutture turistiche.


Garanzia Giovani, quei 67mila in attesa di un colloquio


Il 74% delle offerte pubblicate finora nel portale della Garanzia Giovani prevede un'assunzione a tempo determinato mentre solo il 12% del totale è rappresentato da contratti stabili a tempo indeterminato. Seguono a distanza i tirocini (8%), mentre l'apprendistato e le proposte di semplice collaborazione hanno raccolto nel complesso una quota del 4% di tutte le inserzioni. Trovare un impiego stabile con la Garanzia Giovani, insomma, per adesso sembra ancora un'impresa difficile.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Disoccupazione giovanile: la generazione perduta di cui parla la Merkel

La cancelliera tedesca lancia l'allarme sugli under 25 europei che non studiano e non lavorano. Ecco quanti sono e dove abitano

Disoccupazione giovanile: la crescita

La serie storica dei dati sugli occupati dal 2004 al 2013 rivela che gli under 34 sono gli unici a soffrire

Disoccupazione giovanile al 46 per cento, è record

Quasi un under 25 su due è senza lavoro: si tratta del dato più alto dal 1977. Cresce anche l'indice generale dei non occupati

Disoccupazione giovanile al 44,2%: è nuovo record

Impietosi i dati Istat di agosto in crescita di un punto percentuale rispetto a luglio e di 3,6 punti rispetto a un anno fa

Commenti