Così i robot salveranno la vecchia popolazione europea

L'invecchiamento della forza lavoro sta provocando un rallentamento della produttività che potrà essere compensato solo con le macchine

robot

Robot - 11 aprile 2018 – Credits: iStock - BahadirTanriover

Claudia Astarita

-

Gli economisti prevedono che la crescita della forza lavoro in tutto il mondo sia destinata a rallentare, e alcuni si preoccupano di cosa potrebbe significare per l'economia globale.

La combinazione tra il rallentamento della crescita demografica l'invecchiamento della popolazione a livello globale si tradurranno in un parallelo rallentamento del tasso di crescita numerico della forza lavoro.

Perché la crescita economica è destinata a rallentare

Secondo Andrew Kenningham, del think tank britannico Capital Economics, una simile evoluzione influirà pesantemente sulla crescita economica nel prossimo decennio o due, anche perché il rallentamento potrà essere compensato solo parzialmente da una maggiore partecipazione della forza lavoro da parte delle donne e degli anziani.

Perché la crescita è irreversibile

A fronte di un tasso di crescita della popolazione mondiale che dovrebbe raggiungere lo 0,8% entro il 2050, rispetto all'1% e al 2% degli ultimi decenni, gli esperti calcolano che la crescita della popolazione in età lavorativa potrebbe sperimentare una contrazione ancora più netta e più rapida e raggiungere lo 0,4% addirittura prima del 2030. Non solo: si tratterebbe di una tendenza irreversibile e destinata a protrarsi nel lungo periodo, portando il numero di persone di età pari o superiore a 65 anni a raddoppiare nel 2050 e il numero di quelle sotto i 15 a calare dell'8%.

Ci salverà la tecnologia?

La conseguenza immediata sarebbe una riduzione dei ritmi di crescita economica a livello globale, facendo scendere il tasso dalla media del 3,5% degli ultimi due decenni fino al 3,1%. C'è anche chi la pensa diversamente: l'American Economic Association, che riunisce celebri accademici statunitensi,   ritiene che i rapidi progressi dell'automazione e dell'intelligenza artificiale possano avere sufficienti effetti compensativi. In altre parole, dobbiamo confidare nei robot per sostituire l'apporto umano che verrà a mancare nei prossimi decenni e consolidare la crescita faticosamente ottenuta con l'emersione di nuovi grandi attori economici sulla scena globale.

Per saperne di più

Impareremo le lingue conversando con un insegnante robot

Perché i robot ci rubano il lavoro

Il numero di robot triplicherà in meno di dieci anni: le conseguenze sul lavoro

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Robot e intelligenza artificiale minacciano 66 milioni di posti di lavoro

Per l’Ocse, la mancanza di progetti di formazione e tutela toccherà un lavoratore su sette

Viaggio tra i robot che hanno già sostituito l'uomo sul lavoro

Ristoranti e bar senza camerieri, negozi senza commessi, chiavi elettroniche in hotel, corrieri senza fattorino. Alla scoperta del presente automatico

Il lavoro nel futuro: i robot saranno una minaccia o un'opportunità?

L’impatto della tecnologia e dell’intelligenza artificiale sulle professioni del prossimo decennio divide gli esperti. Ecco perché

Lavoro: le dieci professioni che i robot ci vogliono rubare

Secondo una recente ricerca, nel prossimo decennio il 47% dei posti sarà insidiato dall’avanzare della tecnologia

Auto che si guida da sola, come insegnare la sicurezza ai robot

Le vetture autonome usano la matematica, non l’istinto. La sfida è trovare regole comuni ed efficaci perché sappiano davvero rimpiazzarci al volante

E se l'Europa attribuisse una “personalità elettronica” ai robot?

Uno stato legale specifico renderebbe le macchine più sofisticate responsabili delle loro azioni

Robot: cosa succederà al capitalismo di mercato?

Pew Research evidenzia le potenziali conseguenze dell’obsolescenza dei lavoratori

Commenti