Lavoro

Esodati: caro Treu, esistiamo ancora

Lettera aperta di chi è rimasto senza pensioni e senza lavoro, contro il commissario straordinario dell'Inps

Andrea Telara

-

Il signor Fabio Marzola di Treviso è riuscito finalmente a ottenere il diritto alla pensione. Ma non passerà un Natale felicissimo. A lasciargli l'amaro in bocca prima delle festività, sono state le dichiarazioni rilasciate dal commissario straordinario dell'Inps, Tiziano Treu, in una recente intervista a Radio 24. “Gli esodati non esistono più”, ha detto in sostanza Treu, facendo intendere che quasi tutti i problemi creati nel 2011 dalla riforma previdenziale del governo Monti, quella che porta la firma dell'ex-ministro Fornero, sono ormai definitivamente alle spalle.


Esodati, perché il problema non è risolto


In realtà, il signor Fabio di esodati ne conosce personalmente ancora a centinaia, se non a migliaia. Sono quei lavoratori che nel 2011, prima che arrivasse la riforma Fornero, avevano sottoscritto un accordo con la propria azienda per mettersi in mobilità o che erano stati autorizzati a versare volontariamente i contributi previdenziali, in vista di un pensionamento che sarebbe arrivato dopo pochi anni. E invece, al posto dei tanto agognati assegni dell'Inps, per questi lavoratori è piombata dal cielo la legge Fornero, che ha spostato di colpo in avanti l'età della pensione, rendendo di fatto inutili quegli accordi firmati per mettersi in mobilità o per versare volontariamente i contributi. Del resto, la storia degli esodati e ormai nota da tempo e i governi di Monti e Letta, prendendo atto del problema, hanno cercato più volte di correre ai ripari. Come? Semplicemente consentendo a chi è rimasto senza lavoro e senza pensione di mettersi a riposo con le vecchie regole, precedenti alla riforma del governo Monti.


Esodati, la crisi di governo e la legge che può salvarli


Di queste tutele, finora, hanno beneficiato circa 170mila persone che, prima della legge Fornero, avrebbero maturato il diritto alla pensione entro la fine del 2015. E tra questi ex-lavoratori c'è anche il signor Fabio che, tuttavia, ha deciso comunque di mandare una lettera aperta al governo e a tutti i 945 parlamentari della Repubblica, per dire a gran voce che il problema degli esodati non è affatto risolto e che non può essere liquidato così, con un'intervista alla radio del commissario straordinario dell'Inps. Mentre sono stati salvaguardati i lavoratori che maturavano il diritto alla pensione entro il 2015, infatti, restano ancora privi di qualsiasi tutela quelli che invece avrebbero dovuto mettersi a riposo dal 2016 in poi. “Si tratta”, scrive l'ex-esodato trevigiano, “di almeno 49.500 persone, esseri umani, cittadini ed elettori del nostro paese”. Questa stima sul numero degli esodati, ricorda Fabio, non arriva da qualche comitato di aspiranti pensionati ma è stata elaborata tempo fa dallo stesso istituto nazionale della previdenza, in un documento ufficiale.


Esodati: caro Giovannini ti scrivo


Senza dimenticare, poi, i numeri circolati nel 2011 che inizialmente calcolavano la presenza di oltre 350 mila italiani rimasti beffati dalla riforma Fornero e che rischiano di rimanere senza reddito entro il 2018. Non a caso, girando sulla rete di internet, si trovano ancora le sigle di decine di comitati di esodati, di diversi settori e di diverse città della Penisola. Ci sono per esempio gli esodati bancari, quelli postali, gli ex-dirigenti esodati, gli esodati di Roma, gli esodati di Milano, quelli di Parma, il comitato degli esodati di Napoli, e così via sino ad arrivare ai contributori volontari, cioè quei lavoratori che hanno versato i soldi all'Inps spontaneamente, proprio per raggiungere la soglia del pensionamento con le vecchie regole. Molti di loro, se potessero tornare indietro e ragionare con il senno di poi, di sicuro non pagherebbero più neppure un centesimo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Esodati della scuola, perché non possono andare in pensione

Bloccato il provvedimento che consentiva al personale dell'istruzione di mettersi a riposo con la quota 96, tra età anagrafica e anni di carriera

Esodati, che fine ha fatto la legge che li salva

A metà aprile, dovrebbe arrivare in Parlamento il ddl che permette a migliaia di lavoratori di andare in pensione senza le regole della legge Fornero. Ma resta il nodo delle coperture

Pensioni ed esodati, le possibili soluzioni di Poletti

Un anticipo sui futuri assegni Inps, da restituire poi a rate come una sorta di prestito . Ecco le idee studiate dal governo per salvare chi è rimasto beffato dalla riforma Fornero

Esodati della scuola, perché ora possono andare in pensione

Sbloccato il provvedimento che consente al personale dell'istruzione di mettersi a riposo con la quota 96, tra età anagrafica e anni di carriera. Intanto l'Inps comunica i dati sugli assegni: il 43% sono sotto i mille euro

Commenti