Ecco dove si lavora per più di 60 ore alla settimana

Turchia, Corea del Sud e Indonesia sul podio. Quinta posizione per la Grecia, che supera Giappone e Cina

corea-lavoro-sfruttamento

Corea del Sud, marzo 2017: manifestazione contro le morti per "malattie professioali" – Credits: Jean Chung/Getty Images

Claudia Astarita

-

Ha fatto notizia pochi giorni fa il contratto firmato dai metalmeccanici tedeschi che porta la settimana lavorativa a 28 ore, ma la situazione in molti Paesi del mondo è molto meno rosea per i lavoratori. Una ricerca dell'Ocse ripresa da Statista rivela infatti che le ore effettivamente lavorate superano non solo le ventotto dei fortunati operai tedeschi, ma in molti casi persino il numero di sessanta.

Chi supera la "quota sessanta"

Per Niall McCarthy l'elemento positivo che emerge dalla ricerca è che la fatidica "quota sessanta" non viene oltrepassata che da una minoranza dei lavoratori nei Paesi presi in esame, anche se si registrano significative differenze tra nazione e nazione. La maglia nera tocca alla Turchia, dove quasi un quarto dei lavoratori dipendenti turchi ha lavorato in un anno in media sessanta o più ore alla settimana (i dati si riferiscono al 2015, ma la situazione non sarebbe cambiata in maniera sostanziale nel biennio successivo). Anche nei Paesi asiatici si lavora duramente – a conferma di come quello secondo cui i loro cittadini siano lavoratori instancabili non sia soltanto un luogo comune. In Corea del Sud, la percentuale di persone che lavorano più di sessanta ore settimanali è del 22,6%, mentre in Indonesia la percentuale è del 14,3%. In Giappone la percentuale, pur significativa, è molto più bassa (si tratta del 9,2%), ma i ritmi sono quanto mai pesanti: il governo è dovuto intervenire per combattere il fenomeno del superlavoro dopo una serie di decessi per affaticamento (il cosiddetto karoshi).

Chi lavora di più in Europa

Nella graduatoria, non mandano i Paesi europei. Primeggia la Grecia, dove evidentemente il timore di rimanere disoccupati induce a tenere ritmi lavorativi altissimi. Sono ben l'11,2% i lavoratori greci che fanno turni straordinari di questo genere. Più del Giappone, come abbiamo visto, ma anche della Cina (la più grande potenza manifatturiera al mondo si ferma solamente a quota 5,8%) e poco meno dell'altro grande serbatoio della manodopera mondiale, l'India, che raggiunge il livello del 13,6%. Va bene l'Italia, dove la media di ore settimanali lavorate è di 35,5 ore, meno di Francia, Spagna e Stati Uniti e in linea con la media Ocse.

Dove si lavora di più su base annua

Curioso come, su scala annuale, le posizioni in classifica cambino. In un altro grafico realizzato sempre da Statista e partendo da dati Ocse i lavoratori più vessati sono i messicani, con un monte ore annuo di 2.246 ore. Seguono i coreani del Sud con 2.113, i greci con 2.042, i cileni con 1.988 e i russi con 1.978. Numeri nemeno comparabili con quelli di Stati Uniti (1.779), Canada (1.691), Spagna (1.676), Francia (1.482) o Germania (1.371). E l'Italia? In questo caso, con 1.725 ore, è al di sopra della media europea, molto vicina agli Stati Uniti. 

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lavoro, in Germania una settimana corta per favorire gli affetti

Accordo fra il sindacato Ig Metall e industriali in Baden-Württemberg: orario di 28 ore per chi vuole dedicare più tempo ai figli o accudire un anziano

Le 10 aziende con le migliori offerte di lavoro remoto

Una ricerca firmata Flexjobs svela dove cercare proposte quando la flessibilità è un must

Lavoro, le proposte dei partiti per le prossime elezioni

Tra completamento del Jobs Act e reintroduzione dell’articolo 18, i programmi delle maggiori forze politiche per aumentare l’occupazione

Salute, lavoro, relazioni: i libri per migliorare

I migliori manuali di self help a cura di psicologi, filosofi, medici, scienziati...

Come cambia il lavoro in Italia

Meno autonomi, molti più dipendenti ma spesso precari. La fotografia dell'occupazione a quasi 3 anni dal varo del Jobs Act

Commenti