Disoccupazione stabile in aprile

Peggiora invece la situazione dei giovani: il tasso ha toccato il 33,1%

iStock-lavoro-edilizia

– Credits: iStock/A-Digit

a cura di LABITALIA/ADNKRONOS

-

Rimane stabile ad aprile 2018 il tasso di disoccupazione che si attesta all’11,2%, con variazione nulla rispetto al mese precedente, mentre quello giovanile sale al 33,1% (+0,6 punti percentuali). Lo rileva l'Istat. Ad aprile la stima degli occupati continua a mostrare una tendenza alla crescita (+0,3% rispetto a marzo, pari a +64 mila). Il tasso di occupazione si attesta al 58,4% (+0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente). La crescita congiunturale dell’occupazione interessa tutte le classi di età ad eccezione dei 25-34enni. L’aumento maggiore ad aprile si stima per le donne (+52 mila) e per le persone di 35 anni o più (+77 mila). Prosegue la ripresa degli indipendenti (+60 mila) e dei dipendenti a termine (+41 mila), mentre diminuiscono i permanenti (-37 mila).

La stima delle persone in cerca di occupazione ad aprile registra un aumento dello 0,6% (+17 mila). La crescita della disoccupazione si concentra tra gli uomini, distribuendosi in tutte le classi di età ad eccezione dei 35-49enni, aggiunge l'Istat. Quanto agli inattivi, ad aprile la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni continua a diminuire sensibilmente (-0,6%, -74 mila). Il calo riguarda donne e uomini ed è diffuso su tutte le classi di età. Il tasso di inattività scende al 34,0% (-0,2 punti percentuali rispetto a marzo).

Nel trimestre si registra un aumento dei disoccupati (+0,5%, +14 mila) associato a un forte calo degli inattivi (-0,7%, -95 mila). Nei dodici mesi infine aumenta il numero di disoccupati (+0,8%, +24 mila) mentre cala fortemente quello degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-2,4%, -318 mila). Nel periodo febbraio-aprile 2018 si stima una crescita degli occupati dello 0,3% rispetto al trimestre precedente (+67 mila). L’aumento interessa entrambe le componenti di genere e tutte le classi di età ad eccezione dei 35-49enni. Crescono i dipendenti a termine (+59 mila) e in misura più lieve gli indipendenti (+14 mila), mentre restano sostanzialmente stabili i dipendenti a tempo indeterminato.

Su base annua continua l’aumento degli occupati (+0,9%, +215 mila). La crescita interessa donne e uomini e si concentra tra i lavoratori a termine (+329 mila), mentre diminuiscono i permanenti (-112 mila) e gli indipendenti rimangono stabili. Crescono soprattutto gli occupati ultracinquantenni (+328 mila) e i giovani 15-24enni (+78 mila) mentre calano gli occupati tra i 25 e i 49 anni (-191 mila). Il numero degli occupati ad aprile raggiunge il record storico di 23 milioni e 200 mila, superando addirittura il picco toccato nell'aprile 2008 quando il numero degli occupati è stato pari a 23 milioni e 177 mila.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Disoccupazione giovanile, le cose fatte e le cose da fare

Il tasso dei senza lavoro tra gli under 35 è sceso ai minimi dal 2011. Ma è presto per cantar vittoria

Disoccupazione giovanile: le zone d'Europa in cui è più alta

Purtroppo Calabria, Campania e Sicilia rientrano nel gruppo delle dieci regioni peggiori dell’Unione

Disoccupazione, pro e contro il Jobs Act 

In Italia l’occupazione è di nuovo in ripresa, ma le opinioni sull’ultima riforma del lavoro continuano a divergere. Due posizioni a confronto

Reddito di cittadinanza, perché potrebbe far salire la disoccupazione

Il sussidio a tempo indeterminato proposto dall’M5S rischia di spingere molti scoraggiati a iscriversi ai Centri per l’Impiego

Commenti