Lavoro

Disoccupazione, pro e contro il Jobs Act 

In Italia l’occupazione è di nuovo in ripresa, ma le opinioni sull’ultima riforma del lavoro continuano a divergere. Due posizioni a confronto

Jobs-Act

Andrea Telara

-

Circa 19mila occupati in più rispetto al mese precedente e un tasso di disoccupazione del 10,9%, in calo di tre decimi di punto. Sono gli ultimi dati sul mercato del lavoro italiano pubblicati dall’Istat e relativi a febbraio, che riportano finalmente un po’ di buone notizie. 

Nel secondo mese dell’anno, secondo l’Istituto nazionale di statistica, sono tornate a crescere anche le assunzioni stabili a tempo indeterminato (+54mila unità), che a gennaio avevano registrato invece una variazione negativa. 

Come sempre avviene quando ci sono nuovi dati sull’occupazione, negli ultimi giorni è tornato di attualità il dibattito sul Jobs Act, la riforma del lavoro del governo Renzi che i vincitori delle ultime elezioni del 4 marzo, la Lega e il Movimento 5 Stelle, vorrebbero cancellare o almeno cambiare radicalmente. 

Più occupati, più precari 

Ma è giusto o no rottamare il Jobs Act? Quali sono stati gli effetti della riforma del lavoro? Di fronte a questi due interrogativi, ci sono oggi due posizioni contrapposte. La prima è proprio quella della Lega e dell’M5S, che hanno fatto opposizione dura al governo Renzi e hanno sempre messo in evidenza un dato: negli ultimi 3 anni, anche se il numero totale degli occupati è cresciuto di quasi un milione di unità,  si sono creati per lo più posti di lavoro precari. 

Oggi gli italiani assunti con un contratto a tempo determinato sono infatti oltre 2,9 milioni, un record storico mai raggiunto prima. E’ vero che contemporaneamente sono aumentati anche i posti di lavoro stabili a tempo indeterminato (+500 mila in tre anni). Ma,a ben guardare, questo incremento è stato ottenuto per lo più grazie agli incentivi sui contributi da pagare, concessi negli anni scorsi dal governo alle imprese che reclutavano un lavoratore con un inquadramento stabile. Non appena gli incentivi sono venuti meno, come nel 2017, i contratti a tempo indeterminato hanno subito una flessione, seppur marginale (-24mila). 

Cresce la flessibilità 

Una lettura diversa dei dati è arrivata di recente dall’economista dell’Università di Torino Pietro Garibaldi e dal suo collega bocconiano Tito Boeri,  che è anche presidente dell’Inps. Entrambi sono stati tra i primi studiosi a proporre una delle novita’ introdotte dal Jobs Act: il contratto a tutele crescenti, cioè l’assunzione a tempo indeterminato senza le protezioni dai licenziamenti previste dallarticolo 18 

Invece di guardare ai dati complessivi sull’occupazione, Boeri e Garibaldi hanno effettuato uno studio attingendo alla banca dati dell’Inps e concentrando l’attenzione soltanto sulle aziende con più di 10-15 addetti. Sono state infatti queste imprese a essere interessate dalla novità del contratto a tutele crescenti, visto che in quelle con meno di 15 dipendenti l’articolo 18 non è stato mai  applicato,  già da prima che arrivasse il Jobs Act. 

Nel loro studio, Boeri e Garibaldi hanno notato due fatti. Innanzitutto, dopo l’arrivo del Jobs Act è aumentato sensibilmente (da 10mila a 12mila al mese)  il numero di aziende piccole  che sono cresciute  e hanno superato la fatidica soglia dei 15 addetti, oltre la quale scattava un tempo l’applicazione dell’articolo 18. Inoltre, sempre secondo lo studio, nelle aziende con più di 15 addetti le assunzioni a tempo indeterminato sono cresciute del 50%. 

Nello stesso tempo,  a onor del vero, lo studio di Boeri e Garibaldi rileva che è cresciuto del 50% anche il numero dei licenziamenti (resi più facili dalla scomparsa dell’articolo 18). Tuttavia, il numero di lavoratori assunti ha superato ampiamente il numero di lavoratori che sono stati licenziati dalle aziende. Con il Jobs Act, insomma, per Garibaldi e Boeri il lavoro è diventato in Italia più flessibile. Ma non è detto che sia un male. 

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Reddito di cittadinanza, perché potrebbe far salire la disoccupazione

Il sussidio a tempo indeterminato proposto dall’M5S rischia di spingere molti scoraggiati a iscriversi ai Centri per l’Impiego

Disoccupazione e reddito di cittadinanza, così il M5S ha vinto al Sud

Circa 1,4 milioni di disoccupati, 850 mila sottopagati, 1,2 milioni di giovani Neet. Il disagio sociale nel Meridione che ha favorito il M5S 

Disoccupazione in calo, perché non è una buona notizia

Il tasso dei senza lavoro è sceso a dicembre al 10,8%, il minimo dal 2012. Ma è la conseguenza del calo degli inattivi e non dell’aumento di posti

Lavoro: la disoccupazione ferma all'11,1%

Dai dati Istat di ottobre, situazione stabile rispetto a settembre. Cala quella giovanile al 34,7% il minimo dal 2012

Disoccupazione in calo, ma siamo ancora indietro. Ecco perché

Ad agosto il tasso dei senza lavoro è sceso all’11,2%: grazie ad assunzioni di donne e impieghi temporanei. In Europa, però, stanno meglio di noi

Disoccupazione, perché resta ancora alta

A maggio il tasso dei senza lavoro è tornato a salire. Difficile che ci sia un calo marcato, senza una crescita sostenuta del pil

Disoccupazione da Robot? No, è colpa delle competenze sbagliate

Il mondo avanzato registra scarsità di manodopera non sovrabbondanza. Competenze insufficienti e "skill mismatch" più colpevoli dell'automazione

Farsi licenziare per avere la disoccupazione: come fanno alcuni lavoratori

Per la Cgia di Mestre molti dipendenti rinunciano a dimettersi e preferiscono farsi mandar via dall'azienda. Obiettivo: avere il sussidio Naspi

Istat: risale il tasso di disoccupazione tra i giovani

Disoccupazione: così cresce a novembre

Il dato è all'11,9%, il più alto dal 2012. Peggiora ancora la situazione per i giovani: il 39,4% non ha un lavoro

Commenti