Lavoro

Disoccupazione in calo, ma siamo ancora indietro. Ecco perché

Ad agosto il tasso dei senza lavoro è sceso all’11,2%: grazie ad assunzioni di donne e impieghi temporanei. In Europa, però, stanno meglio di noi

disoccupati-protesta

Andrea Telara

-

Un calo di un decimo di punto. E’ l’andamento del tasso di disoccupazione in Italia che ad agosto, secondo i dati diffusi dall’Istat, è scesa dall’11,3 all’11,2%, registrando una flessione anche tra i giovani,  dal 35,4% di luglio al 35,1%. Nel pieno dell’estate, sempre secondo l’Istat, si sono creati in Italia 36mila posti di lavoro nell’arco di un mese che portano a 375mila unità l’incremento complessivo su base annua.

Subito è arrivato, puntale come un orologio, il commento dell’ex presidente del consiglio, Matteo Renzi: “siamo vicini al milione di posti di lavoro in più”, ha detto il segretario del Pd, facendo riferimento all’incremento dei nuovi occupati che si registra dal 2014.  Benché positivi, però, anche i dati di oggi rivelano in realtà quanto il mercato del lavoro del nostro Paese sia indietro rispetto al resto d’Europa. 

Lontani dall’Europa 

Non va dimenticato, infatti,  che in tutto il Vecchio Continente il tasso di disoccupazione è in calo da diversi mesi e oggi si trova a livelli ben più bassi che in Italia: è al 9,1% nell’Eurozona e al 7,6% in tutta l’Ue

Va ricordato, poi, che le cifre divulgate dall’Istat evidenziano contemporaneamente un dato positivo e uno negativo. Quello positivo è che continua ad aumentare strutturalmente l’occupazione femminile, giunta al 48,9% ad agosto, un record storico per il nostro Paese, seppur lontano dalla media europea che fiora il 62%. 

Molti contratti a termine 

Il dato negativo riguarda invece le tipologie di contratti: quasi tutti i nuovi posti di lavoro creati ad agosto sono a tempo determinato (+45mila), mentre sono diminuiti quelli stabili (- 2mila unità) e quelli indipendenti (-17mila). 

“La nuova occupazione di agosto è interamente temporanea, presumibilmente trainata dal turismo”, commenta  Paolo Mameli, senior economist della direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, “e ciò potrebbe indurre una correzione a settembre-ottobre”. 


Sotto l’11%, ma nel 2018 

Non è escluso, insomma, che l’occupazione torni a scendere in autunno dopo la piccola fiammata estiva. In ogni caso, secondo l'economista di Intesa Sanpaolo, nel medio periodo il quadro sembra sostanzialmente positivo, perché molte aziende hanno dichiarato l’intenzione di assumere nuovo personale nei prossimi mesi. 

Meglio però non farsi troppe illusioni perché, sempre a detta di Mameli, “il tasso di disoccupazione in Italia dovrebbe scendere sotto l’11% soltanto a 2018 inoltrato”. Mentre il mercato del lavoro europeo procede più spedito, insomma, a sud delle Alpi va avanti a piccoli passi. 

Per saperne di più:


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lavoro: la disoccupazione ferma all'11,1%

Dai dati Istat di ottobre, situazione stabile rispetto a settembre. Cala quella giovanile al 34,7% il minimo dal 2012

Disoccupazione, perché resta ancora alta

A maggio il tasso dei senza lavoro è tornato a salire. Difficile che ci sia un calo marcato, senza una crescita sostenuta del pil

Disoccupazione da Robot? No, è colpa delle competenze sbagliate

Il mondo avanzato registra scarsità di manodopera non sovrabbondanza. Competenze insufficienti e "skill mismatch" più colpevoli dell'automazione

Farsi licenziare per avere la disoccupazione: come fanno alcuni lavoratori

Per la Cgia di Mestre molti dipendenti rinunciano a dimettersi e preferiscono farsi mandar via dall'azienda. Obiettivo: avere il sussidio Naspi

Istat: risale il tasso di disoccupazione tra i giovani

Disoccupazione: così cresce a novembre

Il dato è all'11,9%, il più alto dal 2012. Peggiora ancora la situazione per i giovani: il 39,4% non ha un lavoro

Disoccupazione e pil: a ottobre i dati migliorano

In calo all'11,6% (-0,1%). Al 36,4% quella giovanile (-0,4%). In rialzo il pil trimestrale su base annua: +1%, il più alto da giugno 2011

Juncker: "L'Unione va molto male, troppe fratture, troppa disoccupazione"

Il presidente della Commissione europea ribadisce la sua visione negativa sul Vecchio Continente

Ad aprile aumentano disoccupazione e occupazione

Rispetto a marzo salgono all'11,7% i senza lavoro ma aumentano di 50 mila unità i lavoratori. Il segreto sta negli inattivi, diminuiti nell'ultimo mese

Istat: la disoccupazione è stabile. Ma non tra i giovani

Disoccupazione stabile, ma non per i giovani

Gli ultimi dati Istat: nel primo mese di sgravio contributivo al 40% crescono gli occupati tra gli over 50. Ma per gli under 24 si torna al 39,3%

Ocse: Italia bene con le riforme, ma disoccupazione e lavoro restano la priorità

Preoccupazioni per la crescita a lungo termine nell'economia del nostro paese nel rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo

Disoccupazione in calo in marzo: ora è all'11,4%

I dati Istat indicano un meno 0,3% rispetto a febbraio e 1,1 su 12 mesi. Giovanile al 36,7%, ridotta di 1,5 punti, il più basso dal 2012

L'altalena della disoccupazione in Italia

I dati Istat relativi a febbraio mostrano un'occupazione generale in diminuzione dello 0,1% e un incremento dello 0,1% per quella giovanile

Scende la disoccupazione, finalmente

Primo calo in media annua dopo sette anni di crescita. Nel 2015 il tasso è passato dal 12,7% all'11,9

Lavoro: la disoccupazione torna a salire

Disoccupazione all'11,4%. Un anno di Jobs Act

A dicembre i senza-lavoro tornano a salire. Cosa ha funzionato e cosa no, nella riforma del welfare

Commenti