I dieci paesi dove si vive meglio

Svizzera, Canada, Australia, Germania e Norvegia quelli che offrono i servizi migliori sia ai cittadini che agli espatriati

Sydney

Surfisti a Bondi Beach, la spiaggia più famosa di Sydney – Credits: Daniel Munoz/Getty Images

Claudia Astarita

-

Tra dicembre e gennaio di ogni anno tanti istituti di analisi fanno il bilancio delle tendenze globali e, spesso, traducono i risultati dei loro studi in classifiche. La testata americana US News, in collaborazione con due istituti scientifici (BAV Group e la Wharton School), ha stilato la graduatoria dei Paesi in cui gli espatriati trovano un ambiente più accogliente. Curiosamente, i risultati non coincidono con la classifica che la medesima rivista ha pubblicato dei Paesi con la qualità di vita più elevata, a dimostrazione del fatto che immigrati e cittadini non fruiscono degli stessi servizi e con le stesse modalità.

Dove conviene trasferirsi

Secondo US News, infatti, i Paesi in cui gli immigrati possono trovarsi meglio sono, nell'ordine, Svezia, Canada, Svizzera, Australia e Germania, seguiti da Norvegia, Olanda, Stati Uniti, Danimarca e Finlandia. Facile dedurne che le politiche sociali dei Paesi scandinavi, le numerose opportunità dei grandi Paesi anglosassoni (ma non del Regno Unito, dove gli immigrati non mancano ma le opportunità evidentemente non sono altrettanto importanti) e la forza dell'economia tedesca hanno un ruolo forte nel creare un contesto favorevole a chi decide di cambiare vita trasferendosi all'estero.

Qualità della vita

Gli stessi Paesi, peraltro, si posizionano bene anche nella graduatoria relativa alla qualità della vita generale, anche se con diverse sfumatura. La Svezia, prima come destinazione per gli immigrati, è ad esempio sesta in assoluto, mentre ci sono Stati di rilievo che offrono una qualità della vita elevata ma non hanno lo stesso livello di accoglienza nei confronti di chi viene da fuori. Oltre al già citato Regno Unito (terzo nella graduatoria generale e solo diciassettesimo in quella dedicata ai migranti), il Giappone (quinto e ventesimo) e la Francia (nona e quattordicesima). Le altre nazioni della top ten sono Svizzera (prima posizione), Canada (seconda), Germania (quarta), Stati Uniti (settima), Australia (ottava) e Norvegia (decima)

La posizione dell'Italia

E l'Italia? Ce la caviamo abbastanza bene sia come qualità generale (sedicesimi, dopo Singapore e davanti al Lussemburgo) sia come accoglienza (diciannovesimi, ancora dietro Singapore e davanti al Giappone).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lavoro all'estero: chi sono e perché gli italiani emigrano

Cinque milioni hanno scelto di fare le valigie e ora vivono fuori confine. Tra loro anche professionisti: medici, infermieri, insegnanti e architetti

Per trovare lavoro servono tecnica, strumenti e strategie - FOTO e VIDEO

I consigli di HRC Group a Caserta per Panorama d'Italia ai giovani in cerca della prima occupazione e a chi ha voglia di tornare sul mercato

Giovani e lavoro, restare in Italia o trasferirsi all’estero?

Lavoro: ecco come il governo intende rilanciare l’occupazione dei giovani

Allo studio incentivi strutturali per le imprese che dovrebbero portare all’assunzione di 300mila under 29

Commenti