Lavoro

Cinque alternative al Reddito di Cittadinanza per combattere la povertà

Il sussidio proposto dall’M5S viene considerato troppo dispendioso. Ecco altre soluzioni possibili, per dare un sostegno ai meno abbienti

poveri-Caritas

Andrea Telara

-

Verrà mai istituto il Reddito di Cittadinanza proposto dal Movimento 5 Stelle? La risposta dipende sostanzialmente da due condizioni. Innanzitutto, il leader grillino Luigi Di Maio dovrà riuscire a formare un nuovo governo. In secondo luogo, il neo premier dovrà riuscire a trovare i soldi nel bilancio dello Stato, per finanziare questo sussidio alla povertà che potrebbe costare almeno 29 miliardi di euro all’anno o anche di più.

Di fronte alle eventuali difficoltà di creare davvero un Reddito di Cittadinanza, potrebbero dunque prendere quota altre ipotesi alternative, cioè l’istituzione di altri sussidi alla povertà come quelli proposti in campagna elettorale da diverse forze politiche oppure il potenziamento di forme di assistenza già esistenti come il Reddito di inclusione (Rei). Ecco, di seguito cinque possibili alternative al Reddito di Cittadinanza.

Reddito di Inclusione

E’ un sussidio contro la povertà che già esiste ed è stato istituito dal governo Gentiloni, sulla base di un disegno di legge messo in cantiere dal governo Renzi. Si tratta di un’indennità a favore di 700mila famiglie che hanno un reddito annuo (calcolato secondo i criteri Isee) inferiore a 6mila euro. Il sussidio può arrivare fino a quasi 490 euro al mese anche se l’importo medio è 240 euro. I soldi vengono accreditati su una carta elettronica (Carta Rei), che può essere utilizzata esclusivamente per determinati tipi di spese (per esempio per i generi alimentari o le bollette) e non per comprare beni superflui.

Reddito di dignità

La proposta di un sussidio universale e incondizionato contro la povertà era anche nell’agenda politica del centrodestra. Silvio Berlusconi aveva parlato in campagna elettorale di Reddito di Dignità da dare a tutte le famiglie che si trovano sotto la soglia di povertà assoluta (e non relativa come nel caso del Reddito di Cittadinanza del Movimento 5 Stelle) . Secondo le stime degli economisti de Lavoce.info, il Reddito di Dignità costerebbe circa 29 miliardi di euro alle casse dell’ Stato e darebbe un sussidio medio di 1.200 euro al mese a circa 2 milioni di famiglie italiane.


Una soluzione ibrida

La sociologa Chiara Saraceno, pur preferendo l’impostazione del Reddito d’Inclusione rispetto a quella del Reddito di Cittadinanza dell’M5S, ha proposto come una soluzione ibrida, cioè che metta assieme le caratteristiche di entrambe i sussidi. In particolare, Saraceno propone di stanziare più soldi per il Reddito d’Inclusione già esistente. I 2 miliardi di euro disponibili oggi bastano infatti a malapena per sussidiare la metà della popolazione che si trova in povertà assoluta.

Inoltre, per la nota sociologa occorrerebbe rendere il Reddito di Inclusione a tempo indeterminato come il Reddito di Cittadinanza dei 5 Stelle, abbandonando il sistema attuale che prevede invece una sospensione dopo 18 mesi.


Leggi regionali

Già oggi diverse Regioni hanno approvato delle leggi di spesa con stanziamenti variabili per la lotta alla povertà. Si tratta di sussidi che applicano o che integrano il Reddito d’Inclusione istituito dal governo Gentiloni. Un’alternativa al Reddito di Cittadinanza dei 5 Stelle potrebbe dunque essere la creazione di un sistema di sussidi contro la povertà diversificati a livello regionale come in Spagna, per renderli più aderenti alle singole realtà geografiche del nostro Paese. In Italia, infatti, il numero di poveri (e la stessa soglia di povertà relativa) varia notevolmente tra il Nord e il Sud della Penisola.

 Per saperne di più



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Cinque alternative al Reddito di Cittadinanza per combattere la povertà

Il sussidio proposto dall’M5S viene considerato troppo dispendioso. Ecco altre soluzioni possibili, per dare un sostegno ai meno abbienti

Reddito di cittadinanza del Movimento 5 Stelle: cos'è esattamente

Un sussidio per chi è sotto la soglia di povertà, condizionato alla ricerca del lavoro. A chi spetterà, a quanto ammonterà, come si otterrà

Sgarbi ed il fuori onda sulla fake news delle code ai Caf per il reddito di cittadinanza | video

Reddito di cittadinanza: i meme più divertenti

In Rete rimbalzano post, vignette e foto che ironizzano sulla proposta del Movimento 5 stelle e sulle reazioni della gente

Reddito di cittadinanza: cosa prevede, chi ha diritto. La proposta del Movimento 5 Stelle | video

Disoccupazione e reddito di cittadinanza, così il M5S ha vinto al Sud

Circa 1,4 milioni di disoccupati, 850 mila sottopagati, 1,2 milioni di giovani Neet. Il disagio sociale nel Meridione che ha favorito il M5S 

Reddito di cittadinanza, spiegato

Nel dibattito politico spesso il tema viene analizzato in modo improprio. In una sorta di vademecum facciamo chiarezza su cosa prevede e ciò che esclude

Reddito di cittadinanza: l’esperimento della Finlandia

2000 disoccupati riceverenno per due anni 560 euro al mese. Ecco cosa ci si aspetta di ottenere

Reddito di cittadinanza: perchè non è solo un bluff

L'ipotesi congegnata dal M5S, sebbene mal congegnata, non è da sottovalutare: non richiede uno stanziamento abnorme e servirà. Eccome se servirà

Emiliano: "Pronti al reddito di cittadinanza, ci porta più vicini all'Europa"

Il governatore della Puglia, ospite di Panorama d'Italia, annuncia il provvedimento e spiega come il Sud può dare la spinta per la ripresa - FOTO e VIDEO

Reddito di cittadinanza, dai 5 Stelle alla versione pugliese

Michele Emiliano annuncia a Panorama che in Puglia sta per partire la misura su cui il Governo ancora discute

Reddito di cittadinanza, ecco la versione pugliese

Il governatore Emiliano lancia il "reddito di dignità", che aveva annunciato pochi giorni fa a "Panorama d'Italia"

Commenti