Cerchi lavoro? Vai su Facebook

Il 35% delle persone che cercano occupazione lo fanno sul social network. I dati dell'Osservatorio di E-work

giovani-lavoro

– Credits: iStock/nadia_bormotova

a cura di LABITALIA/ADNKRONOS

-

Cerchi lavoro? Allora vai su Facebook. Secondo l’Osservatorio di e-work, agenzia per il lavoro, nel nostro Paese il 35% di chi cerca lavoro utilizza Facebook per trovare nuove opportunità di carriera e mettersi in contatto con le aziende che sono alla ricerca di personale. Di questi il 53% sono uomini e il 47% donne. La maggior parte sono residenti al Nord (62%) e tra questi il 28% a Milano. Gli stranieri rappresentano il 16% del totale. La fascia di età che più utilizza Facebook per cercare lavoro è quella tra i 26 e 45 anni (37%), seguita a ruota dagli utenti con età compresa tra i 18 e i 25 anni (35%) e da quella degli over 45 (28%).

“Insieme ai siti, ai portali e alle App dedicate al mondo del lavoro, i social network rappresentano un ottimo strumento per chi cerca un’occupazione on-line. Linkedin resta ancora oggi il punto di riferimento principale ma Facebook sta diventando uno strumento sempre più importante a disposizione di chi è alla ricerca di un nuovo lavoro. Nei prossimi anni prevediamo poi, come già accade all’estero, che verranno sempre più utilizzati anche Youtube e Twitter”, afferma Paolo Ferrario, presidente e amministratore delegato di e-work Spa. Oggi i candidati che in Italia utilizzano Facebook per cercare lavoro si occupano nella maggior parte dei casi di: marketing e comunicazione (32%), It (24%), risorse umane (15%) e amministrazione (12%).

“Il miglior consiglio per chi cerca lavoro in rete è quello di puntare a una politica di trasparenza. I social media hanno una funzionalità circolare. Per chi cerca lavoro rappresentano una chiave per entrare in contatto con il mondo dei recruiter. A noi professionisti, i social vengono in soccorso per avviare la scelta del miglior profilo ma servono anche per selezionare e quindi tagliare le candidature”, prosegue Paolo Ferrario.

“A volte i selezionatori decidono infatti di escludere dei potenziali candidati proprio dopo aver consultato i loro profili on-line. I social rappresentano quindi la classica arma a doppio taglio, anche perché il focus sui profili dei candidati viene effettuato non soltanto in una fase preliminare ma spesso anche dopo un colloquio di selezione: in questo caso, 55 volte su 100 il profilo social fa cambiare idea al responsabile della selezione e il candidato, con un piede già sul posto di lavoro, viene escluso. Dunque la regola è: trasparenza e correttezza prima di tutto", conclude Ferrario.

© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Disoccupazione: ecco le zone del Paese in cui è più alta

Le ultime rilevazioni dell’Istat, che tengono conto del pendolarismo, mettono in cima alla classifica il Sud, con l’Alto Adige invece oasi del lavoro

Disoccupazione giovanile, le cose fatte e le cose da fare

Il tasso dei senza lavoro tra gli under 35 è sceso ai minimi dal 2011. Ma è presto per cantar vittoria

Disoccupazione giovanile: le zone d'Europa in cui è più alta

Purtroppo Calabria, Campania e Sicilia rientrano nel gruppo delle dieci regioni peggiori dell’Unione

Disoccupazione, pro e contro il Jobs Act 

In Italia l’occupazione è di nuovo in ripresa, ma le opinioni sull’ultima riforma del lavoro continuano a divergere. Due posizioni a confronto

Commenti