Lavoro

Bonus 80 euro, ecco quanto costa mantenerlo

Nella pubblica amministrazione i recenti adeguamenti salariali farebbero perdere a tanti lavoratori il beneficio. Per salvarlo servirebbero 125 milioni

madia-lingotto

Giuseppe Cordasco

-

Sembra un vero e proprio paradosso quello a cui potrebbero andare incontro centinaia di miglia di lavoratori del settore pubblico: come conseguenza di un adeguamento salariale, atteso tra l’altro da circa otto anni e che porterà nelle tasche dei dipendenti pubblici circa 85 euro al mese in più, potrebbero vedersi annullare il bonus Irpef di 80 euro.

Secondo le stime presentate infatti dall’Aran, l’agenzia che per conto dello Stato gestisce le contrattazioni nel settore pubblico, circa 400mila statali, in ragione proprio dei nuovi parametri salariali aggiornati anche in base alla recente riforma della pubblica amministrazione, potrebbero superare il limite di reddito da lavoro oltre il quale il bonus degli 80 euro non viene più elargito.

Categorie più rischio

Secondo quelle che sono le rilevazioni fatte dall’Aran, i lavoratori più a rischio sono quelli che percepiscono uno stipendio che si situa nella fascia che va dai 23mila ai 26mila euro. Ben definiti anche i comparti operativi che potrebbero essere più soggetti al paradossale taglio del bonus di 80 euro, a causa del citato aumento dello stipendio: si tratterebbe dei dipendenti delle autonomie locali e di quelli attivi nel settore sanitario. Per loro il rischio è che l’incremento di salario, valutato come detto mediamente in circa 85 euro, possa essere del tutto annullato dalla perdita del bonus di 80 euro.

Un problema sul tavolo del governo

Immediata è scattata l’allerta da parte dei sindacati, che ovviamente chiedono che un beneficio, come quello del tanto atteso adeguamento salariale, che tra l’altro, come accennato, non risulterebbe mediamente di entità così rilevante, non porti all’esclusione di un altro, quello appunto del bonus degli 80 euro.

A questo proposito la stessa Aran ha effettuato delle stime che valutano in circa 125 milioni di euro lo stanziamento “extra” che il governo dovrebbe mettere in campo per poter garantire a tutti i lavoratoti che finora hanno percepito il bonus di 80 euro di continuare a farlo nonostante i ricordati adeguamenti salariali.

Dove trovare le risorse

Il problema fondamentale però a questo punto è dove trovare le risorse. Una delle ipotesi circolate in queste ore potrebbe risultare però peggiore del male: qualcuno ha pensato infatti di stralciare dai fondi stanziati proprio per il rinnovo dei contratti una quota da destinare al mantenimento per tutti del bonus da 80 euro.

Una proposta che ovviamente è stata subito rigettata dai sindacati, che chiedono invece al ministro della Pubblica amministrazione Marianna Madia di trovare nelle pieghe del bilancio statale risorse aggiuntive. La terza via, quella forse più convincente, potrebbe essere quella proposta dall’Aran, che prevede una sorta di mini-tassazione degli stipendi più alti, che vada a finanziare il recupero delle risorse per garantire a tutti il mantenimento del bonus degli 80 euro. In fondo, calcoli alla mano, si potrebbe trattare di uno sforzo valutabile in 3-4 euro a testa al mese, una cifra ritenuta sopportabile. Staremo a vedere.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La rivolta dei dirigenti (sulla carta) della pubblica amministrazione

Sarebbero "idonei" ma vengono superati dai colleghi promossi senza concorso: i casi dell'Agenzia delle entrate e dell'Autorità Anticorruzione

Precari della pubblica amministrazione, risarcimenti in vista

Dopo una sentenza della Cassazione, quasi 80 mila statali con un contratto a termine possono chiedere un indennizzo tra 2,5 e 12 mesi di stipendio

Password unica e pubblica amministrazione, come funziona

Dal 15 marzo si può richiedere un pin per accedere ai servizi online di diversi enti statali. Ma la procedura non è semplice

Pubblica amministrazione, dai "furbetti" alla Forestale, ecco che cosa cambia

Il Consiglio dei ministri ha approvato i primi 11 decreti attuativi: licenziamenti più semplici, stretta sui manager, riordino della Polizia

5 riflessioni sui licenziamenti nella pubblica amministrazione

Gli "infedeli" da far lavorare, i "fedeli" che lavorano (anche per gli altri), il senso civico perduto, l'insofferenza e il rigore del garantismo

Approvata la riforma della Pubblica Amministrazione

Commenti