Lavoro

Al lavoro il 25 aprile, gli effetti delle liberalizzazioni

Negozi aperti e orari senza limiti: 5 milioni il di italiani non si riposano durante la Festa della Liberazione. Pro e contro di questa deregulation

Filcams-Cgil

Andrea Telara

-

Camerieri nei bar, commessi nei negozi, infermieri all’ospedale o tramvieri e autisti degli autobus. E’ l’esercito di italiani che lavorano alla domenica e nei festivi. Anche nella giornata del 25 aprile, secondo le stime  della Cgia (la confederazione degli artigiani) di Mestre, saranno ben 5 milioni i nostri connazionali in servizio, che dunque non festeggeranno con un po’ di riposo o con una scampagnata la ricorrenza della Liberazione. 

Il merito (o la colpa, a seconda dei punti di vista) è anche della completa liberalizzazione degli orari e delle aperture dei servizi commerciali, introdotta nel dicembre del 2011 dal governo Monti con il Decreto Salva Italia. Da allora sono passati più di 6 anni e i sindacati dei lavoratori del commercio (Filcams Cgil, Fisacat Cisl e UilTucs Cisl) hanno deciso di proclamare uno sciopero proprio il 25 aprile, per chiedere la fine di questa deregulation che costringe migliaia di commessi e commesse a stare in servizio anche di domenica, mal conciliando la vita privata e la professione. 

Domenica in servizio 

Sono infatti ben 3,6 milioni gli italiani lavoratori dipendenti che, secondo la Cgia,  sono abitualmente in attività anche  nei giorni di festa. Certo, non tutti lavorano  per colpa delle liberalizzazioni  degli orari dei negozi. Tra  chi fa il turno domenicale, per esempio, oltre 1 milione di persone sono impiegati statali, tra poliziotti, dipendenti ospedalieri o altre figure professionali della pubblica amministrazione che erogano servizi essenziali, necessari  24 ore su 24.

 C’è però un esercito di oltre 680mila addetti di alberghi e ristoranti e quasi 580mila dipendenti del commercio che, in molti casi, hanno iniziato a fare i turni domenicali proprio con l’arrivo della liberalizzazione completa degli orari. Non pochi di loro lavoreranno pure  il primo maggio, anche se in numero più limitato rispetto al 25 aprile. 

Ecco allora che, come ogni anno, torna d’attualità il dibattito sui 6 anni di liberalizzazioni del commercio che abbiamo alle spalle. Non è un mistero che il partito vincitore delle ultime elezioni, il Movimento 5 Stelle, voglia notevolmente ridimensionare la deregulation del governo Monti, limitando per esempio le aperture domenicali dei negozi. 

Opinioni discordanti

Ma quali effetti hanno avuto finora le liberalizzazioni? Su questo punto, si sono confrontate a lungo due scuole di pensiero e varie  associazioni di categoria, rappresentative di diversi interessi. Confesercenti, che riunisce i piccoli commercianti,  ha più volte messo in evidenza il calo registrato dalle vendite al dettaglio (tra l’1 e il 2% su base annua) sia nel 2012 che nel 2013, anche dopo l’avvio della deregulation degli orari. 

Soltanto dal 2014 in poi c’è stata una stabilizzazione e poi una crescita delle vendite, grazie però soprattutto alla ripresa economica. Federstribuzione, che rappresenta i big della grande distribuzione organizzata, ha invece una posizione diversa. Secondo un’indagine commissionata da questa associazione di categoria, il 65% dei consumatori è a favore  della aperture domenicali e festive dei negozi e dei supermarket. 

Grazie a tali misure, a detta di Federdistribuzione, sono state assunte 4.200 persone in più nel commercio ed erogati oltre 400 milioni di euro di salari (dati aggiornati al 2015). Basta prendere differenti statistiche, insomma, per delineare due effetti diversi della deregulation del commercio. In attesa di vedere quale opinione prevarrà, per 5 milioni di italiani il 25 aprile  sarà una giornata di lavoro, a meno che non decidano di fare sciopero. 

Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

A Firenze, i consigli delle aziende per trovare un lavoro

Motivazione e preparazione tra i suggerimenti dati ai partecipanti all'appuntamento di Panorama in collaborazione con Hrc Group - VIDEO

Robot e intelligenza artificiale minacciano 66 milioni di posti di lavoro

Per l’Ocse, la mancanza di progetti di formazione e tutela toccherà un lavoratore su sette

Lavoro. Costa Crociere assume. Ecco tutte le posizioni aperte

Le 6 caratteristiche necessarie per superare un colloquio di lavoro

Saper lavorare in gruppo, risolvere i problemi, saper gestire il tempo e essere flessibili, creativi e motivati. Sono le "skill" per essere convincenti

Si tinge i capelli sull'autobus mentre va al lavoro

Inail: ecco come prevenire gli infortuni sul lavoro

Investire in sicurezza non è un costo ma un’opportunità. Tutti gli strumenti, i finanziamenti e gli incentivi alle imprese usati dall’Istituto spiegati da Giovanni Paura

Così la discriminazione mette a rischio 2.7 miliardi di donne sul lavoro

Secondo la Banca Mondiale la disuguaglianza di genere impatta in modo negativo sulla crescita globale

Cambiare lavoro? È anche una questione di aspirazioni

Sondaggio condotto da Monster Italia, la multinazionale del recruiting digitale

Perché tornare all'articolo 18 penalizzerebbe il lavoro

Pietro Ichino spiega come la reintroduzione della norma dello Statuto, renderebbe meno affidabile il Paese per gli investitori esteri e frenerebbe la domanda di lavoro

Al lavoro il 25 aprile, gli effetti delle liberalizzazioni

Negozi aperti e orari senza limiti: 5 milioni il di italiani non si riposano durante la Festa della Liberazione. Pro e contro di questa deregulation

25 aprile 1945, le foto della Liberazione

Nelle immagini, la gioia della popolazione civile in festa per la fine dell'occupazione nazi-fascista

Festa della Liberazione, 5 libri per il 25 aprile

Borin, Ottolenghi, Luzzatto, Fazzo e Cazzullo, ecco la nostra selezione di letture per celebrare il 25 aprile

Narrativa italiana, i 10 libri più venduti della settimana (25 aprile - 1 maggio)

Il nuovo giallo di Marco Malvaldi ancora in vetta. New entry "Mio fratello rincorre i dinosauri" di Giacomo Mazzariol (nella settimana dal 25 aprile all'1 maggio secondo dati iBuk)

I 5 fatti più importanti della settimana - 25/29 aprile

Dagli esteri alla politica passando per la cronaca e lo showbiz, le cinque notizie che hanno tenuto banco negli ultimi sette giorni

I 10 film più visti della settimana (25 aprile-1 maggio)

"Il libro della giungla" ancora in vetta (7° miglior incasso del 2016). Buon esordio per "The Dressmaker" con Kate Winslet. Ecco la top ten del botteghino italiano (dal 25 aprile all'1 maggio), secondo dati Cinetel

25 aprile: 3 libri per celebrare la Liberazione

Qualche consiglio di lettura dedicati al giorno della Liberazione, tra le più recenti pubblicazioni

Il 25 aprile 2015 - foto

Istantanee da Milano, Roma e Napoli

Commenti