L'Arabia Saudita mette in vendita la compagnia petrolifera nazionale

Riyad ha bisogno di diversificare la propria economia, ma con il prezzo del greggio ai minimi storici, chi comprerà Saudi Aramco?

saudiaramco-arabiasaudita-petrolio

Gli impianti di Saudi Aramco – Credits: AFP/Getty Images

Claudia Astarita

-

Per quale motive l'Arabia Saudita vuole vendere Saudi Aramco, la compagnia petrolifera più grande del mondo? Secondo Foreign Policy, il colosso saudita, il cui valore è stato stimato in 10 trilioni di dollari, potrebbe finire sul mercato prima della fine dell'anno.    

Il problema è che il prezzo del petrolio sta calando, e quando anche il greggio iraniano entrerà in circolazione, il valore dell'oro nero scenderà ancora di più. E’ probabilmente per questo che Riyad sta considerando di cedere almeno una parte di Saudi Aramco, per poi concentrarsi sulle riforme economiche necessarie per creare nuove opportunità per un paese che dipende fin troppo dalla vendita di risorse naturali.

Il colosso saudita controlla circa il 15 per cento delle risorse petrolifere mondiali, ed è in grado di mettere sul mercato fino a dieci milioni di barili al giorno, molto più di qualsiasi altra compagnia. Il problema di Riyad però è che questo petrolio non si vende più, o meglio, non si vende più allo stesso prezzo di prima, quindi il governo ha iniziato a indebitarsi e, non potendosi permettere di continuare a farlo all'infinito, sta cercando soluzioni alternative. Ridurre i sussidi, per risparmiare; diversificare l’economia stimolando il settore privato; e ridurre le barriere per gli investimenti esteri.

Sono almeno 15 anni che l'economia dell'Arabia Saudita si mantiene su ritmi di crescita molto rapidi, sostenuti esclusivamente dalla vendita di greggio. Oggi, invece, il tasso di disoccupazione è salito al 12 per cento, e naturalmente anche la riduzione dei sussidi per fare cassa non è ben vista dalla popolazione.

Tuttavia, siamo proprio sicuri che, in un momento in cui il settore degli idrocarburi è così tanto in difficoltà, Saudi Aramco troverà qualcuno disposto a rilevarla, anche se solo in parte? Secondo Foreign Policy il destino di questa transazione è tutto nelle mani di Riyad. Se finalmente deciderà di rivelare a quanto ammontano le riserve petrolifere del paese, forse, potrebbe riuscire a chiudere la vendita. In caso contrario, il governo dovrà forse finalmente cedere e tagliare la produzione nella speranza che questo basti a mantenere i prezzi un po' più stabili. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Petrolio, perché il prezzo è sceso così in basso

Le quotazioni del greggio vengono tenute volutamente basse dall'Arabia Saudita, per stroncare la concorrenza dei produttori americani

Prezzo del petrolio ai minimi: chi ci guadagna e chi ci perde

Barile a 35 dollari, il 70% in meno dal 2014, mai così in basso in 11 anni. Dal Golfo all'Africa, dagli Stati Uniti alla Russia chi festeggia e chi no

Petrolio ai minimi, come investire ora

Le quotazioni dell'oro nero continuano a scendere a 28 dollari, i minimi dal 2003. Ecco come speculare sui rialzi o i ribassi del greggio

Iran-Arabia Saudita, le motivazioni economiche del conflitto

Riad teme l'ascesa economica di Teheran in Medio Oriente e pensa che un conflitto armato sia l'unico modo per ritardarla

Crisi Arabia Saudita - Iran: gli schieramenti in campo

Ecco la mappa dei Paesi che si sono subito messi al fianco di Riad e quelli invece che sostengono Teheran all'insegna del dualismo sunniti-sciiti

Iran-Arabia Saudita, il conflitto che apre l'anno più difficile del Medio Oriente

Rischio escalation: alle soluzioni politiche si sostituiscono le provocazioni. Lo scontro in puzzle sempre più complicato

Commenti