Economia

Italiani e spagnoli, chi è più ricco davvero

Per il Fondo Monetario Internazionale Madrid ci ha superato nel pil pro capite. Ma noi abbiamo meno debiti e più risparmi

Italia-Spagna bandiere

Andrea Telara

-

“Gli spagnoli sono diventati più ricchi degli italiani”. Così molti giornali e siti web hanno titolato di fronte alla pubblicazione dei dati del Fondo Monetario Internazionale (Fmi) sul valore del pil pro capite nelle maggiori economie industrializzate. Nel 2017, secondo gli analisti dell’Fmi, c’è stato un sorpasso che ha fatto notizia ma che, a ben guardare, era nell’aria da tempo. E’ appunto quello della Spagna ai danni dell’Italia che è riuscita a raggiungere un pil pro capite del 7% più alto, 38.286 dollari contro i 38.140 dollari. 

Il prezzo della crescita bassa

Di fronte a questi dati non c’è da stupirsi più di tanto se si considera che il nostro Paese è reduce da oltre un ventennio di bassa crescita, inframezzata anche da qualche anno di recessione negli anni più duri della crisi iniziata nel 2008. Anche l’economia spagnola ha sofferto molto nell’ultimo decennio ma oggi il pil iberico è tornato a crescere a un ritmo di circa il 2,8% su base annua, quasi il doppio rispetto all’1,5% dell’Italia. Andando avanti di questo passo, secondo diversi analisti, anche la Repubblica Ceca e la Slovacchia ci supereranno presto.

Ma basta il valore del pil pro capite per certificate la ricchezza di una popolazione? Questo indicatore, va ricordato, si calcola dividendo il valore assoluto del prodotto interno lordo di una nazione per il numero dei suoi abitanti. Il pil pro capite, insomma, certifica più che altro quanto produce in media ciascun cittadino ogni anno e fotografa dunque la ricchezza soltanto in parte. 

Il tesoretto delle famiglie 

Non va quindi dimenticato che ci sono ben altri indicatori che misurano il benessere di una popolazione. Ci sono per esempio il valore dei risparmi e quello dei debiti privati. Sotto questo profilo,  per il momento, gli italiani se la passano ancora meglio degli spagnoli. Mentre nella Penisola Iberica le attività finanziarie delle famiglie sono infatti pari al 187% del pil (cioè della ricchezza nazionale), a Sud delle Alpi ammontano invece al 248% (dati Eurostat aggiornati a fine 2016). Nello stesso tempo, le famiglie italiane hanno uno stock di debito privato inferiore al 55% del pil, contro il 69% circa di quelle spagnole. 

Tirando le somme, i nostri connazionali hanno meno debiti e più risparmi e la loro ricchezza finanziaria netta è pari a quasi il 190% del pil, contro il 120% dei “cugini” iberici. E’ vero che l’Italia ha un debito pubblico monstre pari al 130% del prodotto interno lordo. Anche il governo di Madrid non ha però molto da rallegrarsi sotto questo punto di vista,  poiché il suo indebitamento sfiora il 100% del pil ed è quasi triplicato in percentuale rispetto a 10 anni fa. 

Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perché la Spagna è miglior meta turistica al mondo

Secondo i dati dell'Onu il turismo mondiale è in crescita del 7%

Israele-Spagna, tifoso in campo: corre verso Isco con un coltello

Alla Spagna e alla Catalogna servono nuovi politici

Per sfuggire a uno scenario con possibili esiti catastrofici è necessario un ricambio ai vertici di Madrid e Barcellona: per negoziare davvero

Il peso della Catalogna nell'economia della Spagna

Con la secessione della regione di Barcellona, Madrid perderebbe un quinto dell'economia nazionale, tra industria e servizi

Crescita del Pil nel secondo trimestre del 2017: la maggiore dal 2011

L'aumento è stato dello 0,4%, l'1,5% in un anno. Il Ministro dell'Economia Padoan: ora investimenti, giovani e lotta alla povertà

Fmi: il Pil italiano cresce un pochino di più

Stime del Fondo monetario a + 1,3% per il 2017, all'1% nel 2018. Perdono slancio gli Usa e il Regno Unito post Brexit

Lottomatica, nel 2016 generati 2,3 miliardi di euro di Pil

Presentato il rapporto di comunità dell'azienda, che ha contribuito con 1,3 miliardi di euro al fisco e creato oltre 28 mila posti di lavoro

Pil a +0,9% a dicembre, meglio del previsto

L'andamento trimestrale è superiore alle stime del Governo (+0,8%) e se confermato a marzo sarebbe il miglior dato dal 2010

Gli effetti di un aumento del Pil sul nostro reddito

Le differenze in termini di capacità di spesa dipendono dal sesso, dall'età e dal lavoro svolto

Commenti