Economia

Fmi: il Pil italiano cresce un pochino di più

Stime del Fondo monetario a + 1,3% per il 2017, all'1% nel 2018. Perdono slancio gli Usa e il Regno Unito post Brexit

economia pil previsioni di crescita

Redazione Economia

-

Il Fondo monetario internazionale (Fmi) mette il timbro sulla crescita dell'economia italiana. L'aggiornamento del World economic outlook sostiene che la ripresa si rafforza e che lo spread è in calo.

Stime sul Pil: + 0,5% rispetto a quanto previsto in aprile; adesso siamo a una previsione di crescita per il 2017 all'1,3%. Sul 2018 il ritocco in positivo è dello 0,2% all'1%.

Numeri comunque leggermente meno rosei di quelli di Bankitalia, che ha pronosticato un Pil aumento dell'1,4% quest'anno e dell'1,3% nel 2018.

Il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, sottolinea che "un Paese che cresce di più delle previsioni è un Paese che può avere una legge di bilancio e un abbassamento del debito più significativo e importante".

Inoltre, osserva il premier, "dobbiamo registrare una cosa interessante perché l'Fmi aggiorna le previsioni di uno 0,2 nell'Eurozona, di uno 0,1 in Francia, di uno 0,2 in Germania e dello 0,5 per Italia: per altri Paesi è uno scalino che si sale, per l'Italia qualche scalino in più".

La zona Euro

Gli economisti di Washington, segnalano una ripresa più forte delle attese in tutta la zona euro, sottolineando come lo spread con i bund tedeschi si sia "fortemente compresso" in Italia, Francia e Spagna, per la "diminuzione dell'incertezza elettorale e per i segnali di ripresa in rafforzamento".

Le prospettive di crescita della zona euro quest'anno si collocano, secondo Fmi, all'1,9% (+0,2%) e nel 2018 all'1,7% (+0,1%).

Stime ritoccate al rialzo in tutti i principali Paesi dell'Eurozona: Germania su dello 0,2% nel 2017 e dello 0,1% nel 2018, rispettivamente all'1,8% e all'1,6%; per la Francia la correzione in alto un decimale per entrambi gli anni, all'1,5% nel 2017 e all'1,7% nel 2018. Vola la Spagna con un Pil in accelerazione al 3,1% quest'anno (+0,5%) e al 2,4% (+0,3%) nel 2018.

L'aumento della fiducia è testimoniato anche dal rafforzamento dell'euro, a fronte di un calo del dollaro per il peggioramento delle prospettive di crescita Usa.

Economia Uk

Frena invece l'economia britannica: il Fondo monetario internazionale ha rivisto al **ribasso dello 0,3% rispetto ad aprile le stime sul Pil del Regno Unito **quest'anno, atteso all'1,7%, con un'attività economica "più debole del previsto nel primo trimestre".

Inoltre, osserva il capo economista del Fondo, Maurice Obstfeld, "l'impatto finale" della Brexit, resta incerto".

Gli Stati Uniti

Decelerano anche gli Usa, dove le politiche di Trump si profilano meno espansive delle attese: Pil rivisto al ribasso dal 2,3% al 2,1% nel 2017 e dal 2,5% al 2,1% nel 2018.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Disoccupazione, perché resta ancora alta

A maggio il tasso dei senza lavoro è tornato a salire. Difficile che ci sia un calo marcato, senza una crescita sostenuta del pil

Disoccupazione da Robot? No, è colpa delle competenze sbagliate

Il mondo avanzato registra scarsità di manodopera non sovrabbondanza. Competenze insufficienti e "skill mismatch" più colpevoli dell'automazione

Lavoro: la disoccupazione ferma all'11,1%

Dai dati Istat di ottobre, situazione stabile rispetto a settembre. Cala quella giovanile al 34,7% il minimo dal 2012

Istat: risale il tasso di disoccupazione tra i giovani

Tasse sul lavoro: ecco come il governo intende ridurle

Il ministro Poletti annuncia l’intenzione di tagliare il cuneo contributivo, favorendo in particolare le assunzioni di giovani

Povertà, chi ha diritto al Sostegno d'inclusione attiva 2017

Come funziona il sussidio contro la povertà destinato a 400mila famiglie con un figlio minorenne e un reddito isee inferiore a 3mila euro.

Sussidi alla povertà, perché il Reddito di Inclusione non basta

Con il Def il governo stanzia 2 miliardi per dare un sostegno alle famiglie meno abbienti. Ma occorrerebbe stanziare più del doppio

Commenti