Il Jobs Act aiuterà i giovani e il lavoro

Lo ha detto Jyrki Katainen, vicepresidente della Commissone Ue per la crescita e l'occupazione che ha aggiunto: "Abbiamo bisogno di crescita economica"

Vice-president of European Commission Katainen in Italy

Il vice presidente della Commissione europea Jyrki Katainen - 15 gennaio 2015 – Credits: ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

Redazione Economia

-

"Il jobs act aiuterà ad assumere le persone ed è più equo rispetto ai giovani". Così il vicepresidente della Commissione Ue per la crescita e l'occupazione, Jyrki Katainen, in audizione a Montecitorio. E, aggiunge, "le riforme proposte sono incisive. "Le riforme proposte dal Governo italiano, sono importanti e secondo me, a titolo personale, sono tutte giuste e aumenteranno la competitività del Paese. Questo è quanto ci dicono gli operatori privati".

"È possibile che l'Italia possa sfruttare la nuova clausola sulla flessibilità dei conti pubblici" ha aggiunto Katainen. "Ma bisogna attendere le previsioni di primavera".

In Europa tanto denaro utilizzato male

"In Europa c'è  tantissimo denaro ma questi soldi non vengono utilizzati per gli investimenti per una serie di motivi" ha aggiunto Katainen. Occorre quindi  "impegnarsi per mobilitare i capitali privati per gli   investimenti produttivi. Questo ha portato alla realizzazione del Fondo europeo per gli investimenti strategici... Abbiamo bisogno tutti disperatamente di crescita economica, e uno dei motori principali sono gli investimenti della cui carenza soffrono tutti gli Stati membri europei. Per questo motivo la Commissione Juncker ha inteso darvi la massima priorità".

"Noi vogliamo far partire tutto, tutta la procedura, i progetti e il nuovo Fondo entro la fine del mese di giugno, per iniziare a offrire nuove possibilità alle pmi e ai progetti infrastrutturali... Il nostro Piano non risolve certo tutti i problemi del mondo e nemmeno dell'Europa, non è la bacchetta magica. La maggior parte delle medicine per creare lavoro sono nella disponibilità degli stati membri. Se mi chiedete come possono competere le aziende italiane rispetto alle aziende svizzere perchè la tassazione è più alta, questo è un tipico esempio di competenza nazionale.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Cosa devono fare gli Stati per aiutare la Bce

La Banca centrale europea lascia invariati i tassi e spiega i dettagli degli acquisti di titoli cartolarizzati. Ma chiede le riforme strutturali promesse

La Bce prepara il Quantitative easing, ma prima deve convincere Berlino

L’eurozona è flagellata dalla deflazione e Draghi è pronto a fare di più. La Germania resta scettica, ma la pressione sale. L’incognita delle riforme

Commenti