Grecia: lo spettro del fallimento

L'uscita del FMI dal tavolo negoziale è un monito ad Atene a fare sul serio. Tsipras rassicura: "Siamo vicini a un accordo". Ma non tutti ci credono

Grecia

Un cittadino di Atene cammina vicino a un palazzo abbandonato con un graffito che richiama la paura per il futuro – Credits: LOUISA GOULIAMAKI/AFP/Getty Images

Redazione Economia

-

Il giorno dopo la clamorosa uscita del Fmi dal tavolo negoziale con la Grecia, la trattativa non si interrompe ma si fa più accesa. Berlino e Bruxelles non considerano la mossa del Fmi un abbandono del negoziato, ma semmai un monito ad Atene a fare più sul serio e a smetterla di giocare d'azzardo sulle riforme. La conferma viene da Bruxelles, dove fonti Ue fanno sapere di aspettarsi per stasera nuove e concrete proposte da parte della Grecia. Ma proprio mentre le pressioni sul governo Tsipras si fanno sempre più forti, viene fatta trapelare la indiscrezione secondo cui per la prima volta gli sherpa dell'Eurogruppo discutono della possibilità di un default della Grecia e di un possibile piano B, alla luce dell'uscita del Fmi dal tavolo negoziale.

 

L'Euro Working Group, l'organismo tecnico dell'Eurogruppo, ha prefigurato tre possibili scenari, il meno probabile del quale è quello che prevede un'intesa in grado di consentire ad Atene di rimborsare pienamente i suoi creditori a fine giugno. Il secondo possibile scenario prevede un'estensione dell'attuale piano di salvataggio, che scade a giugno e il terzo scenario è quello, appunto, che prevede per la la prima volta un possibile default della Grecia. Fonti dell'eurogruppo fanno comunque sapere che quello di un default della Grecia e' uno scenario che  viene "citato come uno degli scenari  che possono verificarsi quando tutto va male", ma "non e' lo scenario a cui stiamo lavorando ora".

La Merkel si prepara al default

Il numero uno dell'Eurogruppo, l'olandese, Jeroen Dijsselbloem, considera "inimmaginabile" un accordo sulla Grecia senza il Fmi e subito dopo spiega che "l'intesa deve essere appropriata e, se sarà così, anche il Fmi vi parteciperà". Il negoziato, chiarisce, Dijsselbloem, resterà in fase di stallo finchè non arriveranno "serie proposte" da parte di Atene. Sulla stessa linea il presidente della commissione Ue, Jean Claude Juncker, secondo il quale ora "la palla è nel campo greco". Tocca ad Atene fare proposte credibili e poi si "ripartirà a livello tecnico", mentre "la politica arriverà dopo". Berlino precisa che, nonostante la mossa del Fmi, "la posizione della Germania non è cambiata". E che l'ultima spiaggia per Atene è la riunione dell'Eurogruppo del 18 giugno. "Non ci sono altri incontri in programma" spiega. Ma sempre da Berlino la Bild pubblica la notizia secondo cui la cancelliera Angela Merkel si sta preparando alla Grexit. Secondo la Bild, la Merkel si è convinta che "il default della Grecia è probabilmente inevitabile". E ora Berlino "in modo riservato" si prepara a questa eventualità. Tuttavia è la stessa Merkel a smontare la Bild, chiarendo che l'importante, in questa fase, è che tra Atene e i suoi creditori continui il dialogo.

Atene: l'accordo è vicino

"Siamo più vicini che mai a un accordo". Lo ha detto un funzionario del governo greco, che ha spiegato che la Grecia è pronta a presentare nuovo proposte ai creditori internazionali. Il funzionario ha spiegato che una delegazione di Atene incontrerà nuovamente esponenti delle istituzioni creditrici domani mattina. L'ennesimo capitolo di una saga infinita.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Grecia contro Ue: perché le trattative sono ferme

I funzionari europei criticano le posizioni del primo ministro Alexis Tsipras che in Europa è collaborativo e in patria garibaldino. E tutto resta immobile

La Grecia rifiuta la proposta dei creditori

Salta il negoziato tra la Ue e Atene che dice: "Le proposte aumenterebbero povertà e disoccupazione". Ma il vero problema si chiama Syriza

Crisi Grecia: perché la proposta di Tsipras non va bene

Su avanzo primario e riforma delle pensioni Atene e Commissione Ue continuano a non trovare l'accordo. E il 30 Giugno, data cruciale, si avvicina

Grecia in vendita

Case da comprare e vacanze di lusso: le grandi occasioni di un paese in saldo. Su Panorama in edicola dall'11 giugno

Grecia: arriva la scure di Standard & Poors

Declassata con outlook negativo e un avvertimento: senza accordo entro 12 mesi sarà default. Oggi, intanto, Tsipras incontra Juncker

Commenti