Euro

Grecia, default sempre più vicino

Negoziato fermo, dopo l'insuccesso dell'Eurogruppo. Atteso per lunedì l'intervento del summit dei capi di Stato

grecia crisi debito

È ancora stallo sulla Grecia e lunedì toccherà ai capi di Stato e di Governo dell'Eurozona, convocati d'urgenza, cercare di evitare quella che il commissario Pierre Moscovici ha definito la "catastrofe", cioè un default. Ipotesi che secondo il ministro greco Yanis Varoufakis si è "pericolosamente vicini ad accettare".

LEGGI ANCHE: Cosa accade se un Paese fallisce LEGGI ANCHE: Grecia fuori dall'Euro, istruzioni per l'uso


L'Eurogruppo non ha fatto alcun progresso, il negoziato è fermo, e i vertici della zona euro lanciano un ultimo appello ad Atene perché torni al tavolo delle trattative con proposte credibili e attuabili, perché quelle che ha presentato finora non sono né l'uno né l'altro. La frustrazione delle istituzioni, che hanno cercato di mediare e di presentare ad Atene più soluzioni, lascia ora il posto alla paura che il Paese sia pronto ad affrontare davvero l'ipotesi di un default: "Lancio un appello alla Grecia, torni al tavolo dei negoziati ed eviti un destino che sarebbe catastrofico", ha detto Moscovici.

 


Il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem è visibilmente teso al termine della riunione che ha preso atto dell'impossibilità di procedere. "È deplorevole che siano stati fatti cosi' pochi progressi e che un accordo non sia in vista", ha detto aprendo la conferenza stampa. Alla luce dello stallo, il presidente del Consiglio Ue Donald Tusk ha convocato un Eurosummit d'emergenza per lunedi' 22 alle 19. "È ora di discutere urgentemente la situazione della Grecia al più alto livello politico", ha scritto Tusk ai capi di Stato e di Governo. Atene, ha spiegato Dijsselbloem, ha finora presentato poche proposte e non coerenti con l'accordo del 20 febbraio, base del negoziato che "contiene già flessibilità" sia sulle misure, cioè può sostituire quelle del Memorandum con altre di uguale valore, sia sugli obiettivi di bilancio, sui quali le istituzioni già sono scese a compromessi. Ora "sta a loro presentarne altre", ha detto il presidente, ricordando che è dall'incontro con Tsipras e Juncker a Bruxelles che aspetta nuove proposte. Ma non sono mai arrivate.

E quelle presentate oggi dal ministro Yanis Varoufakis non sono nemmeno idee, sono troppo vaghe e troppo generali, e non affrontano le questioni di bilancio, fanno sapere i tecnici Ue. Invece servono proposte "misurabili, attuabili e credibili", ha detto il direttore del Fondo monetario internazionale Christine Lagarde che, irritata dalle recenti accuse di Varoufakis che ha definito "criminale" il Fmi, ha sottolineato l'esigenza di ristabilire un dialogo. "Ci può essere soluzione solo con dialogo, e ora l'emergenza è ristabilire il dialogo con gli adulti nella stanza", ha detto. Il problema più grande resta la questione del debito, da cui non si può prescindere secondo il Governo greco. Varoufakis ha riproposto ai colleghi la soluzione che prevede uno swap di titoli tra Bce ed Esm, ma è un'idea che possono valutare soltanto i capi di Stato, gli unici in grado di rinegoziare il debito di Atene.

E mentre cresce l'incertezza, il ministro dell'economia Pier Carlo Padoan rassicura sull'Italia, che è un Paese "assolutamente solido".(ANSA)

© Riproduzione Riservata

Commenti