Economia

Def, tutte le incognite della prossima manovra

Dal Documento di Economia e Finanza emerge la necessità per il governo di trattare ancora con Bruxelles per far aumentare il deficit

Padoan - Gentiloni

Andrea Telara

-

Una cornice che sta attorno a un quadro ancora in gran parte da riempire. Può essere definito così il Documento di economia e Finanza (Def) presentato tra ieri e oggi dal governo Gentiloni. Come ha ben ricordato l’economista Francesco Daveri, editorialista del sito Lavoce.info, bisogna evitare l’errore di considerare il Def come una vera e propria manovra economica contenente una lunga lista di nuove tasse o di tagli alla spesa. Quelli arriveranno soltanto a ottobre, con la presentazione della Legge di Stabilità del 2018, cioè la manovra economica del prossimo anno. Il Def, invece, è soltanto un documento programmatico con cui il governo Gentiloni fa una stima sull’andamento dei conti pubblici del prossimo triennio, scrivendo nero su bianco la crescita attesa del pil, l’ammontare del deficit e del debito pubblico, individuando  nel contempo le linee guida delle politiche fiscali da qui al 2019.

Leggi anche: Il Def spiegato

Leggi anche: I piani del governo sulle privatizzazioni

Leggi anche: Oltre il Pil, con il Def arriva l'indicatore di benessere


Il Def di quest’anno, però, ha una particolarità: la sua presentazione coincide con il varo di una piccola manovrina da 3,4 miliardi di euro che il governo ha messo in cantiere per correggere i conti pubblici del 2017, su richiesta dell’Europa. Inoltre, la presentazione del Def coincide pure con un piano nazionale delle riforme (Pdr) che l’esecutivo guidato da Paolo Gentiloni  illustrerà presto alle autorità di Bruxelles, per avere in cambio un po’ di benevolenza sulla gestione della finanza pubblica. Per questo, nelle ultime ore i resoconti e le notizie sul Def, sulla manovra bis e sul piano delle riforme si sono accavallati gli uni sugli altri, come se i tre provvedimenti fossero una cosa sola. Concentrandosi sul Documento di Economia e Finanza, però, ci sono pochi numeri da tenere sott’occhio.

Deficit e spese
 Il primo, più importante di tutti gli altri, riguarda il rapporto deficit/pil che dovrebbe attestarsi nel 2018 all’1,2%, contro il 2,1% di quest’anno. Il che significa, tradotto in soldoni, che entro pochi mesi il governo dovrà trovare quasi 15 miliardi di euro nelle maglie dei conti pubblici. Vanno poi aggiunti altri oneri, circa 3 o 4 miliardi, per coprire alcune spese già preventivate come i nuovi sussidi alla povertà (Reddito di Inclusione), gli aumenti di stipendio al pubblico impiego o gli sgravi contributivi ai neoassunti. Nel complesso, il governo deve dunque tirar fuori dal cilindro circa 20 miliardi in tutto con tagli alle spese o aumenti di imposta, da mettere in cantiere con la prossima Legge di Stabilità.


Le clausole di slvaguardia
Come se non bastasse, l’esecutivo dovrà cercare di disinnescare nel contempo le clausole di salvaguardia, cioè gli aumenti automatici d’imposta (e in particolare dell’iva) che valgono 19,5 miliardi di euro e scatteranno dal prossimo anno, per gli impegni presi in passato dall’Italia  con l’Europa, in cambio di un po’ di flessibilità sullo sforamento del deficit. Come sarà possibile sterilizzare queste clausole? Se lo chiede pure Paolo Zabeo, coordinatore dell’ufficio studi della Cgia, la confederazione degli artigiani di Mestre.  “Vista la situazione dei nostri conti pubblici”, dice Zabeo, “è molto probabile che il Governo non sarà in grado di recuperare con la legge di Stabilità tutti i 19,5 miliardi di euro necessari per evitare che, dal 2018 in poi, l’aliquota intermedia dell’iva passi dal 10 al 13% e quella più elevata dal 22 al 25%".

Trattative con Bruxelles
L’analista della Cgia ritiene che il ministro dell’economia Padoan sarà in grado di sterilizzare soltanto una parte dei 19,5 miliardi di aumento dell’iva. E in effetti, la prospettiva delineata dal Def sembra proprio questa. L’esecutivo cercherà di recuperare almeno 10 miliardi dei 19,5 legati alla  clausola di salavaguardia chiedendo a Bruxelles di aumentare il deficit pubblico del 2018 dall’1,2% preventivato all’1,8-2% del pil. Ancora una volta, insomma, i contenuti della prossima legge di Stabilità saranno legati a doppio filo alle trattative con Bruxelles, per avere un po’ di benevolenza sullo sforamento del disavanzo. Ma i negoziati con l’Ue, come insegna l’esperienza degli ultimi anni, sono sempre pieni di incognite proprio come questo Def, il primo e ultimo del governo Gentiloni.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Legge di Stabilità 2017: quanto vale la battaglia di Renzi con l'Ue

Tra spese per i migranti e gli aiuti ai terremotati ci sono in ballo circa 6 miliardi di euro e lo 0,4% del pil

Casero: "Legge di Stabilità 2017: è la strada giusta per ripartire"

Legge di Stabilità 2017. Le "slide" di Renzi | video

Legge di stabilità 2017: le cose da sapere

Votata la fiducia al Senato, la Manovra è legge. Dall'abolizione di Equitalia alle pensioni, imprese, famiglia ecco le principali misure

Il Def 2017 spiegato

Tra Iva, tagli al cuneo fiscale e privatizzazioni via libera al Documento di Economia e Finanza del governo Gentiloni

Commenti