Economia

Crescita economica, perché siamo ultimi in Europa

Per il Fondo Monetario Internazionale il nostro Paese è il fanalino di coda nel Vecchio Continente per incremento del Pil. Ecco le ragioni

Electrolux-fabbrica

Andrea Telara

-

Ultimi in Europa.  E’ il primato non molto lusinghiero che l’Italia può oggi vantare per quel che riguarda la crescita economica. A dirlo è stato di recente il Fondo Monetario internazionale (Fmi), che ha aggiornato le sue previsioni sull’aumento del pil nei maggiori paesi industrializzati. Nel 2019 il prodotto interno lordo in Italia salirà dell’1%, in Gran Bretagna dell’1,5%, in Francia dell’1,6%, in Germania dell’1,9% e in Spagna del 2,2%. 

Poca occupazione 

I dati dell’Fmi dimostrano dunque che, pur essendo uscito dalla crisi come tutta l’Europa, il nostro Paese cresce ancora a un ritmo inferiore al resto del continente, come è sempre avvenuto da 20 anni a questa parte. Abbiamo insomma i soliti ritardi strutturali che zavorrano la nostra economia. Il tasso di occupazione, cioè la quota di persone tra 20 e 65 anni che lavorano, è tuttora molto basso. E’ pari al 62% circa, inferiore a quello della Spagna (65,5%), della Francia (70% circa) e della Germania (79%). 

Bassa produttività

In Italia c’è poi da anni un problema di bassa produttività che il Fondo Monetario consiglia di risolvere con maggiore flessibilità dei salari nelle  aziende. Se calcoliamo il pil prodotto per ora lavorata, per esempio, si vede che in media questo indicatore è cresciuto dello 0,3% all’anno nel nostro Paese, 6 o 7 volte meno rispetto alle più grandi nazioni del Vecchio Continente. 

Riforme e controriforme 

Con questi numeri, anche se gli anni più neri della crisi sono alle spalle, è difficile che la nostra economia torni a viaggiare come un treno. Cresciamo sì, ma gli altri crescono di più, proprio come avveniva 15 o 20 anni fa quando il pil mondiale marciava spedito e noi andavamo così così. Il Fondo Monetario Internazionale  ha invitato l’Italia a non fare l’errore di cancellare alcune leggi come il Jobs Act e la Riforma Fornero delle pensioni che, piacciano o non piacciano, hanno fatto sì che il numero di persone presenti nel mercato del lavoro aumentasse. E’ un messaggio indiretto al governo Conte che, almeno per quel che riguarda le pensioni, non verrà accolto. 


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pil, perché rallenta per colpa della politica

L’ incertezza sulle misure del governo frenano consumi e investimenti. Così l’economia italiana ne risente

Pil, perché in Italia rallenta

Occupazione e potere d'acquisto delle famiglie deboli. Per questo l’economia del nostro Paese tira il freno

Pil, perché l’economia è in frenata

La crescita italiana si fermerà all’1,2% nel 2018 e ad appena l’1% nel 2019. Pesano le incertezze politiche e il calo delle esportazioni

Crescita del pil, perché siamo ancora ultimi in Europa

Nel 2017 il prodotto interno lordo è salito dell’1,4%, il massimo dal 2010. Ma altri paesi come la Germania e la Spagna viaggiano a un ritmo quasi doppio

Pil, cos’è che spinge davvero la ripresa

L’agenzia S&P esprime giudizi positivi sulla nostra economia. Merito di investimenti ed export, mentre le banche danno ancora pochi soldi alle aziende

PIL: cosa sono i 12 nuovi indicatori

Misurano il benessere equo e sostenibile e soprattutto l’impatto delle politiche su queste tematiche

Pil, perché in Italia la crescita accelera

Gli analisti dell'Ocse, di S&P e dell'Istat prevedono un miglioramento dell’economia. Ma in Europa siamo ancora indietro

Crescita del pil, cosa serve ancora all'economia italiana

La ripresa del Paese è trainata dall’export e dai consumi. Gli investimenti continuano invece ad arrancare, almeno in certi settori come l’immobiliare

Lottomatica, nel 2016 generati 2,3 miliardi di euro di Pil

Presentato il rapporto di comunità dell'azienda, che ha contribuito con 1,3 miliardi di euro al fisco e creato oltre 28 mila posti di lavoro

Fmi: il Pil italiano cresce un pochino di più

Stime del Fondo monetario a + 1,3% per il 2017, all'1% nel 2018. Perdono slancio gli Usa e il Regno Unito post Brexit

Crescita del Pil nel secondo trimestre del 2017: la maggiore dal 2011

L'aumento è stato dello 0,4%, l'1,5% in un anno. Il Ministro dell'Economia Padoan: ora investimenti, giovani e lotta alla povertà

Commenti