Crediti in sofferenza: perché per qualcuno sono un business

A fronte di banche che provano a liberarsi di poste di bilancio a rischio riscossione, ci sono società che su questi finanziamenti riescono a lucrare

salva-banche

Striscione di protesta contro il decreto salva-banche – Credits: ANSA/GIUSEPPE LAMI

Giuseppe Cordasco

-

“L’obiettivo è guadagnare”. È questa la spiegazione semplice, lapidaria, ma quanto mai efficace che Paolo Gualtieri, economista dell’Università Cattolica, fornisce quando gli si chiede che interesse abbiano alcune società finanziarie a rilevare i crediti in sofferenza delle banche. Un tema, è proprio il caso di dirlo, di strettissima attualità, con istituti di credito italiani che attualmente sono alle prese con finanziamenti a rischio, difficilmente esigibili, dell’ordine di qualche centinaio di miliardi di euro. Insomma, non proprio bruscolini. Eppure, come detto, c’è chi su questi crediti in sofferenza riesce a fare business.

Banca Marche, Etruria, Carichieti e Carife: storia di una crisi


“Il meccanismo – spiega Gualtieri, che è ordinario di Economia degli intermediari finanziari – è abbastanza semplice: una banca ha un credito pari a 100, che può derivare da una linea di liquidità fornita a un’impresa oppure anche da un mutuo concesso a un privato cittadino. Ad un certo punto si rende conto che rientrare di questa esposizione sarà difficile, e iscrive nel proprio bilancio la posta iniziale di 100, con un nuovo valore, più realistico, pari a 50”. È a questo punto che entrano in scena le società che come attività rilevano i crediti in sofferenza. Si tratta solitamente di grandi fondi internazionali gestiti da professionisti della finanza. “La società in questione – continua Gualtieri – entra in contatto con l’istituto di credito in sofferenza e gli propone di rilevare il finanziamento a rischio a un valore, mettiamo pari a 35 o 40. Direttamente dunque la società finanziaria si cautela con un margine iniziale pari a 10 o 15. Poi ovviamente dovrà cercare di rientrare della somma, e spesso ci riesce”.

Banca Marche, Etruria, Carife e CariChieti: cosa rischiano i correntisti


Viene dunque spontaneo chiedersi a questo punto, perché queste società riescano là dove le banche falliscono o comunque pensano fin dall’inizio di non avere grandi margini di manovra. “Le ragioni – afferma Gualtieri – sono diverse. Innanzitutto siamo di fronte a società con una forte specializzazione. Le banche fanno diverse attività, tra le quali il recupero crediti è solo una delle tante. Le finanziarie che rilevano i crediti in sofferenza invece lavorano in maniera specifica su questo”. Per farlo ovviamente utilizzano a loro volta professionisti, come ad esempio avvocati, che sono estremamente specializzati su questi temi. “Il tutto poi – prosegue Gualtieri – avviene in tempi molto rapidi, che permettono di ammortizzare in maniera plausibile l’acquisizione di un determinato credito. Cosa che spesso non può fare la banca, che spera in tempi decisamente più lunghi di rientrare se non altro in parte del dovuto”.

Mps, cosa succede dopo il no all'aumento di capitale


C’è poi un altro fattore quanto mai determinate che ha a che fare con la funzione stessa della banca e con i suoi rapporti con il territorio. “Gli istituti di credito – fa notare Gualtieri – spesso hanno rapporti molto stretti e di lunga data con quegli stessi interlocutori da cui dovrebbero esigere crediti arretrati, come ad esempio le imprese. Una sorta di invischiamento che non permette di agire con la decisione che ci vuole in questi casi. Da questo punto di vista invece, le società finanziarie che rilevano i crediti in sofferenza sono decisamente più libere da qualsiasi vincolo e – conclude - possono dunque agire con maggiore efficacia”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Banche: mutui raddoppiati nel 2015

Abi: nei primi 11 mesi aumento di quasi il 100%. Surroghe per il 32%. Preferiti i tassi fissi

Banche in crisi e risparmi: cosa cambia nel 2016 con il bail-in

Per fare chiarezza e dissipare i dubbi dei risparmiatori Bankitalia e Abi hanno pubblicato due documenti. Ecco una sintesi

Banche in crisi in Italia: i motivi di un collasso

Il problema sono i crediti deterioriati. La BCE punta il faro su 6 istituti. Riusciranno a coprire le perdite? Il mercato specula e dice no

Banche, quali sono le più solide

Finecobank, Mediolanum, Ifis, Banca Generali, IntesaSanpaolo e Ubi. Ecco gli istituti che hanno una patrimonializzazione più alta della media

Commenti