Così la Lombardia punta sul turismo

#inLombard1a è il progetto per la formazione dei nuovi operatori che dovranno promuovere al meglio il patrimonio turistico-culturale della regione

panoramaditalia-mantova-maroni

Il presidente della Lombardia Roberto Maroni a Panorama d'Italia a Mantova – Credits: Silvia Morara

Sergio Luciano

-

Problema: come prendere una regione nota in tutto il mondo per la sua vocazione industriale, eppure ricca come poche altre di straordinarie attrattive turistiche e farne “anche” la prima regione d'Italia per turismo? Risposta: formando gli operatori turistici della regione e insegnandogli ad essere i più bravi, non solo d'Italia.

È una semplificazione, certo, ma il progetto di formazione #inLombard1a, lanciato dall'assessorato allo Sviluppo Economico della Regione, punta esattamente a questo risultato. La Lombardia piace e attira ma può e deve piacere e attirare ancora di più: sta in noi che ci viviamo e in quelli di noi che offrono servizi turistici, diventare ancora più bravi e convincenti per attrarre ancora più turisti da tutto il mondo.

E dunque? Dunque ecco un progetto di otto tappe in giro per il territorio lombardo, con oltre 200 operatori turistici per tappa, un programma densissimo di formazione - a insegnare, un gruppo di tutor di assoluto livello - per rispondere al meglio alle sfide del momento: l'avanzata del turismo “social”, il marketing digitale, la concorrenza crescente delle nuove mete turistiche, europee e non, le esigenze sempre più sfidanti del pubblico.

La voglia di leadership turistica, al centro del programma della giunta Maroni e declinata con grande determinazione dall'assessore allo Sviluppo Economico Mauro Parolini, trasuda addirittura dal nome del programma, dove la “i” di Lombardia viene, non a caso, sostituita da un evocativo numero 1.

Si comincia il 20 febbraio prossimo, a Erba - nella sede di Larofiere - dove tra le 15,15 e le 18 si svolgeranno parallelamente ben otto sessioni didattiche. Questi i temi: Culto dell'accoglienza, Turismo Oggi, Social Media Marketing, Big Data e Sentiment Online, Food Meets Tourism, Human TTT, Content Marketing:: storytelling e videotelling, Prodotti esperienziali e servizi, InLombardia, promuoversi insieme, Cicloturismo di InLombardia. Come dire: ce n'è per tutte le specializzazioni e le competenze.
Alle 18,15, talk show plenario e confronto informale tra gli operatori-discenti e i loro tutor per condividere, alla fin fine, cosa davvero può offrire di meglio il loro territorio e come sfruttarlo: largo, dunque, alle “best practice” locali, ai casi positivi e ai  risultati migliori, con I vari ospiti che converseranno col conduttore della giornata Giacomo Biraghi.

Ma attenzione: quella di Erba è solo la prima delle otto tappe, dedicata al territorio di Como, Lecco e Monza. Subito dopo, la “carovana formativa” di #inLombard1a si fermera a Brescia, per raggiungere anche gli operatori di Iseo e della Franciacorta; poi in marzo scalo a Cremona, spaziando anche sul Lodigiano, il Pavese e il Mantovano.

Tappa forte subito dopo a Varese, tra lago, montagne e Sacro Monte, patrimonio dell'Unesco; e poi ancora Bergamo, col suo centro storico incantevole e con le sue valli; quindi Sondrio, successivamente il Garda e - gran finale - Milano.

Un evento clou, quello nella metropoli, per fare un bilancio sia di #inLombard1a che, più in generale, dell'anno del turismo che la Regione ha lanciato appunto a maggio del 2016 e che si conclude con all'attivo una serie di performance, non solo mediatiche ma anche e soprattutto di pubblico, che all'inizio non venivano previste neanche nelle più rosee aspettative, come la straordinaria sfida delle passerelle dorate di Christo sul lago d'Iseo.

In ogni appuntamento il ruolo di Explora, la società di Regione Lombardia sarà quello di coordinamento e gestione dell'intero progetto, che presenterà i suoi contenuti elaborati insieme con i vari territori per la valorizzazione, promozione e comunicazione della destinazione Lombardia. Già, perché oltre allo scopo didattico e formativo, #inLombard1a ne ha, comunque, anche uno promozionale verso gli addetti ai lavori ma anche verso il pubblico indistinto. La chiamata ad un “orgoglio regionale” e la provocatoria ambizione di diventare regione leader in Italia sono temi di grande appeal e dibattito - anche sui social - per tutti i cittadini lombardi.

© Riproduzione Riservata

Commenti