Carta d'identità elettronica: come funziona

Dal 26 aprile, verrà estesa al 50% della popolazione la disponibilità del nuovo documento personale dotato di microchip. Ecco a cosa serve

carta-identità

Un'immagine della carta d'identità elettronica – Credits: Ansa

Andrea Telara

-

Dal 26 aprile, in 350 Comuni italiani arriva la Carta d'Identità Elettronica (Cie), una tessera di plastica dotata di banda magnetica e microprocessore che sostituisce il vecchio documento d'identità cartaceo. Possedere la Cie non è obbligatorio poiché la vecchia carta mantiene la validità fino alla scadenza. Chi desidera avere la nuova tessera, tuttavia, può farne richiesta al proprio Comune e usufruire così con più facilità dei servizi che la pubblica amministrazione eroga via internet. Ecco, di seguito, una panoramica di come funziona la Cie.


A cosa serve

La carta di identità elettronica è dotata di un microchip e di un pin, con cui  sarà molto più facile accedere ai servizi online della pubblica amministrazione attraverso  il Sistema Pubblico di Identità Digitale (Spid).

Leggi anche. la password unica della pubblica amministrazione


I Comuni che la emettono

Attualmente sono 199 i Comuni che emettono la carta d'identità elettronica. Dal 26 aprile si aggiungeranno altre 350 città, raggiungendo così 50% della popolazione italiana. L'elenco dei Comuni emittenti è disponibile a questo link.



Come richiederla

La carta può essere richiesta al Comune di residenza in qualsiasi momento. Il cittadino dovrà recarsi negli uffici municipali munito della vecchia carta d'identità e di una fototessera, in formato cartaceo o su una chiavetta Usb. Per velocizzare le operazioni di rilascio, è consigliabile presentarsi all’atto della richiesta muniti anche di codice fiscale o tessera sanitaria.

Leggi anche: La riforma digitale della Pubblica amministrazione

I costi

Per avere la carta elettronica al posto di quella vecchia di carta, bisognerà pagare una tariffa di 16,79 euro.

Quanto dura

La scadenza della carta d'identità elettronica varia a seconda dell'età del titolare, secondo il seguente schema:

-3 anni per i minori di età inferiore a 3 anni;
-5 anni per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni;
-10 anni per i maggiorenni.


Donazione degli organi


Al momento in cui fa richiesta della carta elettronica, il cittadino può dare il consenso preventivo alla donazione degli organi in caso di morte. Le informazioni sulla sua volontà saranno incluse nei dati immagazzinati sulla carta

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lavoro, tasse, pubblica amministrazione e banche: ecco le riforme che l'Europa ci chiede ancora

L'Ue promuove i conti dell'Italia, ma vuole misure strutturali per la crescita. Il giudizio in vista dell'Ecofin

I debiti della pubblica amministrazione non sono debiti

Il paradosso del decreto sui pagamenti alle imprese e tutta l'incoerenza dell'Europa

Riforma della pubblica amministrazione: 5 novità per il 2017

Dalle nuove regole per i dirigenti alle Camere di commercio, passando per i servizi pubblici locali: ecco come cambierà la macchina statale

Carta d'identità elettronica? Funziona, sulla carta

Resoconto di un paese diviso tra sogni tecnologici ed istituzioni da medioevo

Decreto sviluppo, agenda digitale e start up al via

Approvate le norme per la digitalizzazione della macchina statale e la nascita di aziende innovative

L'Agenda digitale bloccata tra decreti e nomine

Avrebbe dovuto portare risparmi e crescita. Ma il grande piano di rinnovamento dello Stato e del Paese è bloccato in tre ministeri. E l'Agenzia che dovrebbe attuarlo è ancora in attesa di nomine

Commenti