I dieci brand più amati in Italia

Mulino Bianco, Ferrero e Barilla guidano la classifica di Havas Media Group. A livello mondiale vince la tecnologia con la triade Google, Samsung e Microsoft

Il marchio Mulino Bianco è il più amato in Italia (Credits: Imago Economica)

Cinzia Meoni

-

In tempi di recessione la fiducia degli italiani è riposta nella dispense e nei frigoriferi. E infatti, secondo la ricerca Meaningful Brands 2013 realizzata da Havas Media Group, i marchi più amati nel Bel Paese sono nell’ordine Mulino Bianco (gruppo Barilla), Ferrero e Barilla . “I brand food piacciono agli italiani perché sono gratificanti” sostiene Isabelle Harvie-Watt, ceo di Havas Media Group in Italia che nota anche l’ottimo posizionamento di marchi retail con un buon rapporto qualità/prezzo. Il che, con la recessione che attanaglia il Paese, è comprensibile: il low cost piace, tanto più se proposto da una catena di distribuzione conosciuta. Tra i primi 25 brand infatti, l’Italia annovera Ikea al 4° posto (il gruppo svedese registra il punteggio più alto proprio in Italia), Decathlon (al 6°), Coop (all’8°),Conad (al 15°), Oviesse (al 17°), Esselunga (al 18°), H&M (al 19°), Zara (al 20°). A livello mondiale vince invece la tecnologia, con le prime tre posizioni occupate da Google, Samsung e Microsoft. Si consideri che, in Italia, il primo brand in ambito tecnologico (in senso ampio) è Vodafone, al 25° posto.

I NUMERI DELL’ANALISI E I TREND MONDIALI.
L’indagine è stata realizzata intervistando oltre 134mila consumatori di 23 Paesi su 700 marchi. Oggi lo studio misura l’effettiva percezione e l’impatto del brand sul benessere personale del singolo consumatore, precedendo come riferimento i benefici avvertiti su ben dodici parametri (salute, felicità, benessere economico, relazioni e senso di appartenenza ad una società). La sintesi è espressa dal Meaningful Brand Index (MBI), un indice che ha riflessi significativi anche sul fronte finanziario. “Statisticamente il Meaningful Brand Index, ha registrato un andamento del 120% superiore rispetto al listino di riferimento” evidenzia la nota di Havas Media.

I consumatori tuttavia stanno diventando sempre più smaliziati: più della metà degli intervistati (il 54%) afferma di non credere nei brand, i due terzi (il 73%) dichiara che non si accorgerebbe se le maggiori marche analizzate sparissero e solo il 20% ritiene abbiano un impatto positivo nella propria vita. Tra i più scettici ci sono gli europei per cui il 93% è convinto di poter rinunciare ai brand (rispetto al 92% negli Usa, 52% in America Latina e 49% in Asia), contro un 5% che riconosce loro un ruolo rilevante nel proprio quotidiano. Il 71% degli intervistati a livello mondiale e ben l’83% degli italiani crede però che i brand dovrebbero svolgere un ruolo maggiore nel migliorare il loro benessere e qualità della vita (solo il 34% crede che lo stiano già facendo).

LA TOP TEN ITALIANA

1 – Mulino Bianco con un MBI Index di 77,4
2 – Ferrero  con un MBI Index di 76,8
3– Barilla con un MBI Index di 76.6
4 – Ikea con un MBI Index di 76,3 - Al 6° nella classifica globale (pari merito con Dove)
5 – Nivea con un MBI Index di 75,2
6 – Decathlon con un MBI Index di 75
7 - Lavazza con un MBI Index di 74,1
8 – Coop con un MBI Index di 73,6
9 – Dove con un MBI Index di 73,3-Al 6° nella classifica globale (pari merito con Ikea)
10 – Garnier con un MBI Index di 71,3

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Apple batte Google alla guerra dei brand. La top ten mondiale

Il marchio creato da Steve Jobs vale 185 miliardi di euro. Gucci e Prada rappesentano l'Italia nella top 100

Commenti