Economia

Banca Etruria: nessun ostacolo alla vigilanza, assolti i tre imputati

Sotto accusa c'erano l'ex presidente, l'ex direttore generale e l'ex direttore centrale, al vertice dal 2011 al 2015

Banca Etruria sportello

Redazione

-

I tre imputati per ostacolo alla vigilanza sono stati assolti. Si tratta dell'ex presidente di Banca Etruria Giuseppe Fornasari, l'ex dg Luca Bronchi e il direttore centrale Davide Canestri imputati per ostacolo alla Vigilanza.

La decisione è stata presa dal gup del tribunale di Arezzo Annamaria Lopresti.

Sotto accusa c'erano tutti gli ex vertici che hanno governato l'istituto dal 2011 fino al commissariamento avvenuto nel febbraio 2015.

Il procuratore capo Roberto Rossi e la Pm Jiulia Maggiore avevano chiesto 2,8 anni di carcere per Fornasari e Bronchi e 2 anni per Canestri. (AGI)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Banca Etruria: la Gdf perquisisce la sede centrale di Arezzo

Il fine è quello di acquisire una serie di documenti utili al procedimento per truffa e istigazione al suicidio del pensionato Luigi D'Angelo

Banca Etruria: dai vertici l'ordine di piazzare i bond

Banca Etruria e le altre: perché le vogliono gli americani

Tre fondi statunitensi candidati a rilevare le good bank che hanno ereditato le attività sane dell'istituto aretino e di Banca Marche, CariChieti e CariFe

Banca Etruria, i tre "omissis" del Csm nell’inchiesta sul procuratore di Arezzo

Per il potenziale conflitto di interessi di Roberto Rossi il plenum del Consiglio ha tenuto una posizione morbida. Su Panorama in edicola dal 6 ottobre

Banca Marche, Etruria, Carichieti e Carife: perché sono di nuovo nei guai

Il 30 settembre è scaduto il termine per la vendita. La Commissione Ue ha concesso un'ulteriore proroga ma non si trova ancora un compratore

Tutti i silenzi di Banca Etruria

Nella relazione finale del Csm sul procuratore Rossi spariscono i riferimenti imbarazzanti ai suoi rapporti con il governo Renzi. E con la famiglia Boschi

Commenti