Aziende

Victoria's Secret: la concorrenza è online e si chiama Adore Me

Il nuovo marchio punta sulla formula del fast fashion e corteggia gli Under 35

Taylor Hill

Taylor Hill, uno degli angeli di Victoria's Secret – Credits: Daniel Boczarski/Getty Images for Victoria's Secret

Il marchio di lingerie americano Victoria’s Secret ha un nuovo concorrente: Adore Me. Lo riferisce Business Insider che racconta come il brand di intimo, nato a New York nel 2012, punti sul fast fashion - la formula di Zara ed H&M, per intendersi -, complice un mix fatto di: velocità, prezzo, internet e immagine. Invitati sul set per gli scatti della nuova campagna con protagonista la modella Vanessa Fonseca, i giornalisti di Business Insider hanno potuto approfondire la conoscenza con l'azienda, grazie a Sharon Klapka, direttore del business e responsabile dello sviluppo del marchio che, tanto per cominciare, ha spiegato che le modelle bionde non fanno vendere intimo. E’ anche per questa che le  bionde sono ritratte per Adore Me  - è il caso della brasiliana Simone Villas Boas - con un look molto naturale e senza ritocchi. “Adore Me cerca modelle con cui le clienti possano desiderare di diventare amiche, invece di percepirle come rivali”. Per la campagna tv, invece, l’azienda si è ispirata a Youtube e ha realizzato un commercial che parla il linguaggio dei Millennials: meno patinato e più in linea con i toni di Instragram e Snapchat. Il 75% dei clienti, infatti, è Under 35 ed è anche per questa ragione che la vendita avviene rigorosamente online e la spedizione è gratuita. Una scelta che, comunque, punta anche a contrastare la presenza del marchio concorrente che conta oltre 900 punti vendita negli Stati Uniti.

In linea con le “leggi” del fast fashion, Adore Me lancia ogni mese una nuova collezione di prodotti in vendita al prezzo unico di 39.95 dollari. Le clienti possono comprare la novità o sottoscrivere un abbonamento e ricevere mensilmente le nuove referenze. Ogni modello, inoltre, è realizzato in tutte le taglie da extra small a extra large. Come se non bastasse, il team di designer è guidato da Helen Mears, la celebre disegnatrice di lingerie di Victoria’s Secret. Quanto al giro d’affari, l’azienda ha chiuso il 2012 a 1,1 milioni di dollari. Nel 2013, ha totalizzato 5,6 milioni di dollari, nel 2014 le vendite hanno superato i 16 milioni di dollari e l’azienda ha conquistato il secondo posto fra le start-up che crescono più velocemente, secondo la classifica di Inc 5000. L’obiettivo per quest’anno, secondo Klapka, è di un’ulteriore espansione, necessaria per battere un marchio storico come La Perla.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Se il brand dell’intimo mette al bando Photoshop

Per il lancio della sua nuova collezione di lingerie, American Eagle dice no al fotoritocco. Le giovani modelle appaiono per la prima volta con rughe, tatuaggi, piccole smagliature e altre imperfezioni al naturale

Commenti