Aziende

Transizione Alimentare: per mangiare in modo sempre più responsabile

Ecco la strategia Carrefour Italia per un'alimentazione sostenibile

Carrello_spesa

Redazione

-

Concretizzare la consapevolezza verso un consumo sostenibile e responsabile, favorire la democratizzazione del biologico e valorizzare la filiera in un'ottica di maggiore sicurezza e trasparenza: sono questi i tre pilastri della strategia "Transizione Alimentare 2022" di Carrefour Italia. È questa la risposta data al cambiamento globale che richiede un'alimentazione sempre più responsabile e sostenibile.

"Il futuro dell'alimentazione deve essere sostenibile e progettato in un’ottica olistica, e deve tenere in considerazione tutti gli aspetti che impattano sul nostro Pianeta", afferma Stéphane Coum, amministratore delegato di Carrefour Italia. "Grazie al ruolo di osservatore privilegiato dei trend di consumo, Carrefour Italia, come tutta la GDO (grande distribuzione organizzata, ndr), deve assumersi la responsabilità sociale di guidare in questo processo di cambiamento tutti gli attori coinvolti lungo l'intera filiera, dal produttore al consumatore".

  • Pilastro 1: concretizzare la consapevolezza verso il consumo sostenibile e responsabile

La grande distribuzione ha un ruolo centrale nella proposta delle scelte alimentari dei consumatori e deve assumersi la responsabilità di scegliere i propri fornitori, certificare l’origine, la qualità e la sicurezza nella filiera ed educare al futuro dell’alimentazione.

Per agire sinergicamente, è necessario leggere i contesti in maniera sempre più approfondita e specializzata, raccontando modalità e obiettivi della Transizione Alimentare, al fine di creare consapevolezza e raccogliere azioni concrete e replicabili.

Per questo Carrefour Italia ha deciso di affiancare al suo team un Advisory Board, un organo esterno e indipendente, pronto a leggere gli ambiti chiave di questo percorso di cambiamento.

  • Pilastro 2: favorire la democratizzazione del biologico

Oggi quattro consumatori su cinque sono già consapevoli dell’esistenza di uno stretto legame tra qualità dell’alimentazione e salute, e chiedono per il futuro cibi più sani, sostenibili e a prezzi accessibili.

Carrefour Italia ha per questo ampliato la gamma dei prodotti biologici (con almeno 600 referenze) e ha l'obiettivo di rendere questo segmento più accessibile ai consumatori, riducendo i prezzi e democratizzando i consumi. 

  • Pilastro 3: valorizzazione della filiera in un'ottica di maggior sicurezza e trasparenza

Nel 2018 Carrefour Italia ha messo in essere la tecnologia blockchain, impegnandosi a garantire la tracciabilità dell'intera filiera e la totale trasparenza verso il consumatore. Il primo prodotto a esser stato mappato con questa tecnologia è stato il pollo a marchio Filiera Qualità Carrefour, allevato all’aperto e senza antibiotici.

Dal 29 settembre, in tutti i punti vendita il cliente finale sarà in grado di verificare digitalmente e in tempo reale le informazioni legate all'intera filiera di questo prodotto, dalla sua origine all’arrivo al punto vendita, semplicemente inquadrando un QR Code. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Al supermercato dei test genetici

Una mostra al Muse di Trento fa riflettere sulle opportunità e i rischi della genomica di consumo

È in Olanda il primo supermercato senza plastica

Una filiale della catena Ekoplaza ad Amsterdam ha inaugurato una corsia interamente dedicata a prodotti alimentari in confezioni di materiali alternativi

Commenti