Aziende

Tim, Vivendi e la Cassa Depositi e Prestiti: le cose da sapere

Lo Stato, tramite Cdp, acquista il 5% della compagnia telefonica controllata (di fatto) dai francesi. Ecco come si è arrivati a questo intreccio

Tim-Logo

Andrea Telara

-

A  scendere in campo ora è il braccio finanziario dello Stato: la Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) che gestisce una montagna di risparmi degli italiani tramite i Buoni fruttiferi postali. La società controllata dal Ministero dell’Economia e guidata dal banchiere Claudio Costamagna (ex-Goldman Sachs) ha deciso di acquistare il 5% di Tim, colosso telefonico nazionale oggi controllato (di fatto) dai francesi di Vivendi.  Perché questa decisione? 

Attorno a Tim, oggi si gioca una partita delicata, in cui si intrecciano diversi interessi: politici, finanziari e industriali. L’intervento della Cdp è senz’altro legato ai contrasti che nei mesi scorsi hanno visto contrapposti  Vivendi e il governo italiano per la gestione della rete delle telecomunicazioni nazionali e per  il controllo di un’azienda strategica come Tim. Ma ecco, di seguito, una panoramica di come si è arrivati alla situazione attuale. 

Assalto francese

Il colosso dei media transalpino  Vivendi, che fa capo al noto finanziere Vincent Bolloré, ha acquisito da tempo una partecipazione rilevante nel capitale di Tim, fino a quasi il 24%. Non si tratta della maggioranza assoluta ma è quanto basta per avere la meglio nell’assemblea dei soci e nominare la maggior parte dei membri del consiglio di amministrazione. Dentro Tim, insomma, oggi comandano i francesi. 

I contrasti con Calenda 

Pur non avendo il potere di fermare i francesi, lo scorso anno il governo italiano, attraverso il ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, ha cercato di frenarne l’azione. Per le aziende come Tim che hanno una rilevanza strategica per l’economia nazionale, infatti, in Europa sono in vigore le regole dei Golden Powers, che impongono di tenere informato il governo su alcune decisioni importanti nella gestione. 

Se le norme sui Golden Powers vengono violate, un governo nazionale può decidere di infliggere una multa a una società straniera che non le ha rispettate. E’ proprio ciò che è avvenuto con Tim. Il ministro Calenda ha infatti contestato a Vivendi  di non averlo tenuto informato quando rastrellava le azioni della compagnia italiana e ha voluto esercitare i Golden Powers con relativa multa. Una decisione contro cui Vicendi si è opposta facendo ricorso al Tar. 

Il nodo della rete 

Da tempo, il governo preme inoltre per separare il business principale di Tim (cioè la gestione dei servizi di telecomunicazione) dalla proprietà della rete telefonica, che viene considerata un asset importantissimo per l’economia italiana. In particolare, l’esecutivo vorrebbe che la rete delle telecomunicazioni in mano a Tim venisse fusa con Open Fiber, un ‘altra società controllata dal colosso pubblico Enel che sta investendo nella banda larga, cioè nelle infrastrutture internet di nuova generazione. L’unione con Open Fiber incontra però l’opposizione di Vivendi. 

Interessi nazionali 

Proprio per i contrasti sulla rete, l’ingresso di Cdp in Tim viene visto oggi come un intervento a difesa degli interessi nazionali. Tutte le maggiori forze politiche, dal centrodestra al Pd fino al Movimento 5 Stelle, sono infatti concordi nel voler arginare il ruolo dei soci francesi di Tim , almeno in difesa della rete di telecomunicazioni. Per contrastare gli azionisti  transalpini, la Cassa Depositi e prestiti potrebbe avere come alleato il fondo statunitense Elliot che ha rastrellato nelle scorse settimane azioni della compagnia telefonica per circa il 10%. 

Per saperne di più



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Tim, Vivendi e la Cassa Depositi e Prestiti: le cose da sapere

Lo Stato, tramite Cdp, acquista il 5% della compagnia telefonica controllata (di fatto) dai francesi. Ecco come si è arrivati a questo intreccio

Tim "amica" di Sanremo

1372 robot ballano insieme nello spot Tim da Guinness dei Primati | video

Tim-Vivendi: Golden Power, cos’è e a cosa serve

Come funzionano i poteri speciali con cui il governo sta interferendo nella gestione di Tim contro i francesi di Vivendi

Tim Cook a Firenze parla di tasse e Trump, poi omaggia Steve Jobs

Il numero uno di Apple risponde alle domande degli studenti italiani, spaziando tra il futuro della tecnologia, la cronaca e i ricordi

iPhone 8 e 8 Plus: i prezzi con Tim, Vodafone, Tre e Wind

Quanto costano e cosa offrono i piani (abbonamento e ricaricabili) degli operatori per l'acquisto del nuovo Melafonino nella versione con schermo "classico"

Tim-Vivendi, le cose da sapere

Tentativi di scalate abortiti, golden power e trattative col governo sulla rete. Tutti gli equilibri in campo nella partita sulla società della telefonia

Tin Star: foto e trailer della nuova serie con Tim Roth

Il cattivissimo Roth veste per una volta i panni del poliziotto (buono), in una serie scritta dallo stesso autore di 28 settimane dopo

Samsung Galaxy Note 8: i prezzi con Vodafone, Tim, Tre e Wind

Quanto costano e cosa offrono i piani (abbonamento e ricaricabili) degli operatori per l'acquisto del nuovo smartphone extralarge di Samsung

Fine del roaming: come cambiano le tariffe di Tim, Vodafone, Wind 3

Cosa cambia per chi ha una SIM italiana con l'abolizione delle tariffe di roaming all'interno dell'Unione Europea

Tim, i perché delle dimissioni di Cattaneo

Il manager del gruppo telefonico oggi lascia il suo posto dopo soli 18 mesi di incarico. I contrasti con i soci francesi di Vivendi

Commenti