Aziende

Tesla, arriva la Model Y ma l'auto della svolta è la 3

Da Los Angeles l'annuncio della nuova vettura elettrica della casa californiana. Un Musk ottimista circondato dai fan ricorda i successi dell'azienda

Guido Fontanelli

-

Circondato da un pubblico da concerto rock, Elon Musk, amministratore delegato della Tesla, ha presentato giovedì 14 marzo a Los Angeles la quarta auto elettrica nella gamma della casa automobilistica californiana. È la attesissima Model Y (foto), un crossover compatto, costruito sulla piattaforma della Model 3, con 7 posti,un’accelerazione da brivido (3,5 secondi per arrivare a 100 chilometri orari) e un’autonomia fino a 480 chilometri. E soprattutto ad un prezzo non proibitivo: si parte, negli Usa, da 39 mila dollari. La nuova creatura di Musk sarà in vendita dall’autunno del 2020. Prma di presentare la nuova auto, Musk ha ripercorso i successi delle Tesla, che pur continuando a chiudere i bilanci annuali in perdita, ha allargato via via la sua azione della piccola Roadster fino alla Gigafactory che dovrebbe essere aperta in Cina.
Tesla intanto ha ampliato dallo scorso anno la sua offerta con la Model 3, in vendita da poche settimane anche in Europa. Potrebbe essere l’auto della svolta per la Tesla. Fino ad ora nella gamma della casa californiana c’erano vetture riservate a pochi: le Model S e X costano infatti più di 90 mila euro. La Model 3 invece costa 35 mila dollari negli Usa (tasse escluse) e anche in Europa il suo prezzo dovrebbe scendere dagli attuali 56 mila euro e 45 mila circa. Così, grazie alla Model 3, la Tesla potrebbe arrivare a produrre quasi 500 mila vetture nel 2019.
Nel 2018 il gruppo realizzato un fatturato di 21 miliardi di dollari e ha venduto 245 mila auto, quante ne ha consegnate in tutti gli anni precedenti messi insieme. Un boom dovuto al successo della Model 3, venduta in 145 mila esemplari.

© Riproduzione Riservata

Commenti