Stress-test: perché la Borsa ha bocciato le banche italiane

Penalizzati gli istituti che danno credito alle famiglie e alle imprese rispetto a quelli esposti con prodotti derivati. Come le banche tedesche - IL VIDEO

bce-francoforte

La sede della Bce a Francoforte – Credits: DANIEL ROLAND/AFP/Getty Images

C'è qualcosa che non torna sugli stress test della Bce sui 130 istituti bancari europei sotto osservazione e che hanno bocciato due banche italiane: Mps e Carige. Quello che non torna sono le reazioni del mercato che, pur consapevole già da tempo dei risultati resi pubblici solo ieri, ha scagliato un'ondata di vendite non solo sulle due banche incriminate ma sull'intero comparto finanziario.

Cosa è successo? Che il metodo con cui sono stati fatti questi stress test dimostra come dare credito alle famiglie e alle imprese venga considerato più "rischioso" del far operazioni di trading azionario o di tipo più speculativo purché realizzate tra operatori istituzionali.

Ecco dunque che il sistema bancario tedesco, per esempio, risulta paradossalmente più sicuro di quello italiano come vi spieghiamo in questo video:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Stress test, le conseguenze per le banche

Domenica la Bce divulgherà i dati delle prove di bilancio di 131 banche dell'Eurozona, di cui 15 made in Italy. Pronto il valzer delle fusioni

Stress test: perché hanno penalizzato le banche italiane

Per l'Italia calcoli su scenari improbabili. E non sono stati considerati gli aiuti pubblici: 250 miliardi in Germania contro i 4 miliardi di Roma

Mps, Carige e gli stress test: cosa cambia per i risparmiatori

Nessun problema per i correntisti delle due banche bocciati all'esame della Bce. Alcune incognite, invece, per gli azionisti e gli obbligazionisti

Commenti