Pomigliano: molte Panda, meno cassa integrazione

Fca ha annullato la sospensione dal lavoro prevista per il 23 febbraio. Un buon segnale per il mercato

Stabilimento Fiat a Pomigliano – Credits: Ansa/Stringer

Redazione

-

Fca ha annullato la cassa integrazione prevista nello stabilimento di Pomigliano il 23 febbraio per soddisfare l'aumento di richieste della Panda. Si lavorerà al sabato il 14, 21 e 28 febbraio solo il primo turno. I lavoratori dello stabilimento Fiat-Chrysler di Pomigliano d'Arco (Napoli) saranno dunque anche chiamati a tre sabati di straordinario per ''maggiori acquisizioni di ordini da consegnare entro febbraio''. Lo annuncia Raffaele Apetino, segretario regionale per il settore auto della Fim Campania, il quale sottolinea che si tratta di ''una notizia sicuramente positiva, segno di una ripresa del mercato. Una ripresa - aggiunge - che deve però trovare conferma nei mesi successivi e per questo ci vedremo con la direzione aziendale entro la fine del mese per approfondire l'andamento di mercato e valutare ricadute positive occupazionali per i lavoratori ancora in regime di contratto di solidarieta'''.

"Entro fine mese - ha detto Apetino - intendiamo comunque chiedere un incontro con l'azienda per approfondire l'andamento del mercato anche per gli altri modelli e valutare le possibili ricadute positive per l'occupazione" visto che a Pomigliano sono ancora 1.900 i contratti di solidarietà. Stabilmente il sito di Pomigliano occupa attualmente 2.384 addetti.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Così Fca a Melfi crea 1.500 nuovi posti di lavoro

I numeri e le modalità del piano di Sergio Marchionne che da Detroit annuncia la ripresa per gli stabilimenti italiani

Conti Fca: migliorano, ma l'Europa perde ancora

A un anno dalla fusione Fiat-Chrysler, Marchionne è soddisfatto dei numeri e ai dipendenti dice: “Let’s continue to dream big”

Commenti